dieta settimanale franco berrino

pancia piatta leitv

52: (1,55×1,55) = 52 : 2,4025 = 21,6 valore ottimale del peso forma

Trovi maggiori informazioni a questo link (clicca qui): Calcolo peso ideale

In premenopausa e in menopausa il metabolismo della donna cambia: per quanto riguarda la dieta, sono sconsigliate le diete proteiche. Questa dieta proteica non è quindi adatta a te.

Inoltre l’obesità classe II è una situazione grave per la salute. Puoi leggere maggiori informazioni in merito in questo articolo: Obesità e rischi per la salute

Nel tuo caso, è necessario rivolgerti al più presto presso un dietologo o un nutrizionista per seguire un lungo percorso con una dieta personalizzata. Sarà lo stesso dietologo a consigliarti eventuali analisi mediche di accertamento per verificare se i tuoi valori rientrano nella norma.

“Provare” a seguire una delle diete presenti sul nostro sito, non risolve il tuo problema di peso e di salute (questa dieta è adatta per chi è in sovrappeso, tu purtroppo sei in obesità classe II).

Hai bisogno di essere seguita da un dietologo per intraprendere un programma dietetico adatto e sul lungo periodo: fallo per la tua salute.

Io ho iniziato da poco questa dieta e vorrei sapere se posso farla in quanto ho 49 anni e da un po’ sono in premenopausa. Sono alta 155 cm e peso 90 kg.

Buongiorno Anna, ti abbiamo già risposto in data 2 febbraio 2017. Al momento non abbiamo diete vegane pubblicate sul sito. Per seguire in modo corretto una dieta vegana, ti consigliamo quindi di acquistare il libro VegPyramid in cui ci sono indicazioni utili per una corretta alimentazione e diverse diete vegane.

Trovi maggiori informazioni sul libro a questo link: Come seguire una dieta vegana

Le sostituzioni dei cibi che richiedi non sono applicabili alla dieta proteica proposta che si basa proprio su carne, pesce, formaggi e uova abbinati alle verdure. Sono tutti cibi che un vegano non mangia, ad eccezione delle verdure.

Salve sono Anna e sono vegana, come posso sostituire carne, pesce e uova?

Buonasera Gloria, lo yogurt nella dieta è presente solo a colazione e nella merenda del pomeriggio. Puoi sostituire lo yogurt con un frutto fresco di stagione ma evita le noci perchè sono troppo caloriche. Considera che la dieta proteica va seguita solo per 1 mese, poi occorre cambiare regime dietetico.

Se avverti fame fuori pasto, è meglio mangiare finocchi o carote crude: placano la fame, danno un senso di sazietà, sono verdure ricche di fibre e favoriscono la regolarità intestinale, hanno pochissime calorie e non compromettono i risultati della dieta. Contro eventuali attacchi di fame, fai quindi scorta di carote e finocchi.

Come ulteriore aiuto, ti consigliamo inoltre di passare in erboristeria ed acquistare il Glucomannano: è un integratore alimentare naturale utile da assumere nelle diete dimagranti. Trovi maggiori informazioni a questo link: Glucomannano integratore dimagrante

Salve, mi avete consigliato di seguire questa dieta (lasciando quella del post gravidanza) dicendomi di informarvi se non avessi gradito qualcosa.

Mi va bene tutto ma lo yogurt non lo gradisco quindi mi rimane il buco del pomeriggio che è poi il momento in cui patisco più la fame. posso invertire la merenda con lo spuntino? o mangiare noci o simili?

Buongiorno Anna, al momento non abbiamo diete vegane pubblicate sul sito, ma lo faremo presente ai dietologi e ai nutrizionisti che collaborano con noi. Per seguire in modo corretto una dieta vegana, ti consigliamo quindi di acquistare il libro VegPyramid in cui ci sono indicazioni utili per una corretta alimentazione e diverse diete vegane.

Trovi maggiori informazioni sul libro a questo link: Come seguire una dieta vegana

Salve sono Anna, è possibile avere sostituzioni nella dieta proteica con proteine vegan? Grazie

Buongiorno Annalisa, per prima cosa ti calcoliamo il tuo peso forma ideale per verificare quanto devi effettivamente dimangrire.

Ovvero: il peso in chili va diviso per il calcolo della statura al quadrato.

- Sottopeso: valore inferiore a 18,5 (magrezza eccessiva)

- Normopeso: valore compreso tra 18,5 e 24,9 (peso normale: peso-forma)

- Sovrappeso: valore compreso tra 25,0 e 29,9

- Obesità classe I: valore compreso tra 30,0 e 34,9

- Obesità classe II: valore compreso tra 35,0 e 39,9

- Obesità classe III: valore uguale o superiore a 40

In base alla tabella dei valori tu rientri ancora nel normopeso, ma sei al limite con l’inizio del sovrappeso.

Il valore ottimale del peso forma per una donna è compreso tra 21-22, per raggiungerlo devi perdere 7,3 chili. Il tuo peso ideale è di 62,7 kg per una donna della tua statura:

62,7: (1,71×1,71) = 62,7 : 2,9241 = 21,4 valore ottimale del peso forma.

perder peso teniendo hipotiroidismo

  • I prodotti a base di farinacei come pasta e pane fanno ingrassare: Il grano e le farine in genere non fanno ingrassare, ovviamente a patto di consumare porzioni proporzionali al proprio fabbisogno calorico; sarebbe opportuno consumarli almeno in parte nelle rispettive varietà integrali, ma sono e devono rimanere la base dell’alimentazione (dopo verdura e frutta).
  • Per dimagrire è necessario evitare il consumo di qualsiasi forma di grasso: I grassi, come le proteine e i carboidrati, sono nutrienti essenziali che devono far parte di qualsiasi dieta, il limite è invece solo relativo alle quantità e alla scelta, che deve privilegiare acidi grassi sani (principalmente contenuti nel pesce azzurro e nei prodotti di origine vegetale, come noci e olio d’oliva). Vanno tuttavia evitati eccessi, in quanto l’apporto calorico a parità di quantità è decisamente superiore a carboidrati e proteine.
  • La dieta vegetariana permette di dimagrire più velocemente: Vi è diversa letteratura a supporto della scelta vegetariana in termini di salute, ma questo non significa che per dimagrire sia necessario adottarla (o quantomeno non completamente); in linea generale è corretto puntare a un maggior consumo di derivati vegetali rispetto a prodotti di origine animale, ma per dimagrire rimane necessario consumare meno calorie di quelle che si bruciano, a prescindere da eventuali regimi vegetariani o vegani.
  • L’attività fisica serve solo se praticata per lunghi periodi: Non è necessario dedicare intere giornate al movimento, in genere si considera come obiettivo realistico è sufficiente praticare 150 minuti di attività fisica intensa alla settimana.
  • Le abitudini acquisite da piccoli sono difficili da cambiare quando si diventa adulti: questo discorso vale certamente anche per le abitudini alimentari e per quelle relative all’attività fisica.

  • seguono una dieta poco sana e sono poco attivi,
  • mangiano alimenti molto calorici e ricchi di grassi e tendono ad evitare la frutta e la verdura,
  • passano molto tempo davanti ai videogiochi o al computer anziché fare attività fisica.
  • Chi già durante l’infanzia è in sovrappeso corre un rischio maggiore di diventare obeso in età adulta. I bambini in sovrappeso possono iniziare a soffrire di problemi connessi al peso, come l’ipertensione e il diabete, già in tenera età. Si può capire se un bambino è in sovrappeso o obeso usando l’indice di massa corporea specifico per i bambini e gli adolescenti.

    Per abituare vostro figlio a una dieta sana e a un’attività fisica corretta è possibile:

  • Limitare il tempo trascorso davanti alla TV, ai videogiochi e al computer.
  • Cercare di fargli fare attività fisica per almeno un’ora al giorno.
  • Scoprire se nella vostra zona ci sono corsi e attività sportive adatti ai vostri figli.
  • Chiedere direttamente a vostro figlio quale attività fisica vorrebbe provare.
  • Pianificare attività fisiche che coinvolgano tutta la famiglia: passeggiate, escursioni o partite a calcio.
  • Aiutare i vostri figli a scegliere alimenti sani.
  • Farvi aiutare dai vostri figli a ideare e preparare pasti sani.
  • Cercare di non fare altro mentre si mangia, ad esempio non guardare la TV.
  • Dare ai vostri figli spuntini sani, a base di frutta, cereali integrali e verdure.
  • Coinvolgere tutta la famiglia nel progetto di seguire una dieta sana.
  • Non fare preferenze tra i vostri figli in base al loro peso.
  • I bambini ripetono ciò che vedono fare e non fanno sempre ciò che viene loro ordinato, quindi dovete essere voi un buon esempio per i vostri figli.

    I bambini impareranno a mangiare bene e ad essere attivi per imitazione, guardando ciò che fate voi.

    Impegnarsi a diventare un buon modello per i vostri figli può voler dire insegnare e imparare abitudini che, una volta acquisite, regaleranno loro una vita sana e attiva!

    Tenere sotto controllo il proprio peso è sempre una buona idea, perché vi aiuta a rimanere in salute, previene le malattie e vi fa risparmiare il denaro che altrimenti dovreste destinare alle cure mediche. Per mantenere un peso sano, di solito è sufficiente scegliere alimenti sani e fare attività fisica.

    Non è sufficiente mettersi a dieta e iniziare a fare attività fisica solo per alcune settimane o alcuni mesi. Ci si deve impegnare a seguire uno stile di vita corretto per tutta la vita, altrimenti si rischia di recuperare il peso perso.

    Quando si prova una dieta, è opportuno concentrarsi su un dimagrimento graduale e sul mantenimento dei risultati sul lungo periodo. Dimagrire il più in fretta possibile non serve a nulla. È invece fondamentale variare la scelta degli alimenti e permettersi qualche trasgressione moderata di tanto in tanto.

    Per essere fisicamente attivi, è opportuno inserire l’attività fisica nella propria routine quotidiana. Quando si sceglie il tipo di attività, è fondamentale optare per una che appassioni. Gli obiettivi dovrebbero essere flessibili e realistici e non bisognerebbe cercare di fare tutto subito.

    Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista). Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

    Perdere peso in fretta e con il minimo della fatica è il sogno di tutte noi. Con questi 10 trucchi per dimagrire velocemente potrete sfoggiare una linea invidiabile in poco tempo, senza dover fare troppe rinunce. Dal movimento alla regolarità dei pasti, dalle tisane dimagranti alle strategie di acquisto: scoprite tutti i sistemi più indicati per dimagrire in un batter d'occhio!

    Siete alla ricerca di trucchi per dimagrire velocemente? Eccovi servite! Perdere peso in poco tempo è possibile: basta seguire questi semplici consigli che vanno dall'alimentazione all'attività fisica, fino a veri e propri trucchetti per evitare di abbuffarvi a sproposito.

    Il primo trucco per dimagrire in fretta è aumentare l'esercizio fisico e muoversi di più. L'ideale sarebbe dedicarsi con costanza a uno di questi sport, i più indicati per un dimagrimento rapido.

    dieta settimanale franco berrino

    Sconsigliamo di affidarsi in maniera incondizionata alle diete che si trovano nel web, in quanto potrebbero non essere adatte rispetto alla propria situazione.

    Perdere peso richiede una grande costanza e molta determinazione. È del tutto inutile perdere qualche kg nell’arco di un mese, se dopo non si ha la volontà di impostare un’alimentazione sana e costante nel tempo.

    Le diete che promettono di perdere più di 5-6 kg al mese in genere non sono molto affidabile per un semplice motivo: quello che si perde non è solamente adipe, ma anche le masse muscolari, e si tende alla disidratazione dei tessuti (che fa perdere peso). Si tratta del modo migliore per riacquistare peso una volta terminata la dieta.

    Ma quindi, alla luce di tutto ciò, come perdere peso in maniera efficace? Vediamo qualche consiglio.

    Fare attività fisica con regolarità, per esempio iscrivendosi in palestra, è la prima cosa da fare per perdere peso.

    Fare attività fisica è un ottimo modo per dimagrire in quanto permette di fare muscoli e di distribuire in maniera omogenea il grasso in accesso, di aumentare il metabolismo, di migliorare il generale stato di benessere del corpo. Per esempio, quando si fa attività fisica con costanza, l’umore migliora, e si corre meno rischio di sviluppare patologie come per esempio il diabete, i problemi al cuore, l’ipertensione, e via dicendo.

    La migliore attività fisica da fare per perdere peso è quella aerobica, come jogging, corsa, palestra, sci di fondo, ciclismo.

    Bisognerebbe fare attività fisica almeno tre volte a settimana, per mezz’ora o un’ora, e ovviamente associare alla palestra anche una sana dieta ed un’alimentazione equilibrata, per non rovinare i benefici ottenuti.

    Il numero di calorie che si consuma facendo sport varia a seconda del tipo di attività fisica.

    Oltre che ad attività fisica costante e buona alimentazione, si può pensare, per perdere peso, alle classiche diete. Come abbiamo detto esistono numerose tipologie di diete che hanno lo scopo di far perdere peso.

    Alcune diete mirano ad aumentare l’assunzione di proteine a scapito dei carboidrati. È il caso della dieta Atkins, che è diventata molto famosa negli USA ed in Italia. Si tratta di un regime alimentare a basso contenuto di glucidi, che cerca di soddisfare i bisogno del corpo per mezzo di lipidi e di proteine.

    La dieta Atkins riesce a far dimagrire in quanto riesce a mantenere costanti i livelli di insulina, riuscendo a trasformare il corpo in una macchina che brucia i lipidi. Limitando quasi del tutto l’assunzione di carboidrati, questo regime obbliga il corpo ad usare l’energia dei lipidi e delle proteine. Si tratta di una dieta che tende a favorire un senso di sazietà, quindi scoraggia all’assunzione del cibo; grazie all’apporto di proteine aumenta il metabolismo.

    Simile alla dieta Atkins è la dieta metabolica che promette di ottenere degli ottimi risultati in breve tempo. La dieta metabolica favorisce anch’essa l’assunzione di grassi e di proteine. La dieta metabolica si snoda in diverse fasi; la prima, di prova (per vedere quanto la dieta possa essere sopportata dall’individuo) dura 4 settimane.

    Fra le diete iperproteiche non ne mancano di originali come la Paleodieta: essa si basa su un ritorno all’alimentazione dell’uomo al paleolitico, quel periodo storico in cui l’uomo mangiava soprattutto cibi a componente proteica.

    Fra i carboidrati consentiti, frutta e verdura, che rilasciano meno insulina rispetto a pasta e pane o cereali.

    La dieta paleolitica consiste nel fare piccoli pasti, poco abbondanti, nel mangiare carne rossa o bianca, nel dissociare gli alimenti (evitando quindi di mischiare proteine diverse). Ovviamente componente indispensabile della dieta è anche l’attività fisica.

    Altra tipologia di dieta per dimagrire sono quelle monotematiche, che si basano, quindi, sull’assunzione di un particolare alimento.

    La dieta a bassissime calorie è basata su un regime alimentare che sta sotto il fabbisogno calorico dell’uomo adulto (in genere sulle 2000 kcal). Questo tipo di dieta non dovrebbe mai essere intrapreso in autonomia perché può comportare dei deficit nutrizionali; è necessario quindi assumere degli integratori che forniscano tutti i nutrienti necessari per il benessere del corpo.

    Queste diete fra l’altro vengono adottate nei casi gravi di obesità patologica, quando si rende necessario un intervento chirurgico per dimagrire, o per la cura dell’obesità che resiste ad altri tipi di diete. Non devono mai essere intrapresi senza controllo medico.

    La dieta Lemme è anch’essa una dieta monotematica che prende il nome dal suo inventore, un farmacista, e che si basa sulle associazioni alimentari; anch’essa è una dieta controversa e non dovrebbe mai essere iniziata senza il controllo del medico.

    Altro regime alimentare molto famoso per perdere peso è la Dieta a zona.

    La dieta a zona si tratta di un regime alimentare che è volto ad equilibrare l’assunzione di grassi, proteine e carboidrati per raggiungere uno stato psico-fisico ottimale.

    La dieta a zona è utile per eliminare un po’ di grasso corporeo; prevede che ogni pasto faccia assumere delle quantità adeguate di carboidrati, grassi e proteine. Lascia intercorrere uno spazio di 5 ore fra ogni pasto (la giornata si articola in tre pasti principali e due spuntini) ed elimina quasi del tutto dolci, pasta, riso, cereali raffinati e pane, che stimolano l’insulina.

    Come abbiamo ricapitolato, nessuna di queste diete dovrebbe essere presa sottogamba e chiunque voglia dimagrire deve rivolgersi al proprio dietologo per ottenere un preventivo di dieta personalizzata.

    Powered by WordPress. Impronta designed by Quema Labs.

    Chiunque ha seguito una dieta ipocalorica sa che all'inizio si perde peso velocemente, poi si fa sempre più fatica per dimagrire, finché, dopo qualche settimana o qualche mese, spesso la perdita di peso si arresta.

    In questo articolo capiremo la differenza tra dimagrire, ovvero perdere massa grassa, e perdere peso e basta, senza distinzione riguardo l'origine della perdita di peso.

    Il nostro peso corporeo è costituito da:

  • organi interni (cuore, fegato, milza, ecc);
  • contenuto dello stomaco e dell'intestino.
  • La massa ossea e quella degli organi, in condizioni normali di salute, non variano in tempi brevi, dunque la variazione di peso a breve termine dipende da come variano i liquidi corporei, il glicogeno muscolare, il contenuto dell'intestino, i muscoli e il grasso corporeo.

    Se il nostro desiderio è quello di dimagrire, allora dobbiamo perdere peso solo attraverso una perdita di grasso, tuttavia non possiamo impedire che gli altri parametri subiscano variazioni e quindi è importante comprendere come possono variare e in funzione di cosa, per valutare correttamente il dato fornito dalla bilancia.

    dieta settimanale franco berrino

  • Non utilizzare troppo sale negli alimenti.
  • Non fare lo sforzo di mangiare sano da solo, ma cerca di coinvolgere tutta la famiglia.
  • Non andare mai al letto a stomaco vuoto. E’ vero che la cena deve essere leggera, e preferibilmente senza carboidrati, ma almeno mangia uno yogurt o bevi un succo.
  • Questo articolo è stato scritto il 12 settembre 2007 nella categoria Alimentazione, taggato Tag:dieta, Diete, regimi dietetici

    Concordo con il contenuto dell’articolo, personalmente sono succube della “forte tentazione di fare uno strappo alla regola” e pure per solitudine, depressione, noia,tristezza, ansia! tanto poi se voglio riesco a perdere di nuovo i chili che voglio…

    Attorno a me, trovo una specie di gelosia quando perdo peso, mi si dice: “ma mangia ! cosa credi di fare ? tanto col tempo li riprenderai…

    Dipende quindi da noi e dalla nostra volonta’! si deve riuscire a non cedere mai ! neanche per le feste.

    Per me é piu’ facile non cedere mai che farlo con moderazione.

    La moderazione é l’inizio della trasgressione e del cedimento graduale e poi definitivo…e si deve ricominciare da capo.

    Vivo in Camargue da due anni e pur essendo un posto piacevole mi manca l’Italia nostra, e quindi la ritrovo con la cucina…

    buonasera dottore io sono una ragazza di 24 anni e ho 2 bambine l’inizio della seconda gravidanza pesavo 100 chili,al termine della gravidanza pesavo 109 chili pero’ questi 9 chili li ho persi subito dopo partorito.Il problema rimanevano questi 100 chili cosi’ 6 mesi fa’ mi sono messa a dieta da un dietologo e fino adesso ho perso 30 chili adesso sono 70 chili per un’altezza di 168 cm.Il dietologo dice che va’ bene cosi’ e fare quella di mantenimento ma io voglio finire di perdere chili vorrei arrivare a 64-65 chili.La mia domanda e’ questa se ci sara’ una terza gravidanza,perche’ io sono giovane,cosa fara’ il mio corpo riprenderei di nuovo tutti i chili persi.Grazie per la sua disponibilita’.

    ho appena letto l articolo ed è molto bello è motivante!sto a dieta da quasi 5 mesi ho perso 28 kg sno felicissima!spero con tutta me stessa di non tornare mai piu come ero prima 121kg.

    durante il pranzo e la cene insieme alla carne si possono mangiare i galletti di riso senza sale?

    Durante il pranzo vorrei mangiare pane e pasta come faccio?

    Buongiorno, sono una ragazza di 22 anni di nome jessica, sono alta 1.57 e peso circa 53 chili, vorrei, se possibile una dieta equilibrata sana e giusta per mantenere il mio peso perchè io e il mio compagno stiamo cercando di avere un bambino e vorrei alimentarmi in modo corretto affinchè vada tutto bene… attendo speranziosa una vostra risposta, un bacio e un saluto a chi risponderà….:-)

    Salve, certamente l’argoomento pane-pasta all’interno dello stesso pasto è uno dei più dibattuti e, per la bontà dei due alimenti in questione, di maggior interesse tra i pazienti. Nulla esclude nulla: l’importante è, se si vuole consumare entrambi nello stesso pasto, lavorare sull’apporto di entrambi. Occorreè sapere che 80 g di pasta corrispondono circa a 90 g di pane bianco, motivo per il quale, basandoci sulla quantità portata ad esempio, se si riduce la porzione di pasta da 80 g a 50 g, ad esempio, sarà possibile consumare anche 40 g di pane. Occorre porre molta attenzione alle quantità di carboidrati, specialmente nelle diete di dimagrimento (mai ridurle del tutto però!).

    Spero di essere stato utile e, soprattutto, chiaro.

    Salve, come avrà intuito dagli articoli pubblicati o dai miei interventi precedenti, sono, e credo di rappresentare anche la politica del sito in questo, piuttosto cauto nel fornire consigli o diete attraverso la rete. E’ evidente infatti la necessità di una visita personalizzata volta a conoscere le abitudini del paziente (corrette o sbagliate) e la situazione fisiologica dell’organismo in questione (miusurazioni e stima del metabolismo basale). Conoscendo questi aspetti, si sarà in grado certamente di elaborare un piano dietetico adatto a Lei. Il consiglio è di rivolgersi ad un esperto in nutrizione le posso assicurare che potrebbe venire a conoscenza, anche in un tono molto cordiale, del giusto modo in cui orientare le sue scelte alimentari.

    Salve a tutti…..io ero in forte sovrappeso di colpo ho eliminato tutto il cibo spazzatura , le fritture, il dolce in generale sostituendo il tutto con cibo sani pasta e pane integrale tantissima verdura e frutta legumi e ortaggi ee come per miracolo ho Gian perso 3o chili in appena 4 mesi………vi chiedo: non mi starò facendo del male. Ci tengo a sottolineare che non ho eliminato nessun tipo di alimento sano dai cereali ai legumi ecc. ecc. in più fa ccio 30 minuti al giorno di corsetta…….

    Salve, innanzitutto vorrei farLe i complimenti per la tenacia e l’impegno che ha messo in gioco al fine di raggiungere un tale obiettivo. Generalmente se si giunge ad un calo ponderale così importante con un’alimentazione bilanciata e adatta al suo metabolismo non dovrebbe sussistere problema, specialmente se il tutto è supportato da un’adeguata attività fisica (come nel Suo caso). Tuttavia consiglierei sempre di rivolgersi ad un esperto che possa, anche a posteriori, identificare il Suo fabbisogno metabolico, tenendo conto delle Sue misurazioni antropometriche e del Suo stile di vita, anche per stilare insieme una possibile dieta di mantenimento.

    Rinnovando le mie congratulazioni, porgo cordiali saluti.

    Salve a tutti,ho 36 anni e circa due anni fà ho perso 25 chili da 92 sono passato a 67 con la dieta metabolica. Dopo il periodo iniziale durato circa tre mesi,dove ho perso tutti il 25 chili,ho continuato sempre con questa dieta riuscendo a mantenere sempre lo stesso peso. E’ una dieta un pò estrema ma,io riesco a seguirla perchè,avendo il sabato e la domenica liberi,mi permette di mangiare di tutto anche i dolci e in qualsiasi quantità.Dopo due anni però,vorrei cambiare e tornare a una dieta dove mangio carboidrati tutti i giorni, mi spaventa un pò il fatto di non avere piu i due giorni liberi.si può con una dieta di carbo tutti i giorni avere per lo meno un giorno libero.

    Salve, certamente il suo problema è molto comune e molte persone chiedono consiglio su come poter tornare a seguire una dieta “regolare”, dopo aver seguito un regime alimentare piuttosto “estremo”. Personalmente, non ritengo quest’ultima soluzione come la più appropriata, ma inquanto le necessità primarie, a mio avviso, sono: preservare la massa magra e la funzionalità epatica e renale, e, soprattutto, di non stravolgere le abitudini alimentari consigliate. Certamente le diete molto restrittive, anche a seconda dei casi, possono comunque garantire risulati e, se gestite saggiamente, anche a lungo termine. Tuttavia nel suo caso consiglio una attenta e graduale variazione, in quanto il cambiamento improvviso può essere visto come agente stressante dal suo organismo. Consiglio quindi molta gradualità nel reinserimento dei carboidsrati ed attività fisica regolare. Sinceramente preferirei una dieta più equilibrata nella settimana, senza giornate libere, ma ripeto, questo è solo il mio punto di vista.

    Sono una Donna di 34 anni, giovanile, sportiva e sopratutto vegetariana da 12 anni.

    Negli ultimi mesi sto perdendo troppi chili..da 52 a 46 per un metro e settanta di altezza.

    Ma mangio di tutto! Pane verdure, frutta yogurt, dolci e cioccolato e pizza una Volta alla settimana.

    Il mio problema sono gli Altri Che mi dicono Che sono anoressica ma non e’ vero! Non vomito! Mangio piu di loro ma sto attenta alle calorie, cammino in salita, faccio aerobica e yoga 5 volte alla settimana.r

    Secondo lei, hanno ragione le persone a dire Che sono troppo magra oppure devo pensare Che sono giudizi di persone piu’ grasse di me e quindi invidiose?

    Salve. Beh certamente, dalle misure riportate, in prima istanza mi verrebbe da ipotizzare uno stato di sottopeso. Il calo del peso piuttosto repentino suggerirebbe un controllo più accurato per indagare sulle cause che hanno portato a tale dimagrimento. Suggerirei ad esempio di controllare la capacità di assorbimento a livello intestinale ed eventuali intolleranze (che possono anche sopraggiungere nell’arco della vita),. E’ necessario ricordare che una tale verifica è possibile solo con l’assistenza di un esperto in nutrizione, che sicuramente, dopo un’attenta e minuziosa consulenza, saprà certamente consigliarLa e, spero, tranquillizzarLa.

    Ciao, sono una ragazza di 17 anni, peso 60 kg per 1.50m di altelzza, vorrei iniziare a seguire la dieta scarsdale che promette di perdere 8 kg in un mese, facendo per le prime due settimane una dieta dimagrante e nelle restanti due una dieta di mantenimento… Perció vorrei avere un suo parere riguardo questa dieta… Aspetto con ansia la risposta Cordiali saluti