perdere peso durante l'allattamento

perdere peso durante l'allattamento

Il venerdì invece, sostituisci la sogliola al forno presente a pranzo con i legumi.

Salve, sto facendo questa dieta, volevo sapere se posso sostituire una porzione di pesce con i legumi, dato che non mangio pesce ma solo tonno e salmone, grazie.

Auguriamo a tutti i nostri lettori un 2017 ricco di benessere!

IoBenessereBlog è anche su Facebook: per un nuovo anno insieme e per essere sempre aggiornati sulle novità di diete, fitness, alimentazione, bellezza e salute potete mettere “mi piace” alla pagina https://www.facebook.com/iobenessereblog.it/

Grazie a te Cinzia, faremo senz’altro presente la tua richiesta ai dietologi che collaborano con noi al sito. Teniamo sempre in considerazione i commenti dei nostri lettori e, dato che i vegani sono in aumento, faremo inserire diete specifiche oltre a quelle già presenti.

Ti auguriamo una felice giornata e a presto sul blog!

Vi ringrazio tantissimo dei consigli preziosi, il libro lo comprerò sicuramente e continuerò a seguirvi costantemente. Grazie ancora per la vostra disponibilità

Cara Cinzia, nel caso di un’alimentazione vegana consigliamo sempre di acquistare libri specifici per avere un’alimentazione più bilanciata e varia possibile. Se comunque non ritieni necessario leggere il libro VegPyramid (in cui sono riportate anche diete per vegani), ti sconsigliamo un fai-da-te con la dieta proteica.

Piuttosto, ti consigliamo di seguire queste due diete proposte:

Nella dieta ovolattovegetariana, puoi sostituire le uova e i latticini con altri prodotti vegetali (ad esempio a base di soia). Questa dieta può essere seguita per 1-2 mesi e ti consente di perdere i tuoi chili di troppo.

La dieta dissociata prevede diverse opzioni tra cui scegliere, puoi quindi optare per piatti vegani. Questa dieta è consigliata come schema di mantenimento una volta raggiunto il peso forma.

Leggi i menù settimanali e valuta se sono adatti ai tuoi gusti e alle tue esigenze (puoi adattare queste due diete in modo più semplice e vario rispetto alla proteica). Resta comunque sempre valido il consiglio del libro VegPyramid per migliorare la tua dieta, dato che hai deciso di seguire un’alimentazione vegana.

Vi ringrazio tantissimo per i consigli, comunque in merito ai carboidrati non ne mangio, o meglio forse la domenica la pasta a pranzo, niente pane pasta durante la settimana, raramente mangio quinta, amaranto o miglio… Durante l’attività fisica bevo equisero, ma credo che seguirò il vostro consiglio nell’assumere estratto di equiseto e betulla. Comunque farò una prova nel sostituire proteine vegetali a quelle animali nella proposta proteica e vediamo i risultati, vi terrò informati… Magari potrebbe essere una soluzione, non volendo, anche per i vegani. Grazie ancora e complimenti …siete bravissimi e preparatissimi

Buongiorno Cinzia, per per prima cosa ti calcoliamo il tuo peso-forma ideale per verificare quanto devi effettivamente dimagrire. La formula è la seguente:

Cioè: il peso in chili va diviso per il calcolo della statura al quadrato. Il risultato del calcolo è il valore (indice) della tua massa corporea e va inserito nella tabella qui di seguito.

– Sottopeso: valore inferiore a 18,5 (magrezza eccessiva)

Normopeso: valore compreso tra 18,5 e 24,9 (peso normale: peso-forma)

– Sovrappeso: valore compreso tra 25,0 e 29,9

– Obesità classe I: valore compreso tra 30,0 e 34,9

– Obesità classe II: valore compreso tra 35,0 e 39,9

– Obesità classe III: valore uguale o superiore a 40

In base alla tabella dei valori tu rientri nel normopeso e non hai problemi di sovrappeso.

Il valore ideale del peso forma per una donna è compreso tra 21-22, per raggiungerlo devi perdere solo 5 chili. Il tuo peso forma ideale è infatti di 53 chili per una donna della tua statura:

53: (1,57×1,57) = 53 : 2,4649 = 21,5 valore ottimale del peso forma

Trovi maggiori informazioni a questo link: Calcolo peso ideale

Detto questo, dato che sei un’istruttrice di fitness, i tuoi chili di troppo dipendono con molta probabilità dall’alimentazione. Seguire una dieta vegana porta spesso a mangiare un eccesso di carboidrati. La dieta proteica proposta nell’articolo sopra è indicata per chi segue un’alimentazione “onnivora”, basate anche sulle proteine animali di carne e pesce.

Per seguire in modo corretto una dieta vegana, ti consigliamo quindi di acquistare il libro VegPyramid in cui sono presenti menù e programmi dietetici per vegani. Trovi maggiori indicazioni sul libro in questo articolo (clicca qui): Il libro con i menù per vegani

Infine, per il tuo problema di ritenzione idrica, puoi aiutarti con dei rimedi naturali che trovi in erboristeria. Per contrastare gonfiore e ritenzione idrica sono molto indicati l’equiseto o la betulla; in questo articolo trovi le indicazioni per utilizzare al meglio questi rimedi naturali (clicca qui): Rimedi naturali per ritenzione idrica

Salve, sono Cinzia, ho 41 anni, sono in perfetta salute, sono alta 1.57 e peso 58 kg, devo asciugarmi ancora, ho qualche problema di ritenzione leggera, nonostante io sia un istruttore di fitness. Volevo sapere se posso seguire la proposta proteica, ovviamente sostituendo le proteine con quelle vegetali in quanto sono vegana, oppure avete una proposta vegana per perdere almeno 6 kg? Grazie attendo una vostra risposta.

Buongiorno Michela, i dietologi che collaborano con noi al sito hanno messo a punto diete studiate proprio per chi mangia fuori casa a pranzo e ha poco tempo. Si tratta di diete con menù facili e veloci per il pranzo, in modo che tu possa preparare la sera prima il pranzo da portare con te in ufficio.

Ti mandiamo quindi i link di sei diete tra cui puoi scegliere (clicca sui link qui di seguito):

dieta mediterranea o japonesa

Provare a mescolare le cose fino a sforzarsi per metterle a fuoco, amplificando così l’esperienza del cibo. Provate ad usare i bastoncini invece di una forchetta, o utilizzate gli utensili con la sinistra se siete destri e viceversa.

Interrompere il pasto prima di essere pieni: serve tempo perché il segnale raggiunga il vostro cervello e gli dica che il cibo è abbastanza. Evitare la tentazione di pulire il piatto. Sì, è vero che ci sono bambini che muoiono di fame, ma il vostro peso non incide sulla loro condizione (meglio pensare a modi alternativi per aiutarli).

Consiglio numero 4 su “come seguire una dieta sana per dimagrire”: riempirsi con frutta, verdure e fibra

Per dimagrire bisogna mangiare meno alimenti calorici, ma questo non vuol dire necessariamente che si debba assumere meno cibo. È possibile riempirsi anche se si è a dieta, a patto che si scelgano con saggezza gli alimenti. La chiave è scegliere un tipo di cibo che possa mantenere soddisfatti e pieni, e che non faccia ingrassare.

Se si vuole dimagrire senza sensazione di fame e di privazione per tutto il tempo, sarebbe opportuno iniziare a mangiare cibi ricchi di fibre, che sono maggiori di volume, che rende necessario al fisico offrire loro più spazio all’interno dello stomaco. Richiedono anche più istanti per essere deglutiti, che li rende più soddisfacenti da mangiare. Gli alimenti ricchi di fibre impiegano parecchie ore per passare al tratto digestivo, il che significa che ci si sente sazi più a lungo. Non c’è nulla di magico, ma la perdita di peso può ricevere grandi benefici.

Frutta e verdura – Tutta la frutta nei colori dell’arcobaleno (pesche noci, arance, mele, frutti di bosco, fragole, prugne), insalate, verdure di tutti i tipi.

Fagioli – Di qualsiasi tipo, neri, lenticchie, piselli, fagioli, ceci, da aggiungere a zuppe, insalate e antipasti, o goderne come piatto a sé stante.

I cereali integrali – Contengono molte fibre, farina d’avena, riso integrale, pasta di grano intero, pane di grano intero o multicereali, focaccine di crusca, o popcorn (senza grassi).

Contare le calorie e misurare le dimensioni delle porzioni può rapidamente diventare noioso, ma non è necessario un diploma di ragioneria per gustare certi prodotti! Quando si tratta di frutta e verdura, è generalmente sicuro mangiarne quanta se ne vuole e quando si vuole. Non servono né misurini né tabelle conta calorie: l’alto contenuto di acqua e di fibre nella maggior parte della frutta e verdura le rende difficili da mangiare in quantitativi esagerati . Ci si sente sazi molto prima di aver esagerato con le calorie.

• Versare un po’ meno cereali nella scodella della colazione, per fare spazio ad alcuni mirtilli, fragole, o banane a fette. Ci si può comunque godere di una ciotola piena, ma con un numero di calorie inferiore.

• Sostituire una delle uova e un po’ del formaggio nella frittata con le verdure. Da provare senz’altro i pomodori, le cipolle, i funghi, gli spinaci e i peperoni.

• Sostituire una parte della carne e dei formaggi contenuti in un sandwich con scelte più sane e vegetariane come lattuga, pomodori, germogli, cetrioli e avocado.

• Invece di uno spuntino ad alto contenuto calorico, come ad esempio le patatine fritte con la maionese, meglio provare ad associare le carote con l’hummus (pasta di ceci), una mela a fette o il buon vecchio sedano con il burro di arachidi (basta non esagerare sul burro di arachidi).

• Aggiungere altre verdure ai vostri piatti preferiti principali per osare un po’ di più sul taglio di calorie. Anche i piatti elaborati, come la pasta con il sugo, possono essere a prova di dieta se sono meno ricchi di pasta e più di verdure.

• Provare a iniziare il pasto con un’insalata o zuppa a bassa densità di sodio, per contribuire a riempire da subito lo stomaco, in modo da mangiare meno delle portate successive.

Non vi piace la verdura? Forse non la preparate nel modo giusto, perché davvero può diventare deliziosa e saporita, quando la si condisce con le spezie o con un filo d’olio d’oliva.

Frutta e verdura di tutti i colori, forme e dimensioni sono importanti in una dieta sana, ma è necessario fare attenzione ad alcune che hanno un potenziale ingrassante da tenere sotto controllo.

Verdure impanate o fritte, oppure cosparse di salsine caloriche. Non sono più leggere, quindi vanno consumate con cautela. Meglio optare per modi di cottura sani, come la cottura al forno o con il vapore, utilizzando spezie per insaporirle.

L’insalata non fa generalmente sentire colpevoli, a patto che non sia inzuppata in salse e dressing ad alto contenuto di grassi. Si possono aggiungere un po’ di condimenti, ma senza esagerare. Per quanto riguarda il dressing, un po’ di grasso è sano (ad esempio una vinaigrette a base di olio d’oliva), ma ancora una volta la moderazione è la soluzione.

Frutta secca. Meglio prestare attenzione quando si tratta di frutta secca, perché contiene abbastanza calorie e, spesso, ha alcuni zuccheri aggiunti. Si può mangiare un frutto intero fresco, in alternativa. Se però si desidera uno snack frutta secca, meglio mantenere la porzione più piccola possibile.

Succo di frutta. Non c’è nulla di sbagliato nel godersi un bicchiere di succo di tanto in tanto. Ma ricordate che anche queste sono calorie che si aggiungono rapidamente al vostro totale, senza nemmeno tanto beneficio per il vostro senso di pienezza. Assicurarsi inoltre che la vostra bevanda preferita sia a base di succo di frutta al 100% e non contenga zucchero aggiunto.

A tal proposito ecco un articolo da consultare sempre qui su SEB:

Al fine di dimagrire con successo e non riprenderlo mai più, è necessario imparare a godere degli alimenti che amate senza esagerare. Una dieta che pone un veto su tutti i cibi preferiti non funziona nel lungo periodo. Alla fine, vi sentirete privati ​​e cadrete in tentazione… e quando lo farete, probabilmente non vi fermerete davanti a una ragionevole porzione.

Combinare il trattamento con altri alimenti sani. Si può ancora gustare il piatto favorito anche se è ad alto contenuto calorico, che si tratti di gelato, patatine fritte, torta, o cioccolato. La soluzione è quella di prepararne una quantità inferiore, insieme ad un’opzione a un basso contenuto calorico. Per esempio, aggiungere le fragole al gelato o sgranocchiare i bastoncini di carote e sedano con la salsa per le patatine. Rinunciando a qualche opzione, si può mangiare una parte del cibo preferito senza sentirsi defraudati.

Programmare le delizie. Gli esseri umani sono creature estremamente abitudinarie, ed è possibile utilizzare questo a vostro vantaggio quando si cerca di perdere peso. Stabilire orari regolari per indulgere nel cibo preferito potrebbe essere una soluzione: per esempio, godersi un piccolo quadrato di cioccolato ogni giorno dopo pranzo, o una piccola fetta di dolce ogni venerdì sera. Una volta entrati in condizione di mangiarlo solo in quei tempi e in quei modi, noterete che non ne siete più ossessionati.

Sgarrare, ma nel modo più intelligente. Trovare il modo di ridurre il grasso, lo zucchero, o le calorie da piatti preferiti e snack; per esempio se si è abituati a cucinarsi i pasti, ridurre il burro a favore dell’olio nelle ricette, oppure ridurre gli zuccheri sostituendoli con cannella o vaniglia. È inoltre possibile eliminare o ridurre gli ingredienti ad alto contenuto calorico, come la panna montata, a favore di formaggi spalmabili magri.

Coinvolgere ognuno dei cinque sensi e non solo quello del gusto. Anziché mandare giù senza pensare, assaporare e prolungare l’esperienza. È possibile rendere speciale una merenda anche solo apparecchiando un tavolo in modo più attraente, diffondendo musica che vi faccia sentire rilassati, o godendosi un pasto all’aperto in un contesto bellissimo. Ottenere il massimo del piacere e il massimo del relax tagliando il cibo in piccoli pezzi, prendendosi il proprio spazio e tempo per godersi quello che si sta mangiando, assaporando accuratamente.

Quando si vietano determinati alimenti o gruppi di alimenti, è naturale voler quei cibi e poi sentirsi dei falliti se si cede alla tentazione. Invece di negare a sé stessi i cibi non sani che si amano, bisogna semplicemente mangiarne meno e meno spesso.

Ritrovarsi a spazzolare una confezione di gelato o di biscotti ripieni e patatine dopo aver trascorso una giornata intera a mangiare insalate, è il tipico modo in cui finiscono tutte le diete estremamente restrittive . Probabilmente ci si sente anche in colpa, ma il problema non è la forza di volontà: è la strategia di perdita di peso. Le diete che si basano sulla privazione sono un preavviso di fallimento e vi faranno morire di fame fino a quando non scatterà quel qualcosa che annullerà tutti i vostri sforzi precedenti.

Consiglio numero 6 su “come seguire una dieta sana per dimagrire”: preparare un ambiente idoneo alla dieta

Se il vostro sforzo sarà un successo o un fallimento, sarà anche basato sul vostro ambiente alimentare. Preparare un ambiente idoneo alla dieta è un ottimo modo per portarla avanti a lungo: predisporre quando si mangia, quanto si mangia, e quali alimenti sono disponibili vi darà un grande aiuto.

Cominciate la vostra alimentazione quotidiana partendo da una corretta prima colazione. Le persone che hanno questa abitudine, tendono ad essere più snelle di quelle che non ce l’hanno. Partire con una buona colazione vi aiuta a mettere in moto il metabolismo e, inoltre, contribuirà a mantenervi lontano dalle tentazioni nel corso delle ore successive.

perdere peso durante l'allattamento

Voglio comunque perdere altri 6 kg per riuscire a sentirmi meglio.

Per tutte quelle che vogliono perdere peso in fretta: mangiate di più nella prima parte della giornata(colazione e pranzo), e mangiate meno al pomeriggio e a cena(io qualche volta la evito).

Facendo così riesco a perdere 0.5 kg ogni 2-3 giorni….ma forse è anche il mio metabolismo….Cmq volevo dire a tutte di non mollare e di metterci tutta la volontà possibile!

Ciao,mi chiamo Gabriella,ho 15 anni,sono alta 1,66 e peso 61 kg.

Premetto che non sono,grassa sono solo leggermente sovrappeso,anche se sono dentro la fascia del peso forma.

Io del mio corpo non mi lamento molto,ho una bella pancia ma c’è una cosa che mi da fastidio e che farei qualsiasi cosa per far diminuire: LE MIE GAMBE!

Un conto sarebbe averle belle sode,e quindi m’andrebbe anche bene,ma appena muovo un passo sembra che stia per venir giù chissà cosa,si sto esagerando un po ma il fatto è che fino ad oggi non mi ero mai detta di cominciare DAVVERO a dimagrire,ma poi mi sono detta che per stare bene con me stessa avrei dovuta fare dei cambiamenti nella mia vita,ed uno di questo era dimagrire,non so quanto voglio dimagrire,forse 5-6 kg,so che in un mese non c’e la farò mai,ma un poco alla volta c’arriverò,anche se fosse un kg ogni due mesi,significa che dopo un anno ho perso 6 kg,e ditemi che non è abbastanza,poi l’importante è avere un certo equilibrio e non essere troppo irregolari,un giorno abbuffarsi ed un giorno non toccar cibo.

Un consiglio che danno tutti,BEVETE MOLTA ACQUA,aiuta un sacco.

Sperando che tra un paio di mesi avrò ottenuto qualche risultato,per ora vi saluto.

ciao, tra 16 giorni faccio 18 anni, sono alta 1.66 e ne peso 75…. iniziamo da quando sono nata, pesavo 4.2kg…. da quando avevo un’anno e mezzo ho iniziato a non mangiare…. fino a quando a 7 anni mi hanno ricoverato in ospedale per anoressia…. ho fatto avanti e indietro per questo problema…. finkè tra cure varie ho iniziato a buttare su peso….. ma non sono mai stata bene…. ricoverata varie volte per problemi allo stomaco… mangiavo e vomitavo (tengo a precisare che nn mi infilavo le dita in gola)…. sono andata avanti anni a prendere medicine varie che mi facevano lievitare, ma restando nel normale. finkè sono arrivata ai 12 anni, arriva la notizia che ho un problema alle ginocchia, dopo quasi 6 anni ankora non mi hanno operato -.-” ma il mio grande dottore per non farmi sentire i dolori all’età di 12 anni mi prescrisse pastiglie a base di cortisone e metadone… per 5 anni le ho prese, ero arrivata che mangiavo ogni 3 giorni un’insalata e una bistecca di pollo e ingrassavo ugualmente… per l’effetto di dipendenza che da il metadone ero arrivata al settembre del 2010 a prendere circa 20 pastiglie al giorno e a non stare in piedi perchè mi rincoglionivano e perchè non mangiavo, finchè le ho prese e cestinate… dura lotta contro la dipendenza…. continuo a mangiare pochissimo e soprattutto mangio verdura e carne, andavo anche in palestra…. cosa ho ottenuto?! che ho ankora + massa muscolosa di prima (dato che fino ai 14 anni ho sempre fatto molto sport) ma avendo ancora in corpo 5 anni di pastiglie non perdo mezzo kilo. che dovrei fare?!

Ho 37 anni, sono casalinga, mamma, sono alta 1.67 per 94 kg non so come fare, faccio i servizi, sono sola, faccio la spesa, vado a prendere mia figlia a scuola, il pomeriggio mi dedico a lei, dirigo la mia famiglia più che bene ma la mia dieta fa schifo, sono sempre stanca e alterno periodi in cui mi abbuffo a periodi in cui sto più attenta ma non basta. Vorrei dimagrire ma non ho tempo, non ho aiuti per tenermi la bambina, non ho tanti soldi da sprecare per palestre, nè per i vitasnella, la verdura costa. Mi sa che faccio la dieta del brodo e del thè ma da sola, ho fatto le analisi e vanno benissimo ma la ciccia mi fa schifo, vorrei indossare dei bei vestiti e invece non compro nulla così risparmio anche…non so come fare, voglio dimagrire con la testa ma la mia bocca mangia, pasta un bel piattone e poi basta, mi sazio solo con la pasta. Non ce la faccio più.

smettila di piangerti addosso ed agisci….

prima cosa da fare….consulta un nutrizionista e vuota il sacco, nel senso che devi dire esattamente quello che provi nei confronti del cibo…

Ti aiutera’ a trovare una dieta giusta x te. Poi inizia con semplici passeggiate da 20, 30 minuti invece di stare davanti alla tv e mangiare di tutto..E’ un circolo vizioso che devi assolutamente interrompere..ok?

io ho fatto la stessa cosa, ma oggi ho deciso di cominciare a vivere la mia nuova vita.

Ciao peso 57 chili e vorrei perdere 10 chili un pò alla volta

ciao…sono Matilda. Ho 29 anni. 1,65m e credo ormai 60kg.

Mangio per rabbia, tristezza, solitudine e paura. Raramente per fame. Ho preso 10kg in 1 mese e non riesco a perderli. Credo che il problema sia dovuto al fatto che sono troppo focalizzata sul cibo. Mi addormento con i sensi di colpa pensando a tutto quello ho mangiato nella giornata, mi risveglio al mattino programmando quello che intendo mangiare. Ma si tratta solo di buoni propositi che svaniscono dopo poco. Io credo che se smettessi di pensare troppo al cibo, a dimagrire, a cercare diete su internet forse ce la potrei fare a perdere sti kili.

voi non credete che se permettiamo alla bilancia di essere nei nostri pensieri per il 90% del tempo finiamo col dare alla bilancia piu peso di quello che si merita?

ciao io peso 56 alta 162 vorrei diventare anoressica aiuto ciao

sono alta 1,60 cm e peso 52,3 kg, toppo per la mia età(14). Tutte le mie amiche e compagne di classe pesano 45-46 kg. Io mi vedo grassa e ho continuamente nella testa l’immagine della mia amica Silvia. Molti mi dicono che con un pò di volontà riuscirò presto a dimagrire eliminando dolci e bibite, faccio colazione, la merenda alle 10, il pranzo, il break pomeridiano e la cena. un consiglio vi prego, non voglio passare un’altra estate sentendomi fuoriposto, grazie 🙂

Ragazzi e ragazze basta con queste cavolate la vita è di per se tanto triste e soprattutto difficile non ve la complicate ancora di più.Mangiate sano ma mangiate io ho 30 anni sono alta 1,65 peso 60 kg ho sofferto per anni di bulimia e anoressia pesavo fino a pochi anni fa 40kg ora mi vedo ancora grassa non mi piaccio ma la vita è troppo bella per rischiarla per un pò di chili in meno

…..Ho letto l’orrore delle bambine di oggi….. ma dico, state bene? Cioè.. sentire una ragazzina di 13 anni che pesa 56 kili(un peso normale ) che pretende di tornare o essere 46′ Peso da malati??

Io sono alta 1,65 e peso 50 kg, mangio bene non ho problemi di alcun tipo, cammino tanto e questo fa bene a gambe, ossa e cuore…. basta con ste menate di fare le strafighette magre, porta solo all’anoressia= Morte.

Vi dico questo perchè ho passato 6 anni di inferno a digiuno dopo la morte di mio padre…. vivete, amate la vita e non fate diete, basta mangiare senza esagerare e un pò di tutto…… e soprattutto muoversi. Cioè… 56 kili è un peso normale NORMALE bimbe….. 40 46 49 è da malati di anoressia e disturbi alimentari basta con ste cavolate, e fate le ragazzine intelligenti, non le ragazzine con apparente effetto lobotomia transorbitale rileggetevi perché siete preoccupanti…. grazie -_-

Ciao…sono una ragazza di 13 anni peso 59 kg e sono alta 1 .67 ho una corporatura grossa ma so di poter levare un po di “ciccia” vorrei non essere presa più in giro per un po di “ciccia” questa dieta è consigliata anche per me.

Ciao a tutti ho 13 anni, vorrei cercare di dimagrire 5 kg in un mese.. ma non vado dal dietologo.. peso 65 kg, sono alta 1.64, Che dieta mi consigliate? Per favore fatemi sapere..

mi chiamo andra e ho 12 sono alta 1,56 e peso 53 vorrei dimagrire perche se siamo grassi non mi vora nessuno

ciao peso ben 58 kili e sono alta 164 e vorrei perdere qualke kiletto un pò alla volta all’incirca in 3 mesi…mi ci metto ma nn ci riesco cado sempre sul mangiare il pane e la pasta…ma mi dv impegnare..aiutatemi…grz<3<3

ciao io peso 46-47kg vorrei perdere 10 kg in un mese lo so che è un pò difficile ma ci devo riuscire ho letto tutti i vosti consigli ma vorrei un altro aiuto in più

dimagrire dieta e palestra

Spesso, infatti, la noia e la rabbia (fame nervosa) tendono a essere riempite con il cibo, invece che vissute ed elaborate in modo costruttivo. Questo tipo di comportamento sabota ogni tentativo di perdere peso e fa male anche all'anima.

«Un'altra regola fondamentale per perdere peso, con consapevolezza e senza punirsi, è spezzare con uno snack se trascorrono più di 4 ore tra un pasto e l’altro» aggiunge la dott.ssa Francesca Noli.

Quindi, via libera allo spezzafame di metà mattina e alla "merenda", che interrompa il digiuno tra pranzo e cena.

Cosa consumare? Spuntini intelligenti: dal frutto al cereali integrali. Questa abitudine dimunirà anche l'appetito nel momento del pasto successivo, scongiurando abbuffate.

«Per perdere peso con consapevolezza, è importante non evitare del tutto il condimento ma privilegiare, invece, l'olio EVO» spiega la dott.ssa Noli.

Mangiare pietanze completamente scondite, infatti, non solo mortifica il palato ma non fa bene neppure alla salute. L'olio EVO, in dosi moderate e usato a crudo, garantisce anche l'apporto di nutrienti fondamentali per il nostro benessere come gli acidi grassi essenziali.

«Per dimagrire, adottare una corretta masticazione è davvero essenziale. Infatti, chi mastica più a lungo è più sazio e arriva meno affamato al pasto successivo» spiega la dott.ssa Noli.

Inoltre, masticare a lungo favorisce anche la digestione ed è il comportamento alimentare base da adottare, soprattutto se si soffre di meteorismo con addome "a palloncino" o di digestione difficile.

In questo senso, frutta e verdura crude aiutano molto così come tutti gli altri cibi ricchi di fibre.

Non dimenticare mai la verdura

I vegetali (frutta e verdura) sono fondamentali per mantenere alto il nostro benessere, poiché apportano vitamine e sali minerali essenziali per la salute psicofisica dell'intero organismo. Ma i vegetali sono fondamentali anche se vuoi perdere peso, soprattutto le verdure.

«Per perdere peso, è necessario mangiare sempre una porzione di verdura sia a pranzo sia a cena. Questa abitudine, oltre a fornire fibre, minerali e vitamine, garantirà sazietà più a lungo» spiega l'esperta.

Dunque, via libera sia alle insalate miste sia alle verdure grigliate o cotte al vapore. Ottime anche per accompagnare i primi piatti, rendendoli ancora più sani, appetitosi e funzionali al dimagrimento.

Aromatiche al posto del sale

«Per condire, il consiglio è quello di utilizzare poco olio e molte erbe aromatiche e spezie» afferma la dott.ssa Francesca Noli.

Usare aromatiche e spezie, inoltre, fa diminuire anche il consumo di sale. Proprio il sodio contenuto nel sale, infatti, è la prima causa di ipertensione arteriosa, problemi cardiovascolari e ritenzione idrica. Eliminare o ridurre l'utilizzo del sale in cucina è fondamentale, quindi, non solo quando si desidera perdere peso.

Sostituire il sale con erbe aromatiche (origano, rosmarino, maggiorana, timo) e spezie (curcuma, zenzero, peperoncino) non solo è una scelta gustosa ma apporta un benessere maggiore grazie alle proprietà salutari delle stesse piante (per esempio, origano e maggiorana favoriscono drenaggio dei liquidi e digestione) e delle spezie (zenzero e peperoncino sono termogeniche mentre la curcuma è un eccezionale antiossidante e antinfiammatorio).

«Molto importante è anche non avere un atteggiamento troppo rigido, restrittivo e giudicante verso se stessi: stabilire, ad esempio, di mangiare una volta a settimana un cibo che ci piace particolarmente (un pezzetto di cioccolato oppure uno snack salato) stando seduti e assaporandolo bene. Ci accorgeremo, quindi, che ci basterà una porzione piccola e ne trarremo grande piacere» spiega la dott.ssa Francesca Noli.

Spesso, dimagrire diventa una specie di ossessione in attesa del risultato. Questo tipo di atteggiamento non è funzionale a una corretta (e sana) perdita di peso.

«Molto importante è focalizzarsi sui propri comportamenti invece che sul peso: la perdita di peso sarà la conseguenza. Meglio concentrarsi sul processo, con attenzione senza ossessione» precisa la dott.ssa Francesca Noli.

Quindi, evitiamo di continuare a pesarci ma restiamo attente, con le giuste dosi di amor proprio e autostima.

Attività fisica come risorsa

Per perdere peso in modo corretto, e sano, è fondamentale abbinare alimentazione equilibrata e consapevole a un'attività fisica costante.

«L'attività fisica va utilizzata come risorsa e non come pegno da pagare» afferma la dott.ssa Noli.

Dunque, è importante iniziare a considerare il movimento come un regalo che facciamo a noi stesse: un modo in più per occuparsi del proprio benessere e aiutare l'organismo a perdere i chili di troppo, attivando il metabolismo.

Quale attività praticare? Il tipo di sport varia a seconda di gusti, temperamento personale (che va assecondato e non forzato) e tempo a disposizione. Palestra, yoga, bici ma anche soltanto 30 minuti di camminata veloce ogni giorno.

In base ai dati più recenti ad oggi disponibili si stima che in Italia, nell’anno 2015, più di un terzo della popolazione adulta (35,3%) fosse in sovrappeso e addirittura quasi una su dieci obesa; questo significa che quasi la metà della popolazione italiana adulta (con più di 18 anni) è in sovrappeso.

La percentuale dei soggetti in condizione di sovrappeso cresce all’aumentare, complice probabilmente una maggior sedentarietà, e tendenzialmente è un problema che affligge in modo maggiore gli uomini rispetto alle donne (sono in sovrappeso il 44% degli uomini contro il 27,3% delle donne, sono obesi il 10,8% degli uomini contro il 9% delle donne).

Questi dati emergono in tutta la loro gravità se pensiamo che un eccesso di peso ponderale è, insieme a sedentarietà, fumo e alcool, uno tra i più importanti fattori di rischio cardiovascolari, responsabile di più di 1000 morti ogni settimana.

Esistono moltissime diete dimagranti, alcune anche corrette ed efficaci, ma spesso non funzionano perché chi le inizia non è costante nel proseguirle. Un programma di mantenimento del peso forma permette a chi è in sovrappeso di perdere peso e di non recuperarlo più.

In quest’articolo spiegheremo come dimagrire e come fare per non riprendere più i chili persi, spiegheremo i principi generali dell’aumento di peso e del dimagrimento: seguendoli e facendo una vita più sana riuscirete a dimagrire. Ci occuperemo inoltre delle cause dell’aumento di peso e dei benefici del dimagrimento, vi insegneremo a dimagrire seguendo una dieta sana e facendo esercizio fisico e vi daremo alcuni consigli per iniziare.

Per dimagrire davvero serve costanza (http://www.flickr.com/photos/sharpchick/2041409554/sizes/m/in/photostream/)