programma dimagrante e tonificante

dieta para diabetes i

Para que puedas aclarar cualquier duda que tengas acerca de la dieta proteica te mostramos el siguiente vídeo, que ampliará tu conocimiento con información de calidad.

La dieta proteica, considerada como la mejor dieta para adelgazar rápido y eficaz, está entre las más conocidas por ser efectiva en la disminución del peso corporal, y al mismo tiempo fortalecer nuestros músculos.

Sin embargo, como toda dieta, es necesario hacer ciertos cambios o seguir ciertas recomendaciones. En otras palabras: Debemos ser disciplinados al seguirla y cuidar lo que comemos.

Esto hará que nuestro cuerpo se vea obligado a sacar la energía desde el interior de nuestro organismo y tomar la grasa como combustible principal.

En la dieta de proteica el principal ingrediente son los alimentos ricos en proteínas.

Entre los alimentos permitidos en una dieta proteica están: Frutas bajas en carbohidratos, verduras, carne, proteínas, pescados, huevos, lácteos con poca grasa, granos, los batidos de proteínas para adelgazar,son otra alternativa para .

La cantidad diaria de proteínas será mayor en comparación con los otros macronutrientes, como los hidratos de carbono (carbohidratos) y las grasas.

Las dietas proteicas, dicho de manera sencilla, son dietas a base de proteínas. La fórmula para ella seria:

Alto consumo de proteínas + Bajo consumo de carbohidratos y grasa = Perder grasa sin perder musculo.

Si consumes proteínas a diario y por tiempo prolongado, según la fórmula que acabamos de ver, se produce en nuestro cuerpo una situación metabólica que se llama: cetosis.

Esto hace que nuestro cuerpo busco como fuente principal de energía la grasa corporal y se produce la llamada cetónica; la cual hace que la pérdida de peso que genere nuestro metabolismo sea rápida e instantánea.

En otras palabras: empezaremos a perder peso en tiempo récord.

Sin lugar a duda, la dieta proteica cumple con 2 factores fundamentales:

  • Es una dieta realista y cuanta con respaldo de los profesionales.
  • Está a nuestro alcance. Solo debemos consumir bastantes proteínas y pocos carbohidratos y grasas.
  • La alimentación de las dietas dukan o hiperproteica, se centra en las proteínas magras. Prácticamente nos olvidamos de la grasa y los resultados son geniales. ¿¡Qué esperas para empezar a adelgazar de forma sana!?

    Tratamiento de choque basada, casi su totalidad, en el consumo de proteínas y restricción de carbohidratos. Claro, no debemos eliminarlos en su totalidad, sino más bien disminuir un gran volumen.

    Introducir carbohidratos de calidad y gestionarlos comiendo bien y de forma equilibrada. En esa fase ya habremos visto un cambio y nos empezaremos a sentirse felices por la pérdida de kilos.

    Etapa de mantenimiento. Al llegar a esta fase, ya habrás aprendido a comer y combinar los alimentos.

    La dieta rica en proteínas no es sólo una dieta, es una manera de empezar a consumir alimentos saludables y darle a tu cuerpo la proteína que necesita. La proteína es tan esencial como el agua o la grasa buena.

    Los principales beneficios de la dieta proteínas es la quema de grasa más rápido y de forma adecuada, y también conservaremos la mayor cantidad de músculo en nuestro cuerpo, a pesar de estar en un déficit calórico.

    Pero aquí te detallamos los mejores de esos beneficios:

    Una dieta alta en proteínas permite perder más grasa conservando la masa corporal magra. Esto tiene ventajas para la salud y para la estética del cuerpo. Muchos deportistas quieres bajar de peso o bajar el índice de grasa corporal, evitando la pérdida de masa muscular; esto es posible con la dieta proteica.

    Los estudios muestran que con una dieta alta en proteínas es más fácil mantener o ganar masa muscular durante un déficit de calorías.

    Esta dieta es más tolerable, ya que reduce la fatiga, el estrés y suaviza los cambios de comportamiento durante el déficit de calórico.

    Si deseas aumentar la rapidez con la que pierdes grasa, puedes ayudarte con un suplemento especial para ello. Aquí en nuestra web tenemos un artículo reciente con las mejores pastillas para adelgazar de 2018.

    Controlar el apetito es un obstáculo muy importante para aquellos que quieren perder peso. ¡Para perder grasa se necesita comer menos calorías de las que queman y entonces el hambre aumenta mucho!

    Así que este tipo de dieta viene muy bien para controlar el apetito, ya que puedes comer más cantidad de proteínas sin tener que estar pesando o controlando lo que comes (como pasa también en la dieta cetogenica o la dieta dunkan).

    El tejido muscular está hecho de proteínas por lo que esta dieta ayuda en la recuperación y el aumento de la masa muscular.

    Al forzar el músculo, el tejido se daña, y para reparar las fibras musculares se inicia el proceso de síntesis de proteínas. La síntesis de proteínas es la creación de nuevas proteínas en el tejido muscular para reemplazar y reparar los tejidos dañados.

    Por eso, el entrenamiento de resistencia o hipertrofia aumenta los requisitos de ingesta de proteínas y aquí es cuando debemos de dar de comer proteínas a nuestros músculos. Al hacer esto, notaremos una gran subida en volumen y fuerza.

    dimagrire alimenti che aiutano

    • Imparare a ragionare sul fatto che stai cercando di cambiare tendenza alla tua vita precedente, non stai seguendo una dieta a mordi e fuggi. Perdere peso in modo permanente non è un risultato che un programma veloce può farti ottenere: pensare invece al dimagrimento come a un cambiamento permanente, uno stile di vita e un impegno per il benessere che durerà per sempre , può farti cambiare prospettiva. Diverse diete, anche molto popolari, possono aiutare farti dimagrire velocemente, ma le modifiche permanenti alla tua esistenza stessa e le scelte alimentari sono ciò che funziona nel lungo periodo.

    Circondarsi di sostenitori. L’appoggio di chi vi ama vuole dire molto e vari programmi dimagranti, come il famoso Weight Watchers, ad esempio, utilizzano il supporto del gruppo per influenzare positivamente chi sta cercando di perdere peso grazie ad una sana alimentazione. Cercate il supporto, sia nella vostra famiglia, fra la vostra cerchia delle amicizie, o in un gruppo di sostegno, per ottenere l’incoraggiamento necessario.

    Chi va piano va sano e va lontano. Puntate a perdere 1 o 2 kg ogni sette giorni, per essere certi di perdere peso senza perdere la salute. Dimagrire in modo troppo veloce potrebbe chiedere un tributo troppo alto alla vostra mente e al vostro corpo, che vi porterebbe a sentirvi pigri, svuotati e malati. Quando si dimagrisce troppo in fretta, si sta effettivamente perdendo in gran parte acqua e sistema muscolare, non grassi.

    Fissare obiettivi seri per tenervi motivati. Obiettivi a breve termine come la voglia di entrare in un bikini per l’estate, di solito non funzionano così come gli obiettivi importanti, così come voler diventare più snelli e più sani per amore dei figli. Quando la frustrazione la tentazione si fanno sentire, bisognerà concentrarsi sui molteplici benefici che si trarranno in futuro dall’essere più sani e più magri.

    • Utilizzare strumenti che consentono di tenere traccia dei progressi. Tenere un diario alimentare e pesarsi regolarmente, tenere traccia di ogni kilogrammo che si perde e i centimetri di girovita, fianchi, torace, cosce, ecc. Tenere traccia degli sforzi compiuti e vedere i risultati nero su bianco, vi aiuterà a rimanere motivati.

    Ecco alcuni articoli realizzati direttamente da noi per Salute e Benessere.org che approfondiscono il discorso “diario alimentare”. Per qualsiasi dubbio lasciate un commento a fine articolo.

    Ricordate che fare alcuni esperimenti prima di trovare la dieta giusta per il vostro corpo non è sbagliato: l’importante è che ci si senta soddisfatti, in modo da poterla sopportare a lungo termine. Se un programma di dieta non funziona, non c’è niente di male a provarne un altro. Ci sono molti modi per perdere peso e la chiave è quella di trovare ciò che funziona meglio per voi.

    Ridurre l’apporto calorico favorisce la perdita di peso, il tipo di dieta non è fondamentale

    Un recente studio ha concluso che non importa quale programma di dieta si sceglie, purché sia ​​quella che riduce l’apporto calorico e sia sana per il cuore (a basso contenuto di grassi saturi e colesterolo). In altre parole, la dieta migliore è quella che ci fa sentire bene, non necessariamente quella che sta andando di moda.

    Le diete, in particolare quelle veloci o a base di pillole e piani restrittivi, quasi sempre falliscono. Vediamo quali sono i principali motivi.

    Si prova un senso di privazione. I regimi dietetici che vietano interi gruppi di alimenti, come carboidrati o grassi, sono innanzitutto poco pratiche, per non parlare di quanto siano malsane. La chiave è la moderazione e l’eliminazione di interi gruppi di alimenti non consente di nutrirsi in modo sano e crea squilibri nutrizionali.

    Si dimagrisce e subito dopo si torna ad ingrassare. I regimi alimentari che eliminano in modo drastico le calorie, che limitano alcuni cibi, o vi propongono piatti pronti potrebbero funzionare a breve termine, ma se il vostro obiettivo di dimagrimento vuole andare oltre, sappiate che non dispongono di un piano di mantenimento e i kg perduti potrebbero ritornare rapidamente.

    Dopo la dieta, sembra di mettere su peso più velocemente. Quando si tende a limitare drasticamente l’assunzione di cibo, il vostro metabolismo rallenta temporaneamente. Una volta che si ricomincia invece a mangiare normalmente, si potrebbe aumentare di peso fino a quando il vostro metabolismo non si ripristina, ecco un altro motivo per cui fare la fame o addirittura seguire un regime di digiuno è considerato controproducente.

    Si interrompe la dieta e ci si sente demoralizzati per provare di nuovo. Se si è ceduto ad una tentazione non vuole dire che tutto il sia andato perduto! Alimentarsi in modo sano è il quadro a cui dovete tendere in maniera generale ma uno sgarro occasionale non ucciderà i vostri sforzi. Le diete troppo restrittive sono di per sé un presupposto per cominciare a barare, perché quando ci si sente privati di qualcosa, è facile cadere in tentazione.

    Il portafoglio dimagrisce e voi no. Scuole, pasti e programmi possono avere un costo proibitivo e risultare meno pratici per perdere peso e mantenerlo a lungo termine.

    Ci si sente soli e non più capaci di divertirsi in società, specie durante eventi che si svolgono intorno al cibo. Senza alcune pratiche strategie di dieta sana, ci si può sentire persi quando si mangia fuori o si partecipa ad eventi come cocktail, party e matrimoni. Se il cibo servito non fa parte del vostro programma di dieta specifica, non si sa come comportarsi.

    La pubblicità dice che una donna ha perso ben 30 kg in 3 mesi, e voi no. Le case produttrici promuovono piani dieta fanno pubblicità in questo modo, ma la maggior parte di esse non dicono la verità. Purtroppo dimagrire non è semplice e chi dice il contrario vi sta rendendo un cattivo servizio. Non scoraggiatevi fissando obiettivi irreali!

    Per approfondire il “tema diete” ecco una rassegna di articoli da consultare sempre qui su SEB:

    Non sempre si apre il frigo semplicemente per soddisfare la fame. Se lo facessimo, saremmo tutti in forma smagliante. Spesso, invece, ci rivolgiamo al cibo per diminuire lo stress e trovare conforto ma quando questo accade, ci accorgiamo di mettere su troppi kg. Non per sottovalutare l’importanza di mangiare qualcosa che ci faccia sentire meglio, ma riconoscere e gestire i nodi emotivi da sciogliere e che portano a mangiare troppo, rispondendo con scelte più sane, può fare la differenza per chi desidera perdere peso.

    Per iniziare bisogna verificare se e quando si mangia. Mangiate solo quando avete fame o vi preparate anche uno spuntino mentre guardate la TV? Mangiate quando siete nervosi oppure annoiati? Quando siete soli? Per premiarvi?

    Dopo aver identificato le vostre tendenze emotive, si può agire per modificare a poco a poco le consuetudini e gli schemi mentali che hanno reso vani i vostri sforzi in passato.

    • È stata una settimana pesante, si torna a casa e si ha in mente solo il cibo. Bisogna trovare altri modi per lenire lo stress e per premiare sé stessi. Rilassatevi con un romanzo e una tazza di tè fumante alle erbe, immergetevi in un bagno profumato, o godetevi un bel panorama.

    • Se si compensa col cibo la sensazione di poca energia, bisogna trovare altri modi per caricarsi. Provate a camminare intorno al vostro isolato, ascoltando magari musica energizzante, oppure a fare alcuni tratti di camminata veloce o qualche salto. Un’alternativa potrebbe anche essere quella di schiacciare un pisolino che vi ricarichi un po’, ma sempre inferiore ai trenta minuti.

    • Se si compensa col cibo la solitudine o la noia, meglio andare a cercare le persone invece di raggiungere la dispensa. Telefonare ad un’amica per quattro chiacchiere, portare il cane a fare un giro al parco, trovare un’ attività coinvolgente da fare, o uscire (per andare in libreria, a fare una passeggiata guardando le vetrine… ovunque ci siano persone, insomma).

    • Se si mangia quando si è nervosi, bisogna trovare modi più sani per calmarsi. Sarebbe utile provare lo yoga, la meditazione, o altri esercizi di respirazione. Imparare a gestire situazioni stressanti non cercando di intervenire sulla situazione, ma lavorare per cambiare la propria reazione.

    Viviamo giornate convulse durante le quali mangiare è diventata un’attività secondaria, da svolgere col pilota automatico. Mangiamo velocemente, alla scrivania o addirittura mentre stiamo lavorando, oppure di fronte al televisore. La conseguenza è che consumiamo molto più di ciò di cui abbiamo bisogno davvero, spesso senza accorgercene nemmeno o senza veramente godere di quello che stiamo mangiando.

    Bloccare questa attitudine praticando un’alimentazione “consapevole” : prestare impegno e capire quello che c’è nel piatto, assaporando ogni boccone e scegliendo cibi sia nutrienti che piacevoli. Concentrarsi sul cibo aiuterà a dimagrire e a non ingrassare più.

    Prestare attenzione mentre si sta mangiando. Essere consapevoli del proprio ambiente. Mangiare lentamente, assaporando i profumi e la densità del vostro cibo. Se il pensiero vaga, tornare a concentrarsi sul cibo, al suo sapore e a come si percepisce in bocca.

    Liberarsi dalle attività che deconcentrano quando si mangia. Non mangiare mentre si lavora, mentre si vede un film in TV, mentre si legge o si sta utilizzando un computer… o mentre si è alla guida! Diventa troppo facile mangiare di più, se non ci si ferma a pensare cosa si sta facendo.

    Masticare in modo accurato il cibo. La regola suggerisce di masticare ogni pezzetto di cibo almeno 30 volte prima di mandarlo giù. Prolungare l’esercizio e prendersi più tempo per godere di ogni boccone.

    motivazioni per dimagrire wikihow

    La fame nervosa è un grande nemico della dieta dimagrante, lo stress in generale lo è. Come si combatte? Bisogna scaricare, scaricare, ancora scaricare. Arriviamo così al secondo dei consigli per dimagrire:

    Non uno a caso, ma uno che fa al caso tuo. L’importante è che non comprenda un divano ed un telecomando. Se ti è sempre piaciuto ballare c’è la zumba che è un ottimo sport, se ti piace correre ritagliati un’oretta al giorno per correre in un parco o in una zona verde, se invece lo sport proprio non fa per te puoi sempre camminare.

    Se le occasioni, ovvero il tempo, è quello che ti manca, gioca d’astuzia: vai a lavoro a piedi (se è una distanza ragionevole) o in autobus e scendi una fermata prima, fai le scale, fai giardinaggio, pulisci casa, lava l’auto, corri intorno al tavolo (se sei da sola, ovvio!).

    Lo sport non è ancora tutto, si ritorna al cibo. Vuoi perdere peso? Allora inizia a mangiare sano, come avevamo già detto qui ed ecco il terzo consiglio per dimagrire:

    Quando vai a fare la spesa non andarci a stomaco vuoto o comprerai un sacco di cibo spazzatura, vai direttamente al reparto orto-frutta o nei reparti bio, leggi sempre le etichette anche se c’è scritto “0 grassi” ed evita a prescindere prodotti industriali, confezionati che siano zuppe o merendine. Chi vuol dimagrire impari a cucinare!

    Imparare a mangiare, ovvero distinguere fra calorie e nutrimenti, chiedere al proprio corpo cosa vuole mangiare in quel momento di fame? Ecco, ti viene in mente un pacchetto di patatine, sai che cosa sta dicendo il tuo corpo? Che gli manca la vitamina B16, mangia una bella porzione di broccoli al vapore conditi con olio EVO e aglio ed ecco passata la voglia di patatine.

    Avresti voglia di una bella frittata: sporca la padella con una goccia o due di olio EVO (che è un grasso buono) e cuocici solo l’albume delle uova a mo di frittata. Se hai voglia di dolce mangia, poco, cioccolato fondente contiene le sostanze giuste che servono al tuo corpo per stare bene. Voglia di croccante? Rosicchiati una carota, d’estate la tua pelle ti ringrazierà. Inoltre l’estetica conta un sacco: spegni la tv, mangia a tavola (il libro può andare), con calma, mastica bene, mangia in balcone o in giardino ti rilassa e mangi meglio. Più tempo ci metti prima il tuo stomaco crederà d’esser sazio. E usa un piatto piccolo per ingannare l’occhio, mentre per prendere porzioni piccole pensa che dopo farai il bis, la maggior parte delle volte non ne sentirai il bisogno. Bevi molta acqua, durante la giornata e durante i pasti. Aiuta a sgonfiarti.

    Chi ci aiuta ad imparare a mangiare? Un nutrizionista, quindi quinto consiglio per dimagrire:

    Non buttarti in diete inutili viste sulle riviste, fatte dai vip, proclamate miracolose. Ognuno ha il suo fabbisogno calorico ed un fisico particolare, oltre che un metabolismo, quindi vai dal dietologo.

    Come la mettiamo con la questione del sapore? Bisogna per forza mangiare bianco e scondito? Bianco di sicuro no, a meno che non sia petto di pollo o di tacchino, perché il resto delle cose bianche, ad eccezione dello yogurt, come formaggi, mozzarelle, latticini vari, pasta non integrale e pane non integrale te li puoi scordare.

    Scondito non per forza, ma ecco il sesto fra i nostri trucchi per perdere peso:

    Sì invece a wasabi, limone, peperoncino moderatamente, spezie, salsa di soia, no a maionese e ketchup (c’è lo zucchero). No quindi allo zucchero, dolcificanti, salse a base di zucchero, fruttosio se non nella frutta e succhi di frutta industriali, comprati una centrifuga (su Amazon trovi tante centrifughe in offerta ) e preparateli da sola, invece sì al miele. Ed il sale va per l’appunto sostituito con le spezie.

    Lo stile di vita sano, che ci ricollega al terzo consiglio, è sempre fondamentale: non fumare, non bere, non fare le ore piccole, ecco un altro dei consigli per dimagrire:

    Non mangiare come se non ci fosse un domani perché sei disperata/o piuttosto esci e distraiti, fai sport, balla, sfogati, trova qualcuno con cui parlare, piazza degli specchi in cucina per vederti nel momento in cui mangi per nervosismo e chiediti “che cosa sto facendo?”.

    Non gratificarti mangiando, soprattutto se perdi chili, festeggiare con una pizza gigante con tutto il regno animale e vegetale sopra non ti farà stare meglio dopo. Incursioni notturne in frigo? Fallo chiudere a chiave e dai la chiave a qualcun altro (possibilmente che abiti con te). E fai sparire dolci e dolciumi seminati nei “nascondigli segreti”, quelli non sono i tuoi migliori amici.

    Un bicchiere di vino si dice faccia bene al cuore, ma uccide il girovita. Un solo bicchiere di vino rosso apporta alla vostra dieta 100 calorie. Se poi andate a fare un aperitivo attenzione ai cocktail, i superalcolici contengono più calorie di un piatto di pasta. Sostituiteli con birra analcolica o cocktail analcolici alla frutta e attenti agli stuzzichini che accompagnano l’happy hour.

  • Quando vai al ristorante, non leggere il menù, ordina pesce alla griglia o carpaccio di salmone e verdure ed insalate (da condire a tavola però, che delle volte ci mettono mezza bottiglia di olio);
  • Prima della portata principale sgranocchia sedano e finocchi, o con un’insalata mista, che aiutano a smorzare la fame;
  • A tavola indossa qualcosa di stretto, un pantalone o una cintura, ti aiuta a ricordare che devi mangiare meno;
  • Quando mangi insaccati, gioca al piccolo chirurgo: leva il grasso dal prosciutto cotto e crudo e i pezzi più grandi di grasso visibili nel salame, oppure scegli la bresaola che di grasso non ne ha. E scordati il lardo. Fra l’altro, gli insaccati sono pieni di sale, se li eviti è meglio;
  • Il pesce è sempre preferibile alla carne, il pesce azzurro invece è sempre preferibile perché protegge il cuore. Un ottimo piatto è: salmone affumicato con sopra rucola fresca e qualche goccia di limone, semplicemente ottimo e salutare.
  • Che ne pensi dei nostri consigli per dimagrire velocemente?

    Come perdere peso velocemente: inserire il riso nella dieta veloce.

    Come perdere peso velocemente se non puoi resistere ad un piatto di riso bianco cotto a vapore, profumato ed aromatico?

    Se segui una dieta veloce o se si vuole controllare il peso e la forma fisica, il riso integrale è la scelta migliore.

    Il problema di fondo è che il riso bianco contiene poche sostanze nutritive ma molto amido.

    Vediamo perché l’amido contrasta lo smaltimento dei chili in eccesso e perché devi evitarlo se vuoi seguire una dieta veloce o se vuoi sapere come perdere peso velocemente.

    L’amido si trasforma in zucchero che il corpo converte in energia. Come perdere peso velocemente se non bruci l’energia che introduci nell’organismo attraverso il cibo?

    E’ molto difficile perché l’energia in eccesso si trasforma in accumulo di grasso.

    Se segui una dieta veloce o se vuoi controllare il peso e mantenerti in forma, devi sapere che molto probabilmente non dovrai più rinunciare al riso in quanto il metodo di cottura potrebbe fare la differenza e ridurre la quantità di amido e di calorie contenute in alcuni cibi come appunto il riso.

    Se così fosse questo cibo risulterebbe adatto ad un programma alimentare che insegni come perdere peso velocemente.

    Il riso bianco è composto da due diversi tipi di amido uno più digeribile (glucosio che si trasforma in glicogeno che funge da riserva energetica e può facilmente trasformarsi in grasso) e un amido più resistente che non viene convertito in zucchero e richiede un processo più lungo per essere digerito.

    Il metodo con cui vengono cucinati alcuni cibi come il riso, le patate e i piselli, può cambiare la quantità dei diversi tipi di amido contenuti all’interno del cibo.

    Posso mangiare il riso bianco se seguo una dieta veloce? Forse la soluzione è nel metodo di cottura.

    Attraverso un esperimento condotto nello Sri Lanka si è messo a punto un metodo semplice di cucinare il riso in grado di incrementare la quantità di amido resistente riducendo così le calorie contenute nel riso.

    La soluzione consiste nell’aggiungere dell’olio all’acqua di cottura che interagisce con gli amidi del riso trasformandoli in amidi resistenti. Il riso deve poi essere messo a riposo per circa 12 ore.

    Per questo motivo, se segui una dieta veloce o se vuoi sapere come perdere peso velocemente e sei interessato a provare, ti suggerisco di prepararne in abbondanza da tenere in frigorifero ed utilizzare in un secondo momento.

    Si tratta di un metodo sperimentale che però potrebbe portare ad una modifica in grado di contrastare il sovrappeso, un semplice metodo di cottura in grado di dimezzare le calorie assimilate dall’organismo.

    come snellire braccia

    "El consumo exclusivo de alimentos proteicos implica la inducción de cuerpos cetónicos, poderosos disuasores del hambre y responsables de una saciedad duradera. Después de dos o tres días de una alimentación limitada a proteínas puras, el hambre desaparece por completo." 1

    La respuesta es muy simple, el propósito de esta dieta no es "estar en cetosis" para adelgazar, sino que la cetosis se da como una "consecuencia" del método durante algunos períodos de la dieta, que por su puesto serán beneficiosos para bajar de peso. Principalmente períodos en los que consumiremos proteínas puras, como es la Fase de Ataque.

    Durante el resto de la dieta, ya en Fase Crucero, podremos entrar en cetosis si hemos elegido la alternancia 5-5, es decir 5 días PP y 5 días PV, y en algunas otras ocasiones en las que no consumamos tolerados y muy bajas cantidades de hidratos.

    Pero si estas buscando permanecer durante toda la dieta Dukan en cetosis, o si has escuchado que esto es a lo que debes aspirar, estas equivocado. Después de la Fase de Ataque (dónde si estarás en cetosis, generalmente por todos los días que dure esta fase) normalmente no entrarás en cetosis más que por cortos períodos de tiempo.

    Esto no significa que no bajarás de peso, lo harás de forma progresiva, no tan aceleradamente como en fase Ataque, pero si con gran efectividad.

    RECUERDA QUE ESTA ES LA DIETA DUKAN, NO LA DIETA DE LA CETOSIS.

    De manera sencilla, podemos decir que “estar en cetosis” significa estar utilizando primordialmente grasa para obtener energía. Este estado se consigue mediante ayunos temporales y/o por una dieta con niveles bajos de carbohidratos.

    En estas condiciones, el cuerpo obtiene la energía a partir de los ácidos grasos almacenados en el organismo, generando el hígado los llamados cuerpos cetónicos, los cuales tienen la función de suministrar energía al corazón y al cerebro.

    Sólo podríamos sobrevivir 1 ó 2 días con el glucógeno almacenado en nuestro cuerpo, pero podemos vivir meses con las calorías almacenadas en nuestra grasa, por lo que la capacidad de usar esta grasa como combustible durante largos períodos ha sido fundamental para nuestra supervivencia desde los inicios del hombre.

    Hay muchos mitos y falsas creencias en torno a la cetosis:

    1) Se la suele confundir con cetoascidosis, una acumulación excesiva de cuerpos cetonicos en sangre que se da solo en personas diabéticas que no se inyecten insulina.

    2) Las dietas cetónicas (la dieta Dukan no es una dieta cetónica, ya que no busca un estado de cetosis permanente) son peligrosas si se llevan a cabo por mas de 30 días seguidos. Esta creencia es falsa, y no hay estudios serios al respecto, no debemos olvidar que este tipo de alimentación nos acompañó buena parte de nuestra evolución como humanidad.

    3) El cerebro necesita glucosa para funcionar. Se ha descubierto que nuestro hígado puede producir, a partir del metabolismo de la grasa, un tipo específico de cuerpo cetogénico, el beta-hidroxibutirato, que nuestro cerebro puede utilizar en gran medida como energía. No sólo lo puede utilizar, sino que cada vez hay más evidencia de que es su energía favorita. Son bien conocidos, desde hace más de 80 años, los beneficios que ofrece una dieta cetogénica en trastornos neurológicos como la epilepsia. Más recientemente, hay estudios contundentes que demuestran el efecto protector sobre el cerebro de niveles bajos de glucosa, en la prevención y tratamiento de enfermedades como Alzheimer o Parkinson.

    Esto es algo que no debe preocuparte, lo importante es que bajes de peso, y lo harás si sigues las indicaciones de la dieta en cuanto a comer solo los alimentos permitidos. Estos alimentos son pobres en hidratos de carbono, eso hará que en ocasiones estés en cetosis por unos días, pero no es algo que pasará seguro o que debas buscar. Si tomas tolerados, no te sobrepases en cantidades permitidas, esto es muy importante para tener éxito en la dieta.

    Después de 2 o 3 días de comer proteínas puras tu cuerpo entrará en un estado de cetosis, notarás que desaparece la sensación de hambre, y un sabor metálico en la boca, así como un fuerte olor en la orina. Estos son los síntomas principales que te harán saber que estás en cetosis.

    Habrás notado que el doctor Dukan habla de "proteínas puras", porque al incorporar las verduras y tolerados en los días PV es muy difícil mantenernos en este estado. Para estar en cetosis, no deberíamos consumir más de 25-30 gramos de hidratos de carbono por día.

    Si contamos los hidratos de leche y yogures (aproximadamente 3%, es decir 3 gramos cada 100 gramos de producto), de fiambres magros (generalmente más del 4%), las cucharadas de salvado de avena y de trigo, las verduras y los tolerados verás que muy fácilmente superamos estas cantidades.

    Además para mantener la cetosis necesitamos una dieta baja en proteínas (si consumimos proteínas en gran cantidad, a través de gluconeogénesis, el cuerpo transformará esa proteína en glucosa)

    Según estudios de médicos nutricionistas especializados en deporte, para mantenerse, en cetosis, la dieta debería ser:

    Alta en grasa, como referencia un 75%.

    Moderada en proteína, no más de un 20%. Suficiente para que tu cuerpo genere la glucosa que necesita pero no tan poca que le obligue a consumir tus músculos.

    Muy baja en carbohidrato, idealmente menos de 5%.

    Para una dieta típica de 2.000 calorías, esto se traduciría en:

    1500 calorías procedentes de grasa, o unos 167 gramos (la grasa aporta 9 calorías por gramo).

    400 calorías procedente de proteína, es decir 100 gramos (la proteína aporta 4 calorías por gramo).

    100 calorías procedentes de carbohidrato, 25 gramos (los carbohidratos, como la proteína, aportan 4 calorías por gramo). 2

    Como este es un tema muy controvertido y sobre el que se han expresado opiniones tan diferentes, decidí consultar directamente en la web oficial. Ellos me hicieron llegar un dossier (puedes verlo completo aquí) dónde se aclara este tema:

    "Entramos en cetosis aproximadamente a partir del segundo día de estar a dieta, pero salimos rápidamente de esta fase al incorporar las verduras, en la fase de Crucero.

    Nuestro sistema nervioso necesita verduras para funcionar. Es importante acompañar las proteínas con verduras en la comida y en la cena. La proporción correcta sería un tercio de verduras por dos tercios de proteínas" 3

    Por supuesto, podemos adelgazar perfectamente aunque no estemos en cetosis, solo debemos seguir la dieta de manera comprometida.

    No, no es necesario, de hecho no tiene importancia que estés o no en cetosis. Si estas pendiente de esto, solo terminarás estresada y frustrada. En ningún foro o web el doctor Dukan aconseja medir nuestro estado de cetosis.

    Hay dietas hiperproteicas, que buscan un estado de cetosis permanente (Atkins, Pronokal). La Dieta Dukan no es una de esas.