aceto di sidro di mele per dimagrire

menu per una settimana per dimagrire

  • 70 g di riso integrale con carciofi, filetto di merluzzo ai ferri, insalata di lattuga condita con olio extravergine di oliva, aceto e sale;
  • 70 grammi insalata di farro con ricotta vaccina e spinaci;
  • 150 grammi di petto di pollo alla piastra, un’insalata mista condita con olio extravergine di oliva, sale e aceto, due piccole fette di pane integrale;
  • 200 grammi di sogliola con contorno di broccoli al vapore conditi con limone, sale e olio di oliva; due piccole fette di pane di semola di grano duro;
  • una mozzarella, una porzione di finocchi lessi, due piccole fette di pane integrale.
  • Questi, ovviamente, sono soltanto alcuni esempi di come si può comporre un pasto dietetico in perfetto stile mediterraneo e sono, appunto, solo esempi. Ricordiamo sempre che non esiste una dieta valida per tutti: la quantità e la qualità di cibi da assumere giornalmente varia da persona a persona e dipende da tanti fattori.

    Il consiglio è quello di non seguire mai una dieta troppo restrittiva senza la consulenza di un dietologo. Quello che forse si può fare in autonomia è cercare di imparare a mangiare meglio, variando i cibi, inserendo tutti i nutrienti nella dieta e dedicandosi a un’attività fisica idonea alla propria persona.

    Il solo pensiero di doverci alzare dalla sedia e fare qualcosa per smaltire quei chiletti in più, ci fa sentire stanchi. Se siamo dei pigri cronici e non abbiamo voglia di sforzarci troppo per stare attenti alla linea, possiamo provare a seguire alcuni consigli scientifici studiati apposta per noi. Per tenere sotto controllo le calorie, basta avere alcuni accorgimenti: ascoltare i nostri stimoli (perché mangiamo se abbiamo solo sete?), vestirci comodi o mangiare alla giapponese, facendo attenzione a riempirci solo per l'80%. Insomma, un modo per perdere peso c'è e non è lontano dal nostro letto.

    1. Pensaci bene: hai sete o fame?

    Perché mangiamo quando, in realtà, abbiamo solo sete? Secondo uno studio, pubblicato sulla rivista Physiology & Behavior, il 60% delle volte in cui avvertiamo lo stimolo della sete, rispondiamo mangiando invece che bevendo. Rispondere correttamente alle nostre necessità ha i suoi vantaggi: secondo una ricerca, pubblicata sul giornale "Obesity", bere prima di mangiare fa risparmiare qualche caloria in più. I ricercatori hanno osservato che coloro che bevevano almeno due bicchieri di acqua prima di mangiare, assumevano dalle 75 alle 90 calorie in meno durante il pasto. Tutto ciò è possibile perché l'acqua riempie. Ma è bene ricordare che non tutti i liquidi sono ideali: va da sé che è meglio evitare le bevande zuccherate.

    Non mangiare fino a scoppiare, mangia fino a quando ti senti pieno all'80%. È questo il "precetto" che deriva dalla cucina giapponese: tradotto in termini pratici, farebbe risparmiare 300 calorie almeno. Ecco come potremmo metterlo in pratica: dal momento che al nostro corpo servono almeno 30 minuti prima di registrare i segnali legati al senso di sazietà, è consigliabile mangiare fino a quando siamo pieni a metà, poi aspettare un po' prima di ordinare il dessert. Un semplice accorgimento che potrebbero mettere in pratica anche i più pigri e che consente di assumere meno calorie.

    3. Rimanda il momento della merenda

    Non è sbagliato fare merenda o concedersi ogni tanto uno snack. Ma meglio non abusare. Secondo uno studio del Dipartimento di Agricoltura americano, almeno due terzi della popolazione adulta mangia uno snack più di due volte al giorno: un'abitudine che potrebbe essere rischiosa per l'accumulo di grassi. Per non rinunciare alla nostra merendina preferita basta guardare l'orologio: gli snack consumati a metà mattinata hanno più possibilità di essere smaltiti durante la giornata rispetto a quelli consumati nel pomeriggio. Quest'ultimi, d'altra parte, sono associati ad un maggiore apporto di fibre che riescono a farci sentire sazi. Perciò, per non aumentare di peso, basta scegliere gli orari giusti.

    Vestirci comodi ci aiuta a tenerci in forma: chi lo avrebbe mai detto? Via tacchi, via giacca e cravatta: secondo uno studio dell'American Council on Exercise, vestirsi casual ci consente di muoverci meglio e quindi aumenta la nostra propensione verso l'attività fisica quotidiana. I ricercatori hanno osservato che i volontari, vestiti in modo comodo, hanno fatto 491 passi in più e bruciato 25 calorie in più rispetto ai giorni in cui erano vestiti di tutto punto. Secondo gli studiosi, vestirsi casual almeno una volta a settimana permette di bruciare più di 6000 calorie nel corso dell'anno.

    Prima di goderti il tanto meritato cioccolatino, pensaci. Pensa al fatto che ti stai abbandonando al piacere. Secondo una ricerca, pubblicata sulla rivista Trends in Endocrinology and Metabolism, il piacere crea una sensazione di rilassamento e migliora il metabolismo: questo significa che, se siamo davvero abbandonati a ciò che stiamo mangiando, potremmo assumere anche meno calorie. Assaporare e mangiare "pensando" accende anche i nostri sensi: i partecipanti all'esperimento hanno mangiato una barretta di cioccolato per premio durante una pausa e l'hanno trovata più ricca di sapori rispetto ad un altro gruppo che, invece, l'ha mangiata direttamente, senza aspettare il momento giusto.

    Il miglior modo per perdere peso per i più pigri è proprio questo: dormire. Il letto può essere un valido alleato per la nostra dieta. Dormire una certa quantità di ore è essenziale per sentirci riposati e per mantenere il corretto funzionamento del metabolismo. Frequenti interruzioni, la luce che entra dalla finestra, possono agire negativamente sulla qualità del nostro sonno e farci sentire più affamati al risveglio. L'equilibrio consente di mantenere gli ormoni predisposti al senso di fame a bada.

    Il nostro cellulare non ci lascia mai, neanche nel momento del bisogno. Ora che ci siamo messi in testa di dimagrire o comunque di far attenzione alla nostra linea, lo smartphone potrebbe rivelarsi un valido alleato. Ci sono molte applicazioni che consentono di tenere il conto delle calorie assunte o consumate e funzionano come una sorta di diario. È bene tenerlo e consultarlo per avere sempre davanti agli occhi il punto a cui siamo arrivati, per premiarci, se siamo stati bravi, o per incoraggiarci a fare di meglio, la prossima volta.

    Dieta per dimagrire 10 kg in 2 o 3 mesi senza rischi: come perdere peso in modo naturale, programma completo

    Frasi sul Coraggio: aforismi per dare forza e coraggio, sul coraggio delle donne, in amore e di cambiare

    Acquistare regali online per lui, lei, per bambini e di compleanno: come risparmiare tempo e avere più scelta

    Qual è la migliore dieta per dimagrire in fretta e senza rischi? Sappiate che perdere 10 chili in 2 o 3 mesi non è semplice, ma è possibile: è per questo che vi diremo come fare, naturalmente e con un programma completo ben preciso. Anche se l’estate sembra ancora lontana, è bene considerare già da adesso l’ipotesi di iniziare a seguire una dieta ipocalorica, soprattutto se i chili da perdere non sono pochi, evitando così di ritrovarsi a seguire delle inutili e dannose diete last-minute che assicurano la perdita di peso in pochi giorni. Per questo motivo a seguire troverete tutte le indicazioni per perdere 10 Kg in modo naturale seguendo una corretta alimentazione e praticando dei semplici esercizi quotidiani di attività fisica.

    Perdere peso in maniera naturale significa abituare gradatamente il proprio corpo ad un nuovo regime alimentare dove i carboidrati devono essere quasi del tutto eliminati e si dà la precedenza invece a cibi salutari ricchi di fibre, vitamine e proteine. Lo scopo della dieta che andremo a descrivere è proprio quello di abituare il corpo ad utilizzare le riserve di grasso come energia per il suo sostentamento; con questo regime alimentare si possono perdere fino a 10 Kg se la dieta viene seguita correttamente per almeno 2 mesi.

    Questo è un esempio di menù giornaliero che come si può ben notare suddivide in cinque i pasti più importanti della giornata per aumentare così il senso di sazietà. La frutta e la verdura possono essere mangiate a volontà, mentre invece di carne e pesce è suggerita la porzione di 100gr. A colazione ad esempio, è consigliato bere un succo di pompelmo senza zucchero, mangiare un fruttoed aggiungere anche una bevanda tra tè o caffè ovviamente non zuccherati. La scelta del succo di pompelmo non è sostituibile, in quanto è scientificamente dimostrato che questo frutto possiede proprietà in grado di aumentare e favorire il normale lavoro del metabolismo. A metà mattinata si può proseguire con uno spuntino che deve sempre essere costituito da succhi di frutta o bevande non zuccherate, come ad esempio una frescaspremuta di arance. Il pranzo ideale è quello costituito da carni magre e verdure come contorno, come 2 fettine di petto di pollo grigliate e un’insalata verde condita con sale e limone. A metà pomeriggio è consentito invece mangiare un frutto, mentre a cena si può alternare il menù passando al pesce e cucinando un filetto di merluzzo al vapore accompagnato sempre da verdure come patate o fagiolini lessi e conditi con sale e olio.

    Il tipo di alimentazione di cui abbiamo fatto l’esempio deve essere seguito costantemente per due mesi se si vogliono perdere i 10 Kg di troppo che le feste hanno lasciato. In alternativa al menù sopra descritto, ecco una lista di ingredienti ammessi con i quali sarà più facile seguire una dieta variata che come si può ben notare, abolisce totalmente i carboidrati per favorire la perdita di peso in maniera più rapida, ma comunque naturale e senza correre rischi.

    Gli alimenti consentiti nella dieta sono: carne magra come: pollo, gallina, tacchino, hamburger o manzo che è possibile cuocere a vapore, bolliti, alla griglia, al forno o al cartoccio. Si possono mangiare anche: uova, tutti i tipi di pesce, legumi e tutti i tipi di frutta, preferendo però come già detto il pompelmo, ma anche: anguria, pesca, melone, mela e papaya, i quali contengono un contenuto minimo di carboidrati.

    Infine nell’arco dei due mesi è necessario per poter seguire un programma completo, anche l’aggiunta di attività fisica, se non quotidiana almeno praticata due-tre volte a settimana. Ci sono molti esercizi che possono essere ad esempio praticati in casa o all’esterno in maniera del tutto autonoma senza la necessità di recarsi in una palestra. Pensate ad esempio che mezz’ora di camminata veloce basta per consumare quasi 300 Kcal; un altro valido esercizio è lo step praticabile su uno scalino per una durata di circa 10 minuti per ridurre il giro coscia, così come il costante svolgimento di addominali per appiattire l’addome. La pratica di esercizi mirati e il regime alimentare totalmente privo di carboidrati contribuiranno come detto sopra a farvi perdere circa 10 Kg in due mesi, in modo da poter ritrovare la vostra forma fisica giusto in tempo per la prossima stagione estiva.

    Il solo pensiero di doverci alzare dalla sedia e fare qualcosa per smaltire quei chiletti in più, ci fa sentire stanchi. Se siamo dei pigri cronici e non abbiamo voglia di sforzarci troppo per stare attenti alla linea, possiamo provare a seguire alcuni consigli scientifici studiati apposta per noi. Per tenere sotto controllo le calorie, basta avere alcuni accorgimenti: ascoltare i nostri stimoli (perché mangiamo se abbiamo solo sete?), vestirci comodi o mangiare alla giapponese, facendo attenzione a riempirci solo per l'80%. Insomma, un modo per perdere peso c'è e non è lontano dal nostro letto.

    1. Pensaci bene: hai sete o fame?

    Perché mangiamo quando, in realtà, abbiamo solo sete? Secondo uno studio, pubblicato sulla rivista Physiology & Behavior, il 60% delle volte in cui avvertiamo lo stimolo della sete, rispondiamo mangiando invece che bevendo. Rispondere correttamente alle nostre necessità ha i suoi vantaggi: secondo una ricerca, pubblicata sul giornale "Obesity", bere prima di mangiare fa risparmiare qualche caloria in più. I ricercatori hanno osservato che coloro che bevevano almeno due bicchieri di acqua prima di mangiare, assumevano dalle 75 alle 90 calorie in meno durante il pasto. Tutto ciò è possibile perché l'acqua riempie. Ma è bene ricordare che non tutti i liquidi sono ideali: va da sé che è meglio evitare le bevande zuccherate.

    Non mangiare fino a scoppiare, mangia fino a quando ti senti pieno all'80%. È questo il "precetto" che deriva dalla cucina giapponese: tradotto in termini pratici, farebbe risparmiare 300 calorie almeno. Ecco come potremmo metterlo in pratica: dal momento che al nostro corpo servono almeno 30 minuti prima di registrare i segnali legati al senso di sazietà, è consigliabile mangiare fino a quando siamo pieni a metà, poi aspettare un po' prima di ordinare il dessert. Un semplice accorgimento che potrebbero mettere in pratica anche i più pigri e che consente di assumere meno calorie.

    3. Rimanda il momento della merenda

    Non è sbagliato fare merenda o concedersi ogni tanto uno snack. Ma meglio non abusare. Secondo uno studio del Dipartimento di Agricoltura americano, almeno due terzi della popolazione adulta mangia uno snack più di due volte al giorno: un'abitudine che potrebbe essere rischiosa per l'accumulo di grassi. Per non rinunciare alla nostra merendina preferita basta guardare l'orologio: gli snack consumati a metà mattinata hanno più possibilità di essere smaltiti durante la giornata rispetto a quelli consumati nel pomeriggio. Quest'ultimi, d'altra parte, sono associati ad un maggiore apporto di fibre che riescono a farci sentire sazi. Perciò, per non aumentare di peso, basta scegliere gli orari giusti.

    Vestirci comodi ci aiuta a tenerci in forma: chi lo avrebbe mai detto? Via tacchi, via giacca e cravatta: secondo uno studio dell'American Council on Exercise, vestirsi casual ci consente di muoverci meglio e quindi aumenta la nostra propensione verso l'attività fisica quotidiana. I ricercatori hanno osservato che i volontari, vestiti in modo comodo, hanno fatto 491 passi in più e bruciato 25 calorie in più rispetto ai giorni in cui erano vestiti di tutto punto. Secondo gli studiosi, vestirsi casual almeno una volta a settimana permette di bruciare più di 6000 calorie nel corso dell'anno.

    Prima di goderti il tanto meritato cioccolatino, pensaci. Pensa al fatto che ti stai abbandonando al piacere. Secondo una ricerca, pubblicata sulla rivista Trends in Endocrinology and Metabolism, il piacere crea una sensazione di rilassamento e migliora il metabolismo: questo significa che, se siamo davvero abbandonati a ciò che stiamo mangiando, potremmo assumere anche meno calorie. Assaporare e mangiare "pensando" accende anche i nostri sensi: i partecipanti all'esperimento hanno mangiato una barretta di cioccolato per premio durante una pausa e l'hanno trovata più ricca di sapori rispetto ad un altro gruppo che, invece, l'ha mangiata direttamente, senza aspettare il momento giusto.

    Il miglior modo per perdere peso per i più pigri è proprio questo: dormire. Il letto può essere un valido alleato per la nostra dieta. Dormire una certa quantità di ore è essenziale per sentirci riposati e per mantenere il corretto funzionamento del metabolismo. Frequenti interruzioni, la luce che entra dalla finestra, possono agire negativamente sulla qualità del nostro sonno e farci sentire più affamati al risveglio. L'equilibrio consente di mantenere gli ormoni predisposti al senso di fame a bada.

    chetosi dieta metabolica

    Suggerimento 2: gomma da masticare come metodo anti stress

    Avete spesso male alla gola? Allora aiuta avere sempre a disposizione una gomma senza zucchero. Invece di mangiare cioccolato e snack poco salutari, una gomma da masticare spesso aiuta a soddisfare l’appetito semplicemente masticando. Perché spesso non si tratta di riempire lo stomaco. Fai attenzione, però, a non continuare a masticare la gomma troppo allungo, perché questo può portare a mal di testa a lungo termine. Se hai veramente fame, devi evitare snack non salutari e assumere cibi sani come verdura o frutta.

    Oltre all’allenamento intensivo, le spezie giuste possono anche garantire che il metabolismo sia aumentato. Il peperoncino, la cannella, la curcuma, il pepe e lo zenzero non solo rendono i vostri pasti più ​​saporiti, ma sono anche grassi naturali che aiutano a bruciare il grasso in eccesso.

    Il più grande errore di costruzione muscolare che la gente fa è l’allenamento come un bodybuilder professionista. Molti bodybuilders utilizzano farmaci ma non te lo diranno. E hanno raramente costruito la maggior parte delle loro dimensioni muscolari con le routine che fanno adesso. Ecco perché le routine di bodybuilding non funzionano per la maggior parte delle persone. Questo è ciò che funziona …

    Diventa più forte. I migliori bodybuilder che mai esistevano erano forti. Sapevano che più forza è più massa muscolare. Aumenta il tuo Squat a 140kg / 300lb, la panca piana a 100kg / 220lb, e i tuoi stacchi a 180kg / 400lb. La massa muscolare complessiva aumenterà perché diventerai più forte in questi esercizi.

    Aggiungi peso. Dimentica l’indolenzimento. Invece concentrati sull’aggiunta di peso sempre stando attento alla forma. Cerca di sollevare più dell’ultima volta. otterrai più forza che aumenterà la massa muscolare complessiva. Se non si sollevi più del mese scorso o l’anno, non stai costruendo muscoli.

    Esegui esercizi che lavorano contemporaneamente diversi muscoli. Sarete in grado di sollevare pesi più pesanti che innescheranno la crescita muscolare. La maggior parte della tua routine dovrebbe consistere in pesanti Squats, panche, Deadlifts, Presse Overhead e Barbell Rows.

    Utilizzare barre. È possibile sollevare pesi più pesanti con barbells rispetto a qualsiasi altro strumento. Bisogna anche bilanciare il peso da soli. I Manubri coinvolgono più muscoli e attivano una maggiore crescita. Utilizzare pesi liberi non collegati alle macchine. utilizzare la forma corretta per evitare infortuini.

    Conosci il metodo per perdere peso: mangiare meno calorie, bruciare più calorie. Ma sappi anche che la maggior parte delle diete e i programmi di perdita di peso non funzionano come promesso. Se stai cercando di perdere qualche chilo in fretta, questi suggerimenti degli esperti ti renderanno la vita più facile.

  • annotarsi ciò che si mangia per una settimana e si perde peso.
  • Gli studi hanno scoperto che le persone che tengono i diari alimentari mangiano circa il 15 per cento in meno cibo di coloro che non lo fanno. Attenzione per il fine settimana: uno studio di University of North Carolina ha scoperto che le persone tendono a consumare altre 115 calorie il fine settimana, soprattutto in alcol e grassi. (ma la buona notizia: che è possibile lavorare o andare in palestra per bruciare le calorie in eccesso.) Quindi tagliare o abbassare le calorie da, condimenti, salse, condimenti, bevande e snack; potrebbero fare la differenza tra aumentare il peso e perdere peso. Non perdetevi questi altri trucchi per fermare l’aumento di peso il fine settimana.

  • Aggiungi il 10 per cento alla quantità di calorie giornaliere che pensi di mangiare
  • Se pensi di aver consumato 1.700 calorie al giorno e non capisco perché non stai perdendo peso, diminuisci di altre 170 calorie. Le probabilità sono che il nuovo numero è più accurato. Adegua le tue abitudini alimentari di conseguenza. Ad esempio, la tazza di caffè potrebbe avere più calorie di quanto si pensasse.

  • Prendi un amico online perdita di peso per perdere più peso
  • Uno studio di Università di Vermont ha scoperto che i compagni di perdita di peso on-line aiutano a dimagrire. I ricercatori hanno seguito i volontari per 18 mesi. Coloro che sono stati assegnati ad un compagno di perdita di peso su Internet hanno sostenuto la loro perdita di peso meglio di coloro che hanno incontrato faccia a faccia un gruppo di supporto. Tu e il tuo compagno di perdita di peso potete condividere consigli per dimagrire efficacemente insieme.

    È una storia familiare: si impegna a onorare una routine ellittica quotidiana e contare ogni ultima caloria. Ma presto, si mangia cupcakes in ufficio e si partecipa a happy hour bevendo mojito, pensando, Oops e la dieta.

    C’è un modo migliore: di approcciare tutto per uno o due sani cambi nella vostra routine quotidiana. “Fare questo può portare a una perdita di peso maggiore di quanto tu abbia mai immaginato”, afferma Marissa Lippert, autore della Dieta del Cheater.

    Infatti, abbiamo parlato con i lettori che abbattevano 5, 8, anche 15 chili con alcune modifiche semplici. Metti in pratica i loro segreti per trasformare il tuo corpo in meglio.

    “Mangiavo fuori nei ristoranti fino a 3 volte alla settimana, ordinando un’insalata di pollo alla griglia invece di un grande piatto di pasta, ho perso 10 kg in un mese”.

    “Ho sempre saltato la prima colazione, ma ora non sono mai andato fuori senza avere fatto una colazione adeguata, Mangio sempre circa 300 calorie di un sano mix di proteine ​​e grassi. Il mio pasto: un panino con burro naturale di arachidi e burro di mele, mantiene la mia fame giù perciò faccio un snack in meno durante la giornata. In poco più di un anno, ho perso 20 chili”.

    “Ho smesso di fumare e subito mi sono iscritta in palestra e ho iniziato a lavorare con un personal trainer. Ora vado in palestra regolarmente 4 volte alla settimana per un’ora al giorno non mi sono mai sentita meglio.!”

    “Quando ho voluto rientrare nei miei jeans, ho iniziato a correre 20 minuti al giorno durante l’ora di pranzo. In due mesi ho perso 8 chili, ho moltissima energia e ho appena finito le mie prime 5miglia. Se sono rientrata nei miei jeans? No Adesso sono troppo grandi! “

    I 2 alimenti migliori per la perdita di peso

    Cibi diversi attraversano diversi percorsi metabolici del corpo.

    Possono avere effetti nettamente diversi sulla fame, gli ormoni e quante calorie bruciamo.

    Ecco i 20 più cibi amichevoli di perdita di peso sulla terra, supportati dalla scienza.

    Una volta si temeva che le uova aumentassero il colesterolo, uova intere stanno facendo un ritorno.

    Nuovi studi dimostrano che non influenzano negativamente il colesterolo nel sangue e non causano attacchi cardiaci (1,2).

    Per il loro alto contenuto di proteine … sono tra i migliori alimenti che puoi mangiare se hai bisogno di perdere peso.

    Sono alti di proteine, grassi sani e possono farti sentire pieno con una quantità molto contenuta di calorie.

    Uno studio di 30 donne in sovrappeso ha mostrato che mangiare le uova per a prima colazione, invece dei cereali, aumentare la sazietà e li ha fatti mangiare meno durante la giornata.

    Un altro studio di 8 settimane ha rilevato che le uova mangate a colazione hanno aumentato la perdita di peso su una dieta calorica limitata rispetto ai cerali.

    programma spinning per dimagrire

    Cena: tonno o salmone al naturale, verdure miste (finocchio, sedano, carote)

    Colazione: una tisana depurativa, tè o caffè, 3 biscotti

    Pranzo: pollo alla griglia e spinaci bolliti

    Cena: salsicce magre bollite, zucchine e porri al vapore condite con cipolline e pepe rosso

    Colazione: una tisana depurativa, 100 grammi di pane tostato, due cucchiaini di marmellata

    Pranzo: 100 grammi di riso ai piselli oppure 100 grammi di pasta con 80 grammi di cuori di carciofo; 200 grammi di verdura mista alla griglia

    Cena: 200 grammi di champignon al forno, 200 grammi di legumi

  • per i condimenti usare solo due cucchiai di olio extravergine di oliva, aceto di mele e spezie
  • Il fine della Dieta delle Proteine è bruciare tutti i grassi accumulati e tornare ad un regime alimentare equilibrato. Una volta raggiunto il peso forma o il peso ideale, si può tornare ad una dieta equilibrata introducendo di nuovo i carboidrati nell’ alimentazione. Inoltre, per mantenere il peso conseguito senza problemi, è bene scegliere i cereali integrali ricchi di fibra che aiutano ad assimilare meno e più lentamente le calorie.

    SCHEMA TIPO MENU DIETA DI MANTENIMENTO

    COLAZIONE: uno yogurt naturale magro o una tazza di latte magro; caffè o tè senza zucchero, biscotti o pane integrale tostato.

    SPUNTINO: frutta fresca (a metà mattina e nella merenda del pomeriggio)

    PRANZO: verdure crude condite con poco aceto e seguite dai seguenti piatti a rotazione:

    - 80 grammi di pasta integrale due o tre volte alla settimana

    - 80 grammi di riso integrale due o tre volte alla settimana

    - piatto completo a base di cereli e legumi come pasta e fagioli, riso e lenticchie oppure avena e legumi, due volte alla settimana

    Nota: la pasta e il riso vanno conditi con sughi di verdure

    - carne (150-200 grammi) alla griglia, arrosto o al forno con un panino integrale e guarnita da verdure, tre volte alla settimana

    - 150 grammi di pesce al forno, al vapore o al cartoccio con verdure, due volte a settimana

    - due uova sode o alla coque con verdure e un panino integrale, una volta alla settimana

    - 150-200 grammi di formaggi freschi magri una volta a settimana.

    Ciao Elisabetta, per quanto riguarda la Dieta Ipocalorica, inserisci queste variazioni nel menù settimanale:

    nel pranzo del martedì, al posto del pesce, inserisci 150 grammi di tonno al naturale (evita quello sott’olio che è più calorico);

    nel pranzo del venerdì mangia riso in bianco (senza frutti di mare).

    Per il resto, il menù settimanale si adatta ai tuoi gusti.

    Per eventuali altre domande, ti preghiamo di scrivere i tuoi commenti direttamente sulla pagina della dieta che seguirai e che è questa: Dieta Ipocalorica

    Buongiorno, tra le diete che mi avete proposto mi piace quella ipocalorica, solo che non mangio pesce ma solo tonno in scatola o salmone affumicato; cosa mi suggerite di fare? grazie mille

    Buongiorno Elisabetta, ti calcoliamo il tuo indice di massa corporea per verificare quanto devi dimagrire.

    Cioè: il peso in chili va diviso per il calcolo della statura al quadrato. Il risultato del calcolo è il valore (indice) della tua massa corporea e va inserito nella tabella qui di seguito.

    – Sottopeso: valore inferiore a 18,5 (magrezza eccessiva)

    Normopeso: valore compreso tra 18,5 e 24,9 (peso normale: peso-forma)

    dieta iposodica per reni

    La dieta dissociata è una delle migliori diete per dimagrire velocemente. Come indicato dal nome stesso, consiste nell’evitare di consumare nello stesso pasto o nella stessa giornata alcuni tipi di alimenti, che combinati insieme non permettono di perdere peso facilmente. Sono varie le diete dissociate ideate dagli esperti di tutto il mondo, ma le più famose sono due: la dieta di Hebert Shelton e quella messa a punto da Albert Antoine.

    La dieta dissociata di Hebert Sheldon è stata descritta per la prima volta nel 1951 e si basa su tre principi essenziali:

  • mai consumare proteine (carne, pesce, uova) insieme ai farinacei poiché influisce negativamente sulla digestione. Dunque bisogna optare su un primo o su un secondo piatto, mai combinandoli nello stesso pasto;
  • evitare latticini e zuccheri di ogni genere;
  • la frutta deve esser consumata solo a stomaco vuoto e mai alla fine dei pasti. Meglio mangiarla a colazione.
  • La dieta dissociata classica è stata messa a punto da Albert Antoine nel 1968 e consiglia di consumare solo un tipo di prodotto alimentare al giorno, ad esempio:

    Ci sono tuttavia delle controindicazioni nel seguire una dieta dissociata. Se è vero che permette di dimagrire rapidamente, è altrettanto vero che propone un’alimentazione monotona, che annoia ben presto e dunque demotivante. Può inoltre provocare delle carenze nutrizionali, dato che escludendo durante la giornata certi tipi di prodotti il corpo sarà privo di certi nutrienti, indispensabile per il suo corretto funzionamento.

    Healthy grilled chicken breasts marinated with lemon and olive oil and cooked on a summer BBQ served on an old wooden board via Shutterstock

    Le diete dimagranti a base di proteine sono considerate quelle più efficaci, infatti hanno rapidamente raggiunto un grande successo anche in Italia. Si basano sul principio che, per perdere il grasso – e dunque il peso – aumentando al contempo la massa muscolare magra, sia necessario prediligere cibi ricchi di proteine, limitando l’assunzione di grassi insani e di carboidrati, senza tuttavia escluderli completamente. Per tale motivo si dovrebbe comporre un menu quotidiano ricco di:

  • alimenti di origine animale, come carni, pollame, pesce, crostacei, uova, latticini e formaggi a basso contenuto di grassi;
  • alimenti di origine vegetale, come legumi, frutta, verdura, tuberi, funghi, radici e soia.
  • Le proteine aiutano a dimagrire poiché alleviano molto il senso di fame, donano energia all’organismo, fanno avvertire meno la stanchezza generale e sviluppano i muscoli. Scegliere dunque un menu proteico ipocalorico, ideale per coloro che desiderano un dimagrimento rapido ma efficace.

    Woman with bathroom scale and measuring tape / diet via Shutterstock

    Chi non ha mai sentito nominare la dieta a zona? È infatti considerato come uno dei migliori programmi dimagranti in assoluto poiché, oltre ad aiutare a raggiungere facilmente i propri obiettivi di peso, è potenzialmente in grado di combattere l’insorgenza di malattie cardiovascolare, diabete e malattie auto-immuni. Ideata nel 1995 dal dottor Barry Sears, la dieta a zona propone un’alimentazione povera di calorie e di glucidi. L’apporto nutrizionale quotidiano dovrebbe essere pari al 40% di glucidi, 30% di proteine e 30% di grassi buoni, da dividere in tre pasti principali e due spuntini d’intermezzo.

    Tutti i cibi vanno pesati e vi sono degli alimenti ben precisi da limitare molto o da evitare del tutto, ovvero carni grasse, uova intere (meglio solo l’albume), salumi e formaggi a pasta dura, ma anche burro, panna, dolci, zuccheri, patate, carote, rape, zucca, mais, banane, cereali, frutta secca e succhi di frutta. Il menu tipo dovrebbe prevedere tre porzioni di proteine, tre di glucidi e tre di lipidi a ogni pasto, nonché due spuntini proteici:

  • Colazione: una fetta di pane integrale con 60g di formaggio fresco, 2 tuorli d’uovo, 1 cucchiaino di olio di oliva e un kiwi;
  • spuntino: yogurt magro e una noce;
  • pranzo: 90g di tonno, 250g di spinaci e un panino integrale;
  • spuntino: 30g di formaggi e una fetta di pane integrale;
  • cena: 90g di carne bianca, un po’ di purè di patate condito con un cucchiaino di olio di oliva, un cetriolo e 60g di lenticchie.
  • Secondo l’ideatore della dieta a zona, seguirla dovrebbe garantire in una sola settimana un dimagrimento di circa 1,5 chilogrammi.

    Se vuoi aggiornamenti su Diete inserisci la tua email nel box qui sotto:

    15 trucchi per dimagrire velocemente e fare pace con lo specchio: tutto ciò che dovete sapere per instaurare una relazione sana e salutare con il vostro corpo.

    A parte le vere e proprie diete dimagranti, studiate e messe a punto con un dietologo, esistono una serie di accorgimenti e trucchetti “fai da te” che ci possono aiutare a perdere peso velocemente, soprattutto in estate quando la necessità di aver un corpo più snello può diventare una necessità incombente.

    Chi, perciò, non si è preparato per tempo alla prova costume e ha bisogno di perdere 2-3 chili, velocemente su pancia, fianchi e cosce, può adottare qualche strategia fast per smaltire il peso in fretta. Non illudiamoci però, che che la formula “in fretta” equivalga alla formula “senza sacrifici”!

    Per perdere i chili superflui velocemente, infatti, bisogna accettare almeno due condizioni:

    Certo, se non state praticando già dell’attività fisica, non dovrete diventare degli sportivi, ma una camminata veloce, duna corsetta ogni tanto o una nuotata in piscina, ogni settimana, potranno fare già tantissimo nello smaltimento del peso e nella tonificazione veloce.

    Passiamo, ora, a vedere quali sono i principi di base che supportano una stategia dimagrante vincente e per perdere peso senza correre rischi:

  • Decidete il tempo in cui volete perdere i vostri chili di troppo con saggezza.
  • Non puntate solo sui chili ma anche sulla ritenzione idrica, la tonicità e la perdita di centimetri. A volte, pur non perdendo troppo peso, si possono semplicemente perdere centimetri di gonfiore. Dipende dai casi.
  • Prevenite gli “attacchi di fame” da privazioni eccessive e stanchezza. Riposare e avere una vita sana ed equilibrata, permette di essere più “centrati” e vigili sulla propria dieta.
  • Seguite e rispettate le regole che vi siete date senza cambiarle in corso d’opera.
  • Non rinunciate al piace di mangiare… ma poco e sano.
  • Vediamo, dunque, come e cosa mangiare per dimagrire in fretta, perdendo centimetri e chili in eccesso.

  • Camminare velocemente o correre almeno mezz’ora al giorno è indispensabile per attivare il metabolismo addormentato.