peso forma test

dieta dimagrante equilibrata e veloce

Una dieta più sana, non prevede l’assunzione di carni di tipo industriale. Infatti, carni in scatola, carni confezionate e di ogni altro tipo, sono piuttosto dannose per la nostra salute. È preferibile consumare carne naturale e condita con prodotti naturali, evitando le salse, che oltre a essere molto caloriche, sono nocive per l’organismo.

Se stai a dieta, devi porre maggiore attenzione anche ai formaggi, perché quelli di tipo industriale non fanno altro che rovinare i propri piani di dimagrimento. Solitamente, si consiglia di consumare moderatamente i latticini. Nella propria dieta è possibile includere i latticini naturali, tuttavia i prodotti industriali come i formaggini, le sottilette e i formaggi spalmabili risultano essere piuttosto nocivi per la dieta, ma anche per la salute. Questo perché sono ricchi di ingredienti artificiali non salutari.

Dunque, per iniziare a fare una dieta devi iniziare a mangiare sano, eliminando dalla tua alimentazione tutti i prodotti non salutari, e leggendo soprattutto le etichette di ogni alimento che acquisti.

Una dieta a basso indice glicemico è un programma alimentare che tiene conto di come i cibi influenzano il livello di zucchero nel sangue.

L’ indice glicemico è un sistema che assegna un valore numerico in base a quanto i carboidrati contenuti nell’alimento aumentano la glicemia nel sangue. L’indice glicemico in sé non è un programma di dieta, bensì uno dei vari strumenti per guidare le scelte alimentari che si fanno.

Il termine “dieta a basso indice glicemico” si riferisce a un programma di dieta che usa l’indice come guida primaria o per la pianificazione del pasto. A differenza di alcuni altri piani alimentari, una dieta a base di cibi con bassi indici glicemici non deve per forza tenere conto delle porzioni o del numero ottimale di calorie per perdere peso o il suo mantenimento.

Molte diete commerciali popolari, libri e siti web che si occupano di diete, basano i loro programmi sull’indice glicemico. Esempi possono essere la dieta a zona, la dieta Montignac.

Lo scopo di questo regime alimentare è quello di mangiare alimenti contenenti carboidrati a lento rilascio. Cibi a basso indice glicemico sono quelli che evitano un veloce picco glicemico nel sangue. Questa dieta è un mezzo per perdere peso e prevenire le malattie croniche che derivano dall’obesità, come diabete e malattie cardiovascolari.

Si può scegliere di seguire la dieta con alimenti a basso indice glicemico perché:

  • vuoi perdere peso o mantenere un peso forma
  • si ha bisogno di aiuto per pianificare l’alimentazione e mangiare pasti sani
  • bisogna tenere sotto controllo i valori degli zuccheri nel sangue per seguire un piano di trattamento del diabete
  • Le prove scientifiche che sostengono che la dieta a indice glicemico basso faccia perdere peso non sono prive di contraddizioni. Potresti ottenere gli stessi benefici per la tua salute con una dieta sana e con la giusta quantità di attività fisica.

    Informati sempre, valuta assieme al tuo medico o al tuo nutrizionista prima di iniziare qualsiasi dieta dimagrante. Sopratutto se ti alleni in modo assiduo, ad elevate intensità o se soffri di diabete.

    Il principio del GI (glycemic index) è stato sviluppato per una strategia nel guidare le scelte alimentari delle persone con diabete. Un database internazionale dell’indice glicemico è conservato al Sydney University. Il database contiene i risultati degli studi condotti lì e negli altri centri di ricerca in tutto il Mondo.

    Una panoramica di base dei glucidi, degli zuccheri nel sangue e dei valori GI è utile per comprendere le diete dell’indice glicemico.

    I carboidrati sono un tipo di nutrienti contenuti negli alimenti. Le tre forme base sono zuccheri, amidi e fibre. Il nostro corpo rompe gli zuccheri e gli amidi in un tipo di zucchero chiamato glucosio, la principale fonte di energia per le cellule del nostro corpo. La fibra invece passa attraverso lo stomaco, perlopiù senza essere digerita.

    Esistono due ormoni principali prodotti dal pancreas e che regolano il glucosio ematico. L’insulina sposta il glucosio dal sangue verso le cellule. Il glucagone aiuta a rilasciare glucosio immagazzinato nel fegato quando il livello di zucchero nel sangue (glicemia) è poco. Questo processo aiuta a mantenere il corpo alimentato e mantiene l’equilibrio naturale di glucosio.

    I glucidi sono diversi e con caratteristiche che influenzano i livelli energetici del corpo. Si differenziano per quanto velocemente il tuo corpo li digerisce e per quanto velocemente il glucosio entra nel flusso sanguigno.

    Ci sono vari metodi di ricerca per l’assegnazione di un valore IG al cibo. In generale, il numero si basa su quanto un alimento aumenta i livelli di glucosio rispetto a quanto lo fa il glucosio puro. I valori dell’indice glicemico sono di solito divisi in tre categorie:

    le carote crude hanno un valore IG di 35. Vuol dire che se consumi 50 grammi di carote (zuccheri e amidi), dopo averle mangiate, hai il 35 per cento di glucosio nel sangue; anche perché non tutti i carboidrati immessi sono digeribili. Se tu assimili 50 grammi di glucosio puro hai ovviamente un valore pari a 100; anche perché completamente digeribile.

    Confrontando questi valori, quindi potresti avere meno difficoltà per fare scelte alimentari più sane. Ad esempio, una pagnotta di pane bianco ha un valore di IG di 70. Una pagnotta di pane 100% integrale con lievito naturale in IG di 40.

    Un regime dietetico con indice glicemico basso ha delle limitazioni, bisogna dirlo. I valori IG non riflettono la probabile quantità mangiata di un particolare alimento.

    L’anguria per esempio ha un valore di indice glicemico pari a 80; in teoria andrebbe nella categoria degli alimenti da evitare. In realtà l’anguria ha pochi glucidi digeribili in una porzione come può essere una fetta. Per non rispettare una dieta con indice glicemico basso, dovresti mangiare un’esagerazione di anguria per raggiungere il livello test di 50 grammi di carboidrati digeribili.

    Per ovviare a questo problema i ricercatori hanno pensato al carico glicemico (GL). Esso indica la variazione dei livelli ematici di glucosio quando si mangia una porzione tipo di cibo. Per esempio una porzione di cocomero (120gr) ha un valore GL uguale a 5 che viene considerata sana. A confronto, una porzione di carote crude (80 gr) ha un valore GL di 2.

    Un valore di GI non dice molto sui valori nutrizionali di un alimento. Il latte intero ad esempio ha un valore GI di 31 e un valore di GL 4 per una quantità di 250 ml. Però contiene molti grassi. Il latte intero, se stai scegliendo di perdere peso, potrebbe rivelarsi una scelta sbagliata.

    Il database GI pubblico non è un elenco completo dei cibi. Comprende solo gli alimenti su cui sono stati effettuati studi. Molti alimenti sani con indice glicemico inferiore non sono nel database.

    Il GI è influenzato da diversi fattori: come il cibo viene prodotto, come viene trattato e da come viene accostato ad altri cibi mangiati assieme.

    E’ un regime alimentare in cui vengono prescritti pasti contenenti cibi dall’indice glicemico basso. Esempi di alimenti con valori bassi, medi e alti GI sono i seguenti:

  • Basso GI: quasi tutta la frutta, carote crude, verdura a foglia verde, ceci, lenticchie , fagioli e la crusca di cereali.
  • Medio GI: ananas, uva passa, mais, banane, crusca di avena, pan bauletto integrale
  • Alta: riso bianco, pane bianco e patate
  • dieta per dimagrire velocemente in due settimane

    Ed e qui la mia domanda e da piu di un mese che nn perdo nemmeno 100 grammi.

    Vorrei perdere altri 8 kg per arrivare alla fine del mio percorso, ma sto andando in crisi.

    ho 32 anni, alto 180 cm e son partito da un peso di 144.9.

    Naturalmente a tavola ho evitato gli zuccheri semplici, la frittura,cibi grassi, mangio pochissimo pane e pasta 2 volte a settimana. Ovviamente le porzioni le ho dimezzate rispetto a prima.

    Faccio esercizi con il tapis rulant tutti i giorni (6 giorni a settimana) nel seguente modo:

    In 12 giorni ho perso 10,2 Kg. da 144.9 a 134.7.

    Devo arrivare intanto a 120 Kg nel modo (anche se correttamente) più veloce, senza però tralasciare il buon senso.

    ciao fulvio,mi chiamo sara,ho 22 anni e vorrei iniziare ad abbinare alla dieta anche il tapis roulant.. premetto che sono alta 160 cm e peso 68 chili… vorrei arrivare almeno a 60 chili per il momento… però sono indecisa sul programma da seguire per svolgere una buona e funzionante attività fisica fatta col tapis roulant.. in quanto ho timore che facendo tapis roulant in modo errato,rischio poi di gonfiare solo il muscolo senza un effettivo dimagrimento..se puoi darmi dei consigli sul da farsi..saluti

    Ciao Fulvio complimenti per tutto! Vorrei chiederti se è possibile dimagrire efficacemente solo camminando (io arrivo tranquillamente a camminare un’ora a 4,00 km orari) e senza nè alzare la pendenza nè correre. Purtroppo ho seri problemi alla schiena e quindi non posso fare queste ultime 2 cose… ma solo camminare con pendenza 0. Ho parecchi chili da perdere… che mi sici? grazie anticipatamente. Emma

    Ciao Emma, la cosa fondamentale sono il rapporto tempo tra questi 3 valori

    Se io assumo 3000 ckal al giorno ma ne ho bisogno di solo 2000 devo fare in modo di bruciare il restante 1000 come? muovendomi. Chiaro che se posso correre impiegherò meno tempo che ocn il camminare. Ma correre o camminare non modifica la qualità delle calorie consumate.

    Tutto sto casino per dire che: Camminare va benissimo, chiaramente devi farlo almeno per 2 ore al giorno, anche in orari differenti. Devi farlo tutti i giorni, dato che il corpo non deve recuperare dalla camminata, e deve cercare di assumere meno calorie, soprattutto mangiando prodotti che possano aiutarti, dai un occhio anche a questo articolo: http://blog.kestore.it/60-dimagrire-e-salute-fare-la-spesa-cibi-si-e-cibi-no/ e ad un importante articolo sul perchè si ingrassa e come dimagrire: Il circolo vizioso dell’insulina e glucacone

    Grazie mille! Sei stato gentilissimo: allora dovrò camminare tutti i giorni almeno 2 ore al giorno. Non sarà facile… ma mi impegnerò. Una sola cosa: non mi è chiaro se queste due ore, che dici posso fare in orari differenti, vuol dire che le posso suddividere nelì’arco della giornata: tipo un’ora la mattina e un’ora la sera, oppure devono essere continuative? Adesso vado a leggere l’articolo che mi segnali grazie ancora ciaooooo!

    certo le puoi suddividere anche se ricorda che per ottenere un risultato discreto è importante fare almeno 1 ora consecutiva, sotto ha poco senso e utilità

    Ciao Fausto, come prima cosa voglio ringraziarti per i consigli che dispensi su queste pagine, ne ho fatto uno strumento prezioso per raggiungere il mio obiettivo e gentilmente gradirei un tuo parere sull’allenamento che sto facendo sul tappeto. Ho iniziato a ottobre dell’anno scorso che pesavo circa 120kg. mangiando in maniera più sana e riducendo pasta e pane e cercando sempre di lavorare sui bpm zona grassi (ho quarantasette anni e i miei bpm zona grassi mi insegni che vanno dai 112 ai 129). Inizialmente facevo sedute sui quaranta minuti tre volte a settimana, nel tempo ho incrementato via via fino a giungere alle attuali sedute di allenamento pari a un’ora e mezzo (cinque volte a settimana) dove dopo i preliminari esercizi di streching seguiti da un tre/quattro minuti di camminata sui 4,5 faccio i primi venti minuti su bpm tra i 140/155. Passati i primi venti minuti rientro sui miei bpm zona grassi camminando sui 6,5/6,8 con inclinazione 2/2,5. Così facendo in un ora e mezzo faccio circa dieci chilometri e brucio sulle mille calorie (perlomeno è quello che riporta il display del mio Nordiktrack T.13). Vorrei chiederti cosa ne pensi, se ai fine del dimagrimento mi consigli di continuare così oppure se mi consigli di mutare qualcosa. Te lo domando perché spesso mi capita di leggere cose tipo: “Quando in palestra si eseguono sempre gli stessi esercizi, il nostro corpo impara quei movimenti fin quando non diventano così naturali che non ha bisogno di alcuno sforzo per eseguirli”. Mi confermi che la soluzione è è alternare gli esercizi rendendo l’allenamento diverso di volta in volta? Se è così in che modo, come posso fare?

    Dimenticavo: da ottobre 2013 a oggi ho perso circa trenta chili, ma il mio dubbio è se devo intensificare o cambiare qualcosa per perdere i restanti 25 chilogrammi. Ogni tuo consiglio mi sarebbe quanto di più gradito.

    Allora per dimagrire diciamo che ad un centro punto e per te questo può essere il punto giusto, non conta più il correre a battiti in soglia aerobica, ma differenziare l’allenamento.

    Tra non molto entrerai in una fase in cui non perderai più neppure un grammo, di conseguenza, diventerà frustrante correre e non ottenere risultati.

    2- variare l’allenamento (facendo 3-4 allenamenti settimana) su tre tipologia differenti io uso questa tecnica 1 di ripetute 1 piramidale 1 lungo lento

    cioè 1 in cui fai degli allunghi al massimo della velocità per 3 minuti con 3 minuti di recupero molto lento pe run totale di 7 volte. Piramidale è una cosa simile, di solito il più semplice è 200 mt di recupero 30 secondi di recupero 400 mt di recupero 1 minuti di recupero 800 di allungo 2 minuti di recupero 1600 mt di allungo 3 minuti di recupero, e poi si inverte 800 400 200. una votla a settimana fai più km cge puoi a passo lento. oggi parti con 10 sett prox con 12 poi 14 16 etcc sempre lento lento ….

    calcola che conquesti allenamenti tra 2-3 mesi puoi anche iscriverti ad una gara non competitiva e toglierti le tue soddisfazioni

    Grazie per la tua risposta, Fulvio. Dunque, tutto chiaro a parte due/tre piccoli dettagli:

    1. Su piramidale intendi 200 mt di allungo per 30 secondi di recupero ecc. ecc.? Altrimenti a vedere come mi hai scritto 200 mt recupero e 30 secondi di recupero non capisco dove sta la differenza.

    2. Quando parli di allungo intendi sempre al massimo della velocità?

    Grazie mille per il tuo aiuto e per i chiarimenti.

    si 200 mt di allungo e 30 di recupero, scusa

    per allungo intendo correre alla velocità massima che riesci a tenere per tutti 200 mt, fare 20 mt di scatto e poi diminuire sino a camminare non serve a nulla, deve essere una velocità tale da poterti fare una variazione minima solo sugli ultimi metri

    Ciao Fulvio, ho 52 anni, peso 92kg altezza 179cm, seguo una dieta che nelle ultime tre settimane mi ha fatto perdere circa 3kg e frequento un corso di nuoto perfezionamento avanzato 2 volte a settimana. Vorrei “integrare” il tutto con il tapis roulante e con un pò di corsa anche se avendo avuto l’operazione al crociato la corsa non è proprio che sia il top per il mio “vecchio ginocchio”. Che tipo di allenamento puoi consigliarmi? Utilizzare la bici potrebbe essere dia iuto sorattutto ora che la stagione comincia ad essere più mite?

    Caio Stefano, tu hai un tapis o una cyclette?

    Ciao Fulvio, scusa non ho precisato, ho un tapis roulant e una mountan bike con ruote stradali. Grazie Stefano

    calo peso carne fresca

    Detto questo, se al momento hai poco tempo, è utile per te iniziare il tuo percorso con 1-2 mesi di Dieta a Crudo (quella che hai scelto), perchè viene incontro alle tue esigenze. Se inizi anche a fare attività fisica, anche tu ti rimodellerai, stanne certa! I risultati dipendono sempre dall’impegno e dalla costanza.

    Dato che devi perdere 18 chili, datti tempo. Inizia con la dieta che hai scelto e, al termine del mese, facci sapere i tuoi risultati in modo da verificare insieme come risponde il tuo metabolismo. Dopo 1-2 mesi è infatti ottimale cambiare programma dietetico, ti consiglieremo come proseguire.

    Per ora stampa la dieta e segui le indicazioni. Per dubbi o domande e per i tuoi prossimi aggiornamenti, ti preghiamo di scrivere sul link della dieta che inizierai a seguire e che è questa: Dieta a crudo da 1300 calorie

    Buon inizio! Ti aspettiamo sul blog con i tuoi risultati!

    ho letto attentamente le 4 diete riportate ed ho deciso di fare la dieta 1300 a crudo, andando incontro alla primavera e all’estate la vedo più fresca!

    E’ semplice da seguire magari alcune cose del pranzo posso prepararmele il giorno prima dopo la cena.

    Ho visto tra le varie diete che avete anche la dieta a zona, che ne pensate di quella? c’è una mia amica che seguendola ha perso diversi kili e si è rimodellata!

    Bene Monique, per l’attività fisica è ottimale fare allenamento con la cyclette almeno per 3-4 volte a settimana preferibilmente a giorni alterni: un giorno di allenamento e un giorno di riposo. Inizia con 40 minuti di cyclette; mano a mano che diventi più allenata aumenta la resistenza in modo da fare più sforzo e bruciare più calorie.

    Per quanto riguarda invece la dieta da seguire, ecco dei menù studiati per chi ha poco tempo a pranzo:

    Ciascuna delle diete consigliate può essere seguita per 1-2 mesi. Leggi i menù delle 4 diete e stampa quella o quelle più adatte ai tuoi gusti alimentari e alle tue esigenze. Facci sapere con quale dieta vuoi iniziare il tuo percorso. Per domande o dubbi scrivici pure.

    Buonasera, sono Monique, vi ringrazio per la risposta. Non pratico attività fisica, potrei fare la cyclette che ho a casa, a pranzo riesco a rientrare a casa però avrei bisogno di pranzi veloci visto che torno tardi e poi torno al lavoro.

    RISPOSTA PER MONIQUE: per prima cosa calcoliamo anche a te il tuo peso-forma ideale per verificare quanto devi dimagrire. La formula è la seguente:

    Cioè: il peso in chili va diviso per il calcolo della statura al quadrato. Il risultato del calcolo è il valore (indice) della tua massa corporea e va inserito nella tabella qui di seguito.

    – Sottopeso: valore inferiore a 18,5 (magrezza eccessiva)

    – Normopeso: valore compreso tra 18,5 e 24,9 (peso normale: peso-forma)

    – Sovrappeso: valore compreso tra 25,0 e 29,9

    – Obesità classe I: valore compreso tra 30,0 e 34,9

    – Obesità classe II: valore compreso tra 35,0 e 39,9

    – Obesità classe III: valore uguale o superiore a 40

    In base alla tabella dei valori sei in forte sovrappeso.

    Il valore ottimale del peso forma per una donna è tra 21-22, per raggiungerlo devi perdere 18 chili. Il tuo peso forma ideale è infatti di 52 chili per una donna della tua statura:

    52: (1,56×1,56) = 52 : 2,4336 = 21,4 valore ottimale del peso forma.

    Trovi maggiori informazioni qui: Calcolo peso forma

    Se vuoi raggiungere il tuo obiettivo, occorrono tempo e costanza sia con un programma dietetico che con l’attività fisica. Dato che sei una mamma che lavora, ma che finalmente ha deciso di fare qualcosa per sentirsi meglio e stare bene con sè stessa, ora devi trovare il tempo e la voglia di dedicarti davvero a te!

    Alcune domande per comprendere meglio la tua situazione:

    - pratichi attività fisica? oppure hai bisogno di un programma per la ginnastica a casa?

    - mangi al ristorante per lavoro? hai una mensa aziendale? oppure puoi portarti il pranzo da casa?

    Aspettiamo le tue risposte per consigliarti. Ti ricordiamo che la dieta va sempre abbinata allo sport: se vuoi intraprendere un percorso per il tuo benessere, l’attività fisica è necessaria nei casi di forte sovrappeso come il tuo. Mettersi a dieta e fare sport significa cambiare il proprio stile di vita in meglio.

    RISPOSTA PER ANITA: ti consigliamo di iniziare con lo schema della Dieta Proteica che trovi qui Dieta Proteica menù settimanale

    Rispetto a quello proposto nell’articolo sopra, quello consigliato è un menù settimanale più dettagliato per aiutare a seguire meglio la dieta. Dato che sei intollerante al lattosio, sostituisci la ricotta con degli hamburger di soia (sono ad esempio ottimi quelli surgelati della marca Valsoia che trovi al supermercato). Facci sapere se il menù si adatta ai tuoi gusti alimentati.

    workout per perdere peso

    Recibe el nombre de su creador Robert Atkins. Esta dieta surgió en EEUU y gracias a los asombrosos resultados obtenidos, su fama se extendió rápidamente.

    La dieta consiste en comer mayormente proteínas y grasas evitando los hidratos de carbono.

    La milagrosa pérdida de peso que se experimenta, sobre todo en las primeras semanas es debida a un mecanismo básico del metabolismo y catabolismo del cuerpo humano.

    Nuestro organismo degrada o quema los hidratos de carbono para obtener energí­a, sin embargo las proteínas necesitan un largo proceso de degradación para convertirse en glucosa (energí­a), por lo tanto se acumulan en forma de grasa. Si reducimos

    los hidratos de carbono, a nuestro cuerpo no le queda más remedio que coger esas proteí­nas (que se acumularán como reserva en forma de grasa) y quemarlas para obtener energí­a.

    En esta dieta se debe ingerir un 90% de proteínas, carnes de todo tipo (blancas o rojas), pescado, marisco, huevos, queso, aceite, nata, manteca, mantequillas,…

    Solo se puede ingerir un 10% de hidratos en forma de verduras y hortalizas.

    Hay que evitar las pastas, cereales, pan, arroz, patatas, frutas, legumbres, harinas, azúcar, miel, bebidas alcohólicas…

    Se pueden tomar aunque en pequeñas cantidades: lácteos (leche y yogurt), verduras farinaceas (calabacín, zanahoria, berenjenas…)

    Te proponemos un ejemplo de lo que podría ser la dieta de un día.

    La Dieta Proteica è dimagrante adatta a tutti! Ti chiede solo di rinunciare ai carboidrati e di sostituirli con alimenti altrettanto gustosi. Adotta questo stile alimentare e dimagrisci in modo tonico, cosa aspetti? Per te un menu settimanale completo!

    Le diete che utilizzano i principi e le regole della Dieta Proteica sono molteplici: cioè che le accomuna è basarsi su un quantitativo maggiore rispetto al normale di proteine. Un apporto proteico, quello di queste diete, che va oltre il 20% consigliato dai nutrizionisti.

    La Proteica è chiamata anche dieta dimagrante veloce perchè ti fa perdere peso già dalla prima settimana.

    Ciò avviene grazie al sistema piramidale di alimenti che ti sostiene nel dimagrimento ma anche nella creazione di massa muscolare. Per questo la Dieta Proteica è molto usata dai bodybuilder : perché permette di aumentare velocemente massa muscolare, riducendo il grasso corporeo.

    È consigliata per questi motivi a chi fa attività fisica e punta a voler muscoli ben definiti e grossi ma è anche ideale per le donne che vogliono dimagrire in modo tonico. Eccoti svelata la chiave del successo di questa dieta dimagrante così conosciuta e utilizzata!

    La cosa che rende la Dieta Proteica ipocalorica funzionale è che riduce di molto l’appetito, allevia la voglia di cibo e di spuntini vari, che sono il principale nemico della linea. Grazie a questi accorgimenti si riesce a perdere peso già dalla prima settimana, i carboidrati infatti vengono a mancare e facilitano la riduzione di massa grassa.

    Questo scarso apporto di carboidrati rende il metabolismo più veloce, e avverrà una rapida perdita di grasso.

    Ti consiglio questa dieta perchè ha un menu con alimenti e ricette che si possono preparare facilmente a casa e che si troveranno senza troppi ostacoli anche al ristorante. Non dovrai smettere di uscire a cena fuori!

    Sono rimasta soddisfatta da questa dieta sotto ogni punto di vista: assicura un dimagrimento senza rinunciare al piacere del cibo e senza sentire il bisogno di interrompere la dieta.

    Certamente perchè è una dieta ipocalorica dimagrante! Basti pensare che è la dieta più amata dagli sportivi e soprattutto dai bodybuilder: Il motivo è semplice: elimina il grasso e permette agli amanti della palestra di avere i muscoli ben definiti e in risalto.

    Questa dieta infatti brucia i grassi e dà contemporaneamente nutrimenti alla massa muscolare, permettendo così una rapida perdita di peso (fino a 10 kg in un mese!) ma anche una forma smagliante! Se associ questa dieta alla palestra e all’attività fisica avrai un dimagrimento tonico ,che tutte le donne desiderano, rimodellando il fisico.

    Per sopperire ai pochi carboidrati assunti, il corpo andrà a utilizzare le sue riserve di glicogeno di glucosio, bruciando ii principali responsabili della massa adiposa.

    A livello biologico, la Dieta Proteica, con il suo apporto proteico induce il corpo a produrre chetoni. Queste cellule attraverso meccanismi chimici ordinano al corpo di trasformare i grassi in energia e di accelerare il metabolismo.

    Grazie all’eliminazione di carboidrati e all’assunzione di proteine si viene a creare la chetosi , una condizione metabolica molto vantaggiosa. È proprio questa la chiave del successo di questa che più che una dieta è un regime alimentare per dimagrire in fretta.

    Le regole da seguire per la Dieta Proteica sono semplici, quasi intuitive: non avrai problemi a ricordarle e seguirle durante il tuo percorso di dimagrimento!

  • La prima regola è limitare gli zuccheri e gli alimenti con alto indice glicemico, soprattutto verso le ore serali. Assumere zuccheri prima di dormire è infatti uno sbaglio comune! Il corpo durante la notte non brucia i grassi e quindi si ingrasserebbe.
  • La seconda regola è eliminare o perlomeno ridurre il consumo di farinacei : limitare al minimo possibile pane, riso, pasta, cereali. Molto importante è soprattutto non associarli tra di loro, cosa che determina aumento glicemico e ferma il metabolismo.
  • La terza regola è preferire e abbondare con il consumo di frutta e verdura, in qualsiasi modalità di cottura la si voglia preparare. Cruda, cotta o al vapore, la verdura è è sempre parte fondamentale di questa dieta. Segui questo schema e i risultati non tarderanno ad arrivare!
  • Inoltre ecco un breve vademecum per renderti capace di creare le tue ricette proteiche preferite, perchè la dieta non deve precludere al gusto!

  • diminuire la carne in scatola e gli insaccati
  • la prima colazione è il cibo più abbondante della giornata e è sempre fatta
  • scegli le carni bianche, come tacchino, pollo e coniglio, e 3 volte alla settimana sostituire con i legumi e il pesce
  • bere almeno due litri di acqua al giorno;
  • utilizzare come condimenti l’olio extravergine di oliva, ma puoi anche cambiare, con moderazione, e sostituirlo con altri grassi quali burro o maionese
  • utilizza molte uova, soprattutto gli albumi; grandi fonti di proteine
  • scegli e assumi molti yogurt senza zuccheri aggiunti
  • Come avrai intuito dalla piccola lista che ho fatto, c’è abbastanza scelta di cibi. Potrai mangiare tacchino, maionese e prosciutto, ma ovviamente eviterai patate, dolci e carboidrati. Più che una dieta, quella proteica è un regime alimentare. Ti permette infatti di mangiare molto e di variare a tua discrezione, senza dover sentire fame.