dieta 1200 calorie legumi

allenamento corsa per dimagrire ripetute

Ciao. Io ho perso 9kg col metodo tradizionale. Poi ho interrotto per circa 7 mesi ed ho ripreso solo un kg. Ora voglio fare la 7 giorni per perdere altri 5 kg. Volevo sapere una cosa “golosa”. La crema pasticcera senza tollerati (ovvero con agar agar o gomma di guar al posto dell’amido di mais) posso continuare a mangiarla??

E gli yogurt alla frutta sono concessi da subito o dal mercoledì?? In quali quantità?? Per il resto ho capito tutto. Grazie 🙂

La crema pasticcera è li che ti aspetta ;-).

Lo yogurt è permesso sin dal primo giorno, considera che il lunedì della scala nutrizionale Dukan, corrisponde alla fase di attacco della Dukan classica.

Ciao e grazie per i tuoi interessanti articoli, ho iniziato la 7 giorni ieri e nei giorni precedenti mi è servito molto leggere il tuo blog! Ho un altro dubbio: Nella 7 giorni posso usare la salsa di soia? Se sì puoi indicarmi una marca con cui andare sul sicuro senza che ci siano zuccheri aggiunti?

La salsa di soia puoi consumarla, ovviamente senza esagerare con le dosi. Io compro la salsa di soia in un negozio della mia città che importa alimenti provenienti da tutto il mondo. La marca di questa salsa di soia è YAMASA.

Sto seguendo la dieta dei 7 giorni e mi va alla grande. Vorrei sapere delle bacche di goji non mi sembra di averle viste nel libro . Un cucchiaio al giorno ? Sono extra frutta o vanno considerate alla stregua di un frutto grazie

Le bacche di goji nella dieta Dukan dei 7 giorni vanno considerate come frutta. Se nel libro non sono citate come alimenti tollerati e/o autorizzati, consumale dal mercoledì in poi.

io ho fatto la dukan l’anno scorso ma ho guadagnato già 3 kg…e sto cercando da mesi di riprenderla ma credo che stanca dei soliti alimenti (e mancanza di carboidrati e frutta)

Volevo iniziare quella dei 7gg …ma prevede sempre una fase di attacco puro du 3/5gg? o posso già iniziare da oggi?

La dieta Dukan dei 7 giorni, prevede un solo giorno di proteine pure, poi la dieta continua seguendo una scala nutrizionale.

Ogni giorno, aggiungerai un alimento diverso.

Il settimo giorno pensa hai anche un pasto della festa.

Ciao scusa ho comprato il libro ma non mi é chiara una cosa….quando parla di pasta ti dice di pesarla cotta..ma il riso invece?a crudo o a cotto? Inoltre posso dividere il quantitativo giornaliero di pasta o riso in 2 volte per avercelo pranzo e cena? Grazie

La porzione di amidacei va mangiata a pranzo o a cena, evita di dividere le porzioni.

Ho la ferma intenzione di adottare la dieta dei 7gg; non ho molti kg da perdere (7 kg al massimo). Complimenti al blog che mi sta aiutando a capire come affrontare al meglio questa piccola avventura!

Grazie per i complimenti 😉 e in bocca al lupo per la tua avventura.

Ho il libro della dieta Dukan tradizionale più il libro delle ricette Dukan..per fare la dieta dei 7 giorni devo acquistare lo stesso il libro o i consigli sono gli stessi. grazie

La dieta Dukan e la dieta Dukan dei 7 giorni, sono due cose diverse e anche i consigli su come seguirla sono diversi.

Leggi tutte e due i tipi di alimentazione e scegli quella che fa al caso tuo. La dieta Dukan dei 7 giorni (scala nutrizionale) è adatta a chi deve perdere massimo 15 kg di peso.

Car@, prima di tutto un grazie per l’aiuto, che sono certa arriverà.

Ho dovuto accettare un invito fuori e al 3 giorno ho sgarrato 🙁

ditemi se devo fare così per riprendere lo schema: dopo lo sgarro del 3 g faccio pp al 4g e al 5 g alimentazione del mercoledì (frutta compresa) + 45 gr di pane integrale e via così, seguendo lo schema fino al 7g?

Che vuoi che sia uno sgarro.. riprendi la dieta da dove l’hai lasciata.

Mi raccomando però, gli sgarri non devono essere giornalieri;-)

Ciao ho seguito la dieta ducan due anni fa con successo ..ora ho ripreso 3 kg che vorrei perdere ma nonostante continuo a mangiare solo proteine e verdure e un frutto non riesco a perderli ! Cosa mi consigli ? Grazie

Ho seguito tutte le fasi..continuo a fare colazione con la crusca e giovedì solo proteine ….ma nonostante tutto ho preso i tre Kili e non riesco a perderli .cosa posso fare ? Grazie !

Ciao,vorrei iniziare la dieta dei 7 giorni ,ma sto allattando,ho un bimbo di 6 mesi,cosa mi consigli?

Devo perdere 15/20 kg,ma se questa dieta e’ piu`dolce del metodo classico forse e` piu`adatta alla mia situazione.

Ti consiglio, prima di prendere qualsiasi decisione, di parlarne con il tuo medico.

allenamento corsa per dimagrire ripetute

  • Para bajar de peso se recomienda un mínimo de 6 comidas diarias. De todas maneras, si el día comienza muy temprano y termina tarde, y se planifican las comidas cada 2 horas, se verá incrementado el número de ingestas (posiblemente, más de 6) y esto no pone en riesgo el descenso de peso.
  • A muchas personas les cuesta creer que esto sea posible, pero tiene fundamento científico y la única manera que hay de comprobarlo es poniéndolo en práctica. En general, se tiene la sensación de que al comer más veces se subirá de peso pero el efecto es totalmente opuesto, al comer alimentos sanos con mayor frecuencia diaria, el metabolismo se ve forzado a trabajar y, por ende, a quemar más calorías.
  • Dos de los factores claves para bajar y mantenerse en peso son: la distribución de las comidas y el respeto por los horarios, y la actividad física.
  • En la actualidad son grandes pilares en el tratamiento de la obesidad y forman parte de la educación terapéutica y el cambio definitivo de estilo de vida.

    Distribuir seis comidas diarias implica hacer comidas más frecuentes, lo cual influye positivamente en el adelgazamiento. La frecuencia también es importante, ya que las ingestas deberían tener entre sí una hora y media- como mínimo- y tres horas, como máximo.

    Para manejar estos cambios, en principio, es conveniente realizar las cuatro comidas principales: desayuno, almuerzo, merienda y cena, y, luego, ir incorporando, de a poco, las colaciones (una a media mañana y otra a media tarde, e incluso en algunos casos si fuera necesario, una tercera post cena). Todo cambio necesita tiempo y constancia, hay que hacerlo progresivamente para evitar perder motivación.

  • Es aconsejable incluir algún líquido, que no aporte calorías (café, té, mate cocido, mate cebado, tisanas, jugo o gaseosa light, agua saborizada sin azúcar, bebidas a base de hierbas light, caldo de verduras), junto al sólido que se elija para incrementar el valor de saciedad. Los líquidos calientes o bien frescos pero con gas la estimulan.
  • Es importante que el alimento elegido contenga proteínas y/o fibra y, en lo posible, que demande masticación para que resulte útil desde el punto de vista de la saciedad.
  • Comer despacio, tomando bocados pequeños y saboreando; ya que de esta manera se da tiempo al cerebro a que reciba la señal de saciedad desde el estómago. Cuando se come rápido y casi sin masticar, no sólo se dificulta la digestión sino que además se come más; porque la señal llega tarde al cerebro.
  • Si es posible, hacer las colaciones, como el resto de las comidas, sentado y evitando realizar actividades que produzcan distracción como mirar la televisión, hablar por teléfono o trabajar en la computadora.
  • LOS BENEFICIOS DE COMER CADA 3 HORAS

    El consumo irregular de alimentos facilita el aumento de peso y de los niveles de lípidos en sangre; en tanto una distribución regular y ordenada, como mínimo de 6 comidas, favorece el adelgazamiento y un mejor estado de salud en general. Se ha demostrado que realizar una distribución más amplia, con un intervalo máximo de tres horas entre ingesta e ingesta, se asocia con:

  • Menor nivel de cholesterol total y LDL o colesterol “malo”.
  • Mayor cantidad de energía utilizada para la digestión, absorción, conversión y almacenamiento de los nutrientes consumidos a través de los alimentos; lo que se traduce en un mayor gasto calórico.
  • Menores picks de insulina, lo que implica regulación del nivel de azúcar y de grasas que circulan en sangre, además de menor sensación de hambre.
  • 7. Gelatina light con o sin frutas, o con yoghurt

    9. Barra con proteínas de soya (media unidad).

    11. Caja individual de leche chocolatada light.

    12. Caja individual de leche saborizada con fibra activa.

    14. Helado light (palito o pote individual).

    2. Porción de queso tipo Por Salut descremado (tamaño casete, tenor graso: menor al 12 %) o queso fundido light.

    3. Fruta seca (un puñadito tamaño pocillo de café, por ejemplo maní para pelar).

    4. Paquete individual de semillas de girasol.

    5. Paquete individual de tostadas súper finas de salvado light.

    8. Lámina de pollo u otra carne magra, fría.

    12. Bastones de zanahoria / Troncos de apio.

    13. Galleta de arroz integral con jamón cocido magro.

    14. Pizzeta de pan integral, con queso y tomate.

    10 COLACIONES POST CENA DE 100 CALORÍAS

    En general, la mayoría prefiere una golosina para lo cual no hay ningún inconveniente siempre que se hayan respetado las pautas del día, alimentarias y de movimiento. Recuerde acompañar con líquido, que pueden ser infusiones o refrescos.

    5. Barra individual de chocolate ó 2 chocolatines

    10. Barra individual de chocolate con cereal, sin azúcar

    Dieta Dukan face tot mai multe furori în România, însă este desfiinţată de nutriţioniştii români. Aceştia susţin că renumita dietă are efecte dezastruoase asupra organismului uman şi, pe termen lung, poate favoriza apariţia unor boli grave. B 365.ro vă prezintă riscurile pe care le presupune această dietă şi problemele de sănătate care pot apărea din cauza acestui regim alimentar, potrivit nutriţioniştilor.

    DIETA DUKAN. Stări de leşin, probleme la colon, oboseală, depresie, probleme renale, migrene, lipsă de energie, transpiraţie abundentă şi urât mirositoare, respiraţie urât mirositoare, constipaţie, coşmaruri, dereglări menstruale sau chiar lipsa menstruaţiei. Acestea sunt doar câteva dintre reacţiile organismului în urma Dietei Dukan, menţionate şi pe blogul dietamediteraneana.wordpress.com. Nutriţioniştii români spun că asemenea reacţii sunt normale atunci când se optează pentru o dietă proteică, iar prin asemenea manifestări organismul se răzbună, de fapt, pentru că este privat de nutrienţii necesari.

    În ultimii ani, mai multe staruri internaţionale, precum Jennifer Lopez sau modelul Gisele Bundchen, dar şi numeroase vedete autohtone au apelat la Dieta Dukan pentru a scăpa de kilogramele nedorite. Posibilitatea obţinerii unei siluete de invidiat într-un timp foarte scurt i-a atras şi pe oamenii de rând, atraşi fiind de faptul că pot mânca proteine animale în cantităţi nelimitate, în orice moment al zilei, mulţi au apelat la această dietă, fără să ştie ce pericole ascunde, de fapt, regimul recomandat de nutriţionistul francez Pierre Dukan. Acest regim alimentar a ocupat, timp de trei ani consecutiv, primul loc în topul celor mai periculoase diete, întocmit de experţii Asociaţiei Dieteticienilor din Marea Britanie. Aceeaşi opinie este împărtăşită şi de nutriţioniştii români, care spun că, de fapt, Pierre Dukan promovează o iluzie care distruge organismul.

    Dieta Dukan, structurată pe patru etape, se axează pe consumul excesiv de proteine, în detrimentul legumelor şi fructelor. Detalii suplimentare despre Dieta Dukan găsiţi aici.

    tisana per dimagrire erboristeria

  • 3 settimane di trattamento con cibi proteici e l’integratore
  • 10 giorni con solo AMIN 21K e supporto di vitamine e sali minerali
  • 10 giorni con solo AMIN 21K (come il precedente) ma tramite sondino naso-gastrico (per persone obese)
  • E può essere ripetuto a distanza di settimane, anche se spesso i risultati ottenuti non necessitano una ripetizione della dieta.

    Con il primo metodo, si assumono solo proteine (tramite AMIN 21K, carne e pesce) e verdure, escludendo grassi e carboidrati. Il calcolo delle proteine da assumere ogni giorno si calcola a partire dal peso ideale, che viene moltiplicato per un indice (1,2 per le donne e 1,5 per gli uomini); sempre in base al peso ideale, si somministrano una quantità di bustine di AMIN 21K al giorno, che coincide con una quantità di proteine (fino a 50kg di peso ideale, 2 bustine = 30g; tra 51 e 65 kg, 3 bustine = 45g; da 66 kg, 4 bustine = 60g).

    La differenza fra il numero di proteine calcolato che si deve assumere e i grammi apportati dalle bustine, è la quantità di proteine che la persona dovrà assumere tramite i cibi (ognuno di questi possiede un determinato fattore di conversione che viene moltiplicato con le proteine restanti che devono essere assunte, determinando così i grammi del relativo alimento che devono essere ingeriti).

    Con un esempio pratico, se una donna ha come peso ideale 64kg, il peso totale di proteine sarà 76,8 (64×1,2); prendendo 3 bustine al giorno di AMIN 21K (45 g), dovrà ancora ingerire 32,2 g di proteine (76,8-45). Se a cena, il soggetto vorrà mangiare manzo per assumere quei restanti 32,2 g di proteine, sapendo che il fattore di conversione del manzo è 4,76, basterà moltiplicare 4,76×32,2: potrà dunque ingerire 153,27 g di manzo.

    Secondo questi calcoli, viene formulata quindi tutta la dieta, giorno per giorno, ed è per tali motivi che è necessario uno specialista che sappia controllare ed intervenire nello schema, dando i giusti consigli per svolgere la dieta in modo corretto:

  • Sciogliere la bustina di AMIN 21K, come colazione, in acqua o caffè o the o tisane fredde (al massimo tiepide), addolcendo con aspartame;
  • Non saltare mai un pasto o ingerire quantità minori di quelle prescritte;
  • Usare al massimo un cucchiaino di olio; a proprio piacimento, limone, aglio, cipolla, aceto di mele e aromi vari per condire le pietanze; meglio il sale marino integrale;
  • Consumare caramelle o gomme da masticare solo se non contengono alcun zucchero;
  • Cucinare i cibi al vapore, alla griglia, al forno o a microonde;
  • Se si desidera, si può invertire lo schema del pranzo con quello della cena;
  • Evitare l’essere sedentari e praticare ogni giorno una buona attività fisica.
  • Questo trattamento può essere integrato con altri prodotti omeopatici per il gonfiore addominale, per reintegrare i sali minerali come il silicio, per ridurre i radicali liberi, per integrare omega.

    Il secondo metodo invece, solo AMIN 21K, consiste nell’assunzione dell’integratore nelle quantità stabilite per poter raggiungere il peso ideale, senza il calcolo finale dei cibi con fattore di conversione. In 10 giorni, si calcola che verrà perso il 7-10% del peso iniziale e sarà sufficiente poi fare una dieta di mantenimento ipocalorica dissociata. Il ciclo senza sondino non è consigliato per coloro che soffrono di patologie serie ai reni, diabete e ipertensione; e la creatinemia può essere una controindicazione.

    Per l’assunzione delle bustine di AMIN 21K, è sufficiente che il soggetto le prenda mantenendo un apporto calorico ben distribuito durante la giornata, beva almeno 2 litri di acqua al giorno ed è consigliabile anche prendere un purgante, un inibitore di pompa come il lansoprazolo, un antiossidante, sali minerali ed un alcalinizzante per il meteorismo. Evitare qualsiasi cosa contenga zucchero e praticare sport e attività fisica.

    Il terzo metodo è come il secondo, solo che si utilizza un sondino naso-gastrico, che il soggetto deve imparare a conoscere e gestire: l’integratore viene disciolto nell’acqua contenuta nell’apposita sacca, che andrà regolarmente seguita e reintegrata nelle giuste dosi.

    Si aziona così la pompa, per regolare l’apporto di gocce stabilito per minuto. Il soggetto può quindi muoversi liberamente prestando attenzione allo svuotamento e ai tempi della sacca. Questo metodo quindi è più impegnativo e di tipo meccanico. Richiede sempre l’integrazione di un purgante, del lansoprazolo e di vitamine e sali minerali.

    E’ importante ricordare che sono diete serie ma non bisogna sottovalutarle: i risultati sono ottimali ma bisogna esser rigorosi nel seguire tutte le regole e istruzioni e soprattutto, evitare assolutamente il fai da te e farsi seguire dal proprio medico specialista.

    La dieta paleolitica o del paleolitico

    Si sente parlare sempre più spesso di dieta paleolitica (o paleodieta) e fioriscono le interpretazioni, che troppo spesso, però, non illustrano quella che dovrebbe essere in realtà la vera dieta Paleolitica, ma un suo acritico riadattamento basato, superficialmente, solo sulla generica ripartizione dei macronutrienti: proteine, lipidi (grassi) e carboidrati. In realtà la dieta Paleolitica autentica ripropone la vera alimentazione seguita dai nostri avi, ed esclude l’impiego di alimenti apparsi da troppo poco tempo sulla scena evolutiva, ossia: latte e derivati, tutti i cosiddetti carboidrati ad alta densità (cereali e derivati, patate, mais, etc), di alimenti non originari delle proprie terre e di cibi trattati e raffinati.

    Alcune interpretazioni sono per una dieta iperproteica, ma si tratta di ipotesi, anche smentite da studi, non solo antropologici, sui reperti fossili.

    La verità imprescindibile sembra comunque essere una sola: alimentarsi secondo gola, abitudini e costumi, piuttosto che secondo le vere necessità del corpo umano, significa, prima o poi, dover affrontare seri problemi di salute.

    Tra i più noti promulgatori di una alimentazione “paleolitica”, si citano qui Loren Cordain (Paleo Diet), Ray Audette, Aajonus Vonderplanitz (Primal Diet, o “Rawpaleodiet”)

    La struttura di questo sito non è mirata solo all’esposizione dei concetti propri della Paleodieta. Infatti, dal confronto con altri tipi di dieta, appositamente riportati in questo sito, si noterà la consistenza degli elementi in comune. Questo perché l’approccio di questo sito, vista la particolarità dell’argomento, e l’assenza di dati certi ed incontrovertibili, è essenzialmente “empirica” e “filosofica”, più che “scientifica”. Si cerca di dare al visitatore una serie di strumenti adatta a guidarlo nella sua scelta di approfondimento bibliografico, che dovrà essere autonoma.

    Quello che può essere dedotto dal confronto delle varie opere consultate e in parte qui citate, è che non si può prescindere da quella che è la natura umana: quello che funziona è strettamente collegato ad essa. E la dieta paleolitica, come nutrizione delle origini, è quella che molti, oggi, iniziano a considerare quella evolutivamente più adatta all’uomo.

    Prima di proseguire è importante sottolineare che questo sito è volto solamente alla diffusione ragionata delle linee guida di quella conosciuta comunemente come “Dieta Paleolitica” o “Paleodieta” (o altro) e degli argomenti correlati. Questo non è un sito a carattere medico e i principi qui contenuti non intendono costituire direttamente, né indirettamente, alcun tipo di diagnosi, non sono un sollecito all’autodiagnosi, né a curarsi da soli, né ad abbandonare terapie mediche in atto.

    L’autore e l’intestatario del sito declinano ogni responsabilità per danni che possano derivare dall’uso incauto e superficiale dei contenuti di questo sito.

    Prima di intraprendere qualsiasi pratica qui eventualmente descritta o citata, è opportuno consultare uno specialista o il proprio medico curante.

    Si evidenzia inoltre come gli eventuali inserzionisti, che possano avere spazio sul sito, non siano in alcun modo legati al sito stesso, se non per lo spazio espositivo/divulgativo a loro concesso.

    Ma cosa mangiavano i nostri antenati? Quale era la vera dieta paleolitica?

    In tempi remoti gli esseri umani, sopravvivevano cacciando, pescando, e raccogliendo frutta, verdura, e altri prodotti della terra. Per questo molti studiosi hanno denominato questi nostri antenati “cacciatori – raccoglitori”. Ma la cosa non è così immediata come potrebbe sembrare. La varietà degli alimenti dipendeva molto dalle zone e dalle stagioni. E anche dal caso, dall’abilità e da altri fattori che oggi non sarebbero affatto importanti o limitanti.

    be bio dieta online chodakowska

    Il valore ottimale del peso-forma per una donna è compreso tra 21-22, per raggiungerlo devi perdere solo 2 chili. Il tuo peso forma ideale è infatti di 61 chili per una donna della tua statura:

    Trovi maggiori informazioni cliccando a questo link: Calcolo peso ideale

    Detto questo, la dieta proteica proposta va seguita solo per 1 mese ma è sconsigliata per le donne in menopausa, in gravidanza e in allattamento. Se non ti ritrovi in queste casistiche (non hai specificato la tua età nel tuo commento), puoi seguire la dieta proteica.

    Questa dieta è facile da seguire anche se ti capita di mangiare fuori casa: al ristorante ordina un secondo piatto di carne o pesce con un contorno di insalata o verdure cotte (anche grigliate).

    Se avverti fame, fuori pasto è utile mangiare verdure crude come carote e finocchi che apportano fibre, hanno poche calorie, danno un senso di sazietà e aiutano la funzionalità intestinale; nel tuo frigorifero non farti mancare carote e finocchi da mangiare all’ occorrenza.

    Alla fine del mese, quando avrai raggiunto il tuo peso ideale, puoi passare alla dieta di mantenimento. Ti consigliamo il semplice schema della Dieta Dissociata che trovi a questo link: Dieta Dissociata menù settimanale

    La dieta dissociata è ideale da seguire per mantenere il peso forma, puoi quindi seguire lo schema della dieta per una sana alimentazione ipocalorica.

    Infine ti ricordiamo che quando dimagrisci perdi peso in tutto il corpo. Se vuoi migliorare la zona della pancia e degli addominali, devi impegnarti con un’attività fisica mirata.

    In palestra, il corso fitness più indicato per te è la GAG: è un allenamento specifico per gambe, addominali e glutei, si fa in gruppo con la musica ed è anche molto divertente.

    Un altro corso fitness che ti consigliamo e che rassoda gli addominali è il pilates: si focalizza proprio sul rimodellamento della pancia. Sono perlopiù esercizi a corpo libero prevalentemente eseguiti a terra. Uno degli effetti maggiori è la tonificazione dell’ addome che durante tutta la lezione rimane sempre attivo. Trovi maggiori informazioni a questo link (clicca qui): Pilates per addominali

    Per avere benefici è bene fare sport almeno 3-4 volte a settimana: intensifica il tuo allenamento.

    attualmente peso 63 kg per 1.68 vorrei dimagrire soprattutto nella pancia.

    Due volte alla settimana faccio attività fisica.

    Mi piace questa dieta perché è semplice. La voglio cominciare la prossima settimana e spero di portarla a termine. Grazie e buone feste

    Buongiorno Maria, per prima cosa ti calcoliamo il tuo peso forma ideale per verificare quanto devi effettivamente dimagrire. La formula è la seguente:

    Cioè: il peso in chili va diviso per il calcolo della statura al quadrato. Il risultato del calcolo è il valore (indice) della tua massa corporea e va inserito nella tabella qui di seguito.

    – Sottopeso: valore inferiore a 18,5 (magrezza eccessiva)

    – Normopeso: valore compreso tra 18,5 e 24,9 (peso normale: peso-forma)

    Sovrappeso: valore compreso tra 25,0 e 29,9

    – Obesità classe I: valore compreso tra 30,0 e 34,9

    – Obesità classe II: valore compreso tra 35,0 e 39,9

    – Obesità classe III: valore uguale o superiore a 40

    In base alla tabella dei valori sei in forte sovrappeso.

    Il valore del peso forma ideale per una donna è compreso tra 21-22, per raggiungerlo devi perdere 18 chili. Il tuo peso forma ideale è di 55 chili per una donna della tua statura:

    55: (1,60×1,60) = 55 : 2,56 = 21,5 valore ideale del peso forma

    Trovi maggiori informazioni a questo link: Calcolo peso ideale

    Detto questo e stabilito il tuo obiettivo da raggiungere, se vuoi ottenere i migliori risultati, occorrono tempo e costanza sia con un programma dietetico che con lo sport. Per tornare in peso forma è infatti indispensabile per te praticare attività fisica costante con un allenamento di almeno 3-4 volte a settimana. L’attività fisica costante è molto importante per riattivare il metabolismo, per bruciare più calorie e per mantenere il successivo peso forma raggiunto senza ingrassare di nuovo. Fare solo la dieta è riduttivo: ogni dieta va sempre abbinata allo sport.

    Primo consiglio: iscriviti in palestra o in piscina se ancora non l’hai fatto, scegli un corso fitness che ti piace e fai un allenamento costante.

    In alternativa puoi iniziare a fare ginnastica a casa. In quest’ultimo caso ti possiamo consigliare un programma di allenamento completo ed efficace (facci sapere!). Il tuo corpo ha bisogno di muoversi: te lo sta chiedendo, ascoltalo! Fare sport ti aiuta sia a mantenerti in forma, sia a tenere alto il tuo buon umore.

    Sull’importanza di abbinare sempre dieta e sport, ti consigliamo di leggere questi articoli, clicca sui link qui di seguito:

    Per quanto riguarda la dieta da seguire, se hai già smesso l’allattamento puoi iniziare con 1 mese di dieta proteica: questa dieta va seguita solo per un mese. Al termine aggiornaci sui tuoi risultati (quanti chili hai perso) e ti consiglieremo la successiva dieta con cui proseguire.

    Salve, dopo la mia seconda gravidanza sono ingrassata di molto. Mi sono lasciata andare, mangio spesso e di tutto e a volte pur non avendo fame mangio. Mi sono molto trascurata e adesso mi ritrovo a dover perdere molti kg. Sono alta 1,60 e peso 73 kg e ho 29 anni. Pensavo di seguire questa dieta, pensate sia adatta a me?

    Buongiorno Monique, la dieta per dimagrire va scelta principalmente in base alle proprie esigenze di tempo e ai propri gusti alimentari, in modo che sia più facile seguirla. Ogni dieta, se seguita con costanza e se abbinata all’attività fisica, consente di ottenere risultati.

    Al di là del dimagrimento, iniziare a mangiare sano e fare sport significa innanzi tutto cambiare in meglio il proprio stile di vita. Anche una volta raggiunto il peso forma, queste sane abitudini vanno mantenute: diventano la “normalità” per stare bene e in forma. Questo è l’obiettivo fondamentale: imparare a mangiare sano, fare sport e volersi bene sempre per migliorare la propria vita!

    Anche la Dieta a Zona è un ottimo programma, ti riportiamo di seguito alcune informazioni:

    Detto questo, se al momento hai poco tempo, è utile per te iniziare il tuo percorso con 1-2 mesi di Dieta a Crudo (quella che hai scelto), perchè viene incontro alle tue esigenze. Se inizi anche a fare attività fisica, anche tu ti rimodellerai, stanne certa! I risultati dipendono sempre dall’impegno e dalla costanza.