calcolo peso forma in base alla corporatura

dieta fai da te diabete

Como puedo disminuir 500 calorías diarias? Reduciendo los cho en cuanto porcentaje?gracias .

Debes ajustar las cantidades hasta llegar a las calorías que necesites. Saludos.

hola buenas , mido 1,85 y pero 80 kg , con esta dieta de 2000 kcal me haría bien , lo que quiero es bajar grasa abdominal , que me aconsejas

Hola buenas. Puedes probarla unas semanas y ver tu mismo los resultados. Saludos.

Hola buen día.peso 86kg.mido 1.59 quiero bajar de peso soy mujer como saber cual seria mi ingesta diaria de kal.que tipo de ejercicios seria recomendables

Muy buen aporte Coach! Estaba buscando una dieta de definición ya que acabo de empezar con la nueva rutina. Voy a probar esta dieta durante un mes y te comunicare los resultados, actualmente mido 1.83 y peso 82 kilos.

Hola buenas , en caso de dejar esta dieta porque ya me veo satisfecho con los resultados ¿ como tendria que hacer para dejarla y no subir kilos

Soy Ectoformo con esta dieta perdere mucho peso rapidamente o bajare lento?

Hola! esta dieta mas o menos la estoy haciendo yo y llevo un mes y no bajo, crees que es por las kl? deberia de comer menos seguramente. peso 67,5 y mi estatura es de 1, 64 me gustaria bajar indice grasa yo con 64 kilos estoy bastante bien ya que tengo masa muscular. ( no soy Jose Boix soy su pareja. jajajajjaaj

Hola buenas! Seguramente necesitarás menos aporte calórico y por eso no bajas de peso. Saludos.

Hola Coach. Tengo 35 años y mido 1,78. Hace unos 7 meses que empecé una dieta de volumen (con su consiguiente rutina en el gimnasio) y he conseguido pasar de 67 a 78kg, todo de forma natural y sin suplementos. Hace una semana empecé esta dieta de definición porque, después de valorar muchas opciones, la encontré factible, sana y más o menos compatible con mi trabajo y familia. El problema que estoy encontrando, es que en este corto espacio de tiempo ya he perdido 2kg, y me siento mucho menos hinchado, muscularmente hablando, y tengo miedo de estar perdiendo esa masa muscular que tanto esfuerzo me ha costado conseguir esto últimos meses. ¿Es normal esta bajada de peso y de volumen? El entreno que realizo también es de definición, pero a cargas máximas y no muchas repeticiones (en teoría para garantizar el mantenimiento muscular). Gracias por contestar. Un saludo.

Hola buenas. Cuando empiezas una dieta de definición siempre pierdes algo de volumen muscular además de grasas y líquidos retenidos. Lo que me comentas puede ser normal, pero si ves que las pérdidas son excesivas deberías aumentar un poco las calorías de la dieta. Saludos.

Hola de nuevo. Entonces, si sigo a este ritmo de bajada de peso y volumen en las próximas semanas, ¿es aconsejable tomar algún suplemento proteico después de entrenar, por ejemplo? ¿O quizá es preferible aumentar las calorías de la dieta en las primeras horas del día? Entiendo que esta subida de calorías se ha de hacer en base a más proteínas, no de hidratos de carbono. ¿Es así? Gracias de nuevo, saludos.

Si sigues así puedes aumentar las calorías como tu bien dices en su mayoría de las proteínas, aunque también puedes aumentar ligeramente los hidratos en las primeras comidas del día. Saludos!

La dieta proteica consiste básicamente en consumir alimentos con un alto contenido en proteínas y bajos en contenido de hidratos de carbono y en los últimos años se han hecho muy populares presentándose como una manera efectiva para adelgazar.

En ellas entre el 30% o el 50% de las calorías totales consumidas provienen de las proteínas y proponen una ingesta superior de ella de lo que algunas instituciones y organismo de salud aconsejan en el consumo diario que por otra parte son un grupo de alimentos totalmente imprescindible para reparar los tejidos del cuerpo y conseguir su óptimo mantenimiento.

Las proteínas del cuerpo humano se componen de unos 20 aminoácidos de los cuales 9 son aminoácidos esenciales y estos se consideran esenciales porque el cuerpo no los puede producir por si mismo y necesita obtenerlos por medio de la alimentación.

Dentro de las proteínas se distinguen dos grupos, las proteínas animales y las vegetales. Las animales tienen un valor biológico superior porque se tratan de proteínas completas al contener los 9 aminoácidos esenciales mientras que las proteínas vegetales presentan un menor valor biológico al no ser proteínas completas y algunas de ellas solo contienen uno o dos aminoácidos esenciales.

Las proteínas de origen animal más conocidas son los huevos, los lácteos, las carnes y los pescados y si hablamos de las vegetales las más completas son el tofu, los granos, los frijoles, el arroz o el maíz que en algunos países por su cultura culinaria se suelen complementar en la misma comida para así poder cubrir las necesidades de aminoácidos esenciales del cuerpo humano.

Los aminoácidos que no son esenciales no se acumulan en el cuerpo y se dividen en enzimas destinando su parte de nitrógeno a los riñones y por lo tanto acaba siendo expulsada a través de la orina mientras que el resto se convierte en glucosa para usarse posteriormente como fuente de energía o ser almacenada como glucógeno en los músculos del cuerpo.

En una dieta proteica también se consumen una cantidad importante de grasas procedentes de las grasas saturadas y grasas insaturadas. Por su parte las grasas saturadas son las que elevan el colesterol malo y las insaturadas son las grasas saludables que ayudan a regular el colesterol.

En una dieta proteica se consigue bajar de peso rápido pero hay que tener en cuenta que esa mayor pérdida de peso se consigue debido a la pérdida de agua debido al estado de cetosis que se produce en el cuerpo. Cuando el cuerpo ha agotado sus reservas de glucosa comienza a quemar grasa pero también se pierde líquidos ya para utilizar la grasa como energía libera cuerpos cetónicos y agua expulsados en la orina.

Si en una dieta proteica se consume más grasa almacenada de la normal los cuerpos cetónicos o las cetonas se acumulan en la sangre y esto es causado por privar al organismo de los carbohidratos durante largos periodos de tiempo y conlleva a que se produzca una acumulación de las cetonas y desequilibrios en el metabolismo que pueden llegar a perjudicar la salud y concretamente algunos órganos como los riñones. De ahí que sea recomendable hacer este tipo de dietas altas en proteínas y bajas en carbohidratos con la previa aprobación de un médico nutricionista.

Los cuerpos cetónicos hacen que el apetito se reduzca considerablemente aunque también es cierto que es las al consumir una gran cantidad de grasas para acompañar a la proteína en la dieta, estas contienen un mayor número de calorías y ello no supone dejar al cuerpo desnutrido pero en cambio si implica una mayor pérdida de peso en el proceso de lo que supone hacer una dieta baja en calorías o una dieta hipocalórica.

Por lo tanto en una dieta proteica el cuerpo deja de obtener la energía que necesita para funcionar de los carbohidratos y comienza a obtenerla de las reservas de grasa y este es la clave para que tantas personas escojan las dietas proteicas para adelgazar.

En toda dieta de proteínas o dieta proteica hay unos alimentos proteicos comunes y los describimos a continuación mostrando además el valor de proteína que contienen por cada 100 gr de alimento :

  • Filete de ternera: Contienen entre 28 y 35 gr
  • Hamburguesa de carne magra: Contiene unos 25 gr
  • Rodaja de atún en filete: Tiene 30 gr de proteína por cada 100
  • Las semillas de soja: 12 gr por cada 100
  • glicemia alta quale dieta fare

    Di fatto i ricercatori hanno riscontrato che un esercizio moderato (l’equivalente di camminare per circa 3,5 km) sarebbe il modo migliore di bruciare calorie in eccesso. Oltre questo l’organismo sembrerebbe adattare il proprio metabolismo, per cui il consumo calorico si attesterebbe a un dato livello, a prescindere dalla quantità di esercizio.

    I risultati, pubblicati online nella rivista Current Biology, possono sembrare non intuitivi, o quanto meno deludenti. “L’opinione dominante è che più si pratica esercizio, più calorie si bruciano ogni giorno”, ha dichiarato Herman Pontzer, professore associato di antropologia alla City University dell’Hunter College di New York e ricercatore principale. Questo studio, secondo Pontzer, avvalora una tesi diversa: “In realtà, non è una banale relazione dose-effetto”, ha affermato. “Il corpo si adatta all’esercizio e lo fa già a livelli moderati di attività”.

    Tutti i partecipanti hanno indossato per una settimana un dispositivo che ne registrava i livelli di attività; i ricercatori hanno poi impiegato test standard per misurare il consumo settimanale totale di calorie di ciascuno. Prevedibilmente, i soggetti con livelli moderati di attività bruciavano qualche caloria in più (in media, circa 200) dei soggetti sedentari, l’attività più intensa, però, non aggiungeva alcun beneficio, almeno in termini di consumo calorico.

    Pontzer ha sottolineato il fatto che l’esercizio ha comunque effetti positivi sulla salute di un soggetto. “Niente in questo studio indica che l’esercizio non sia salutare per chi lo fa”, ha detto, “Ma se lo scopo è la perdita di peso, il solo esercizio non sembrerebbe in grado di ridurlo. E questo messaggio, continua Pontzer, non è nuovo.

    “Sappiamo che le modifiche della dieta sono il modo più efficace di perdere peso”, ha affermato. “Questo studio aggiunge un ulteriore tassello a supporto di ciò”.

    Due ricercatori non coinvolti nello studio concordano che l’esercizio non basta.

    “La realtà è che il solo esercizio non è efficace nel ridurre il peso”, ha spiegato il Dr. Timothy Church, professore di medicina preventiva al Biomedical Research Center di Baton Rouge (Louisiana). Ha anche fatto notare che però l’esercizio potenzia la perdita di peso conseguente alle modifiche della dieta, e aiuta a mantenere il nuovo peso raggiunto.

    Il Dr. Chip Lavie, direttore dei laboratori di esercizio del Ochsner Heart and Vascular Institute di New Orleans, ha espresso la stessa riflessione. “Inoltre”, ha detto, “a parte la perdita di peso, l’esercizio ha numerosi effetti benefici”. Secondo Lavie, questi benefici includono una forma fisica migliore (e i risultati sono in genere migliori se l’esercizio è intenso), un rischio ridotto di cardiopatia, una riduzione dello stress e …divertimento.

    Ma perché livelli di esercizio più intensi non aiutano il corpo a bruciare quotidianamente più calorie?

    Il comportamento potrebbe in parte spiegare questo fatto, secondo Pontzer. Quando un soggetto fa esercizio in palestra o va a correre, potrebbe poi compensare stando seduto o sdraiato di più il resto della giornata.

    Secondo Pontzer, però, ci sono anche adattamenti fisiologici. In uno studio precedente i suoi colleghi e lui si sono focalizzati sugli Hadza, una tribù di cacciatori indigeni della Tanzania. Gli Hadza sono molto attivi ogni giorno, ha riferito Pontzer: coprono a piedi lunghe distanze e fanno lavori fisici pesanti.

    Nonostante ciò, come ha riscontrato il suo team un Hadza adulto medio consuma al giorno un numero di calorie simile a un tipico soggetto americano.

    Nel nuovo studio, c’è un punto in cui il consumo calorico giornaliero diventa indipendente dall’esercizio. Pontzer lo riferisce equivalente a una camminata di circa 3,5 km al giorno. Church ha fatto però notare che lo studio sembra includere pochi partecipanti con livelli di esercizio molto superiori a questo livello. Tirare conclusioni certe diventa dunque difficile. In più, il consumo dell’americano tipico casca ben lontano da dove lo studio registra l’equilibrio del consumo calorico.

    “Metto in discussione quanto ciò significherebbe per l’americano medio che sta cercando di perdere peso”, ha affermato Church.

    “L’attività fisica aggiungerà un maggior dispendio energetico alla maggior parte di loro”.

    In conclusione, riportiamo alcuni altri consigli utili per chi sta per intraprendere il “viaggio” verso una vita più sana e vuole tenere sotto controllo il peso e fare più attività fisica.

  • Se avete una voglia smodata di un determinato alimento, non cercate di soddisfarla mangiando una quantità eccessiva di un altro cibo. Concedetevi una piccola porzione dell’alimento che desiderate, e passate oltre.
  • Non saltate mai la colazione: il vostro organismo ha bisogno di energia per muoversi e per pensare. Una colazione sana è composta, ad esempio, da cereali integrali con latte scremato o parzialmente scremato.
  • Leggete le etichette degli alimenti. Una bottiglia di succo di frutta dolcificato, che in apparenza sembra sano, può contenere circa 200 calorie!
  • I condimenti per insalate, a meno che siano light o senza grassi, contengono molte calorie.
  • Andateci piano con gli alcolici. L’alcol è una fonte di energia per l’organismo e ogni grammo di alcol equivale a 7 calorie! Una birra leggera o un bicchiere di vino corrispondono a circa 100 calorie.
  • Preparate le porzioni in cucina e non lasciate che i commensali si servano direttamente a tavola. In questo modo diminuirete la probabilità di fare il bis.
  • Mangiate lentamente: il cervello capisce che lo stomaco è pieno e smette di inviare lo stimolo della fame solo 20 minuti dopo che lo stomaco si è riempito!
  • Se da piccoli avete imparato che non bisogna mai lasciare nulla nel piatto, potete dimenticarvi tranquillamente quest’abitudine! Non è obbligatorio pulire il piatto quando non si ha più fame. Sprecare un euro lasciando qualcosa nel piatto è sicuramente meglio di pagare centinaia di euro in cure mediche in un momento successivo.
  • Quando andate al ristorante non esagerate con le porzioni. I ristoranti, infatti, servono porzioni grandi e ricche di calorie. In alternativa ordinate una porzione media o per bambini, e lasciate qualcosa nel piatto se la porzione è troppo grande.
  • Bevete molta acqua prima, durante e dopo i pasti. L’acqua è fondamentale per l’organismo e di solito riesce a diminuire lo stimolo della fame.
  • Tra un pasto e l’altro, fate uno spuntino con alimenti sani, ad esempio con la frutta che più vi piace. La frutta, infatti, riempie lo stomaco e vi dà energia e vitamine. È anche utile per evitare la fame e la sensazione di stomaco vuoto che vi portano a mangiare più del dovuto.
  • Ad oggi in Europa è solo uno il farmaco approvato per la terapia di lungo periodo dell’obesità, l’orlistat (Alli o Xenical), che impedisce all’organismo di assorbire i grassi introdotti con l’alimentazione.

  • ha un indice di massa corporea pari o superiore a 30,
  • ha un indice di massa corporea pari o superiore a 27 e ha problemi di salute o presenta rischi connessi al peso.
  • Mentre assumete questo farmaco dovrete comunque seguire una dieta sana e un programma di attività fisica e sarebbe preferibile, prima di assumerli, chiedere sempre consiglio al medico, che vi indicherà i loro benefici e gli eventuali effetti collaterali.

    È possibile prevenire questi effetti collaterali con una dieta povera di grassi. Questo farmaco inibisce anche l’assunzione di alcune vitamine. Chiedete al medico se, durante la terapia, è opportuno assumere anche un integratore vitaminico.

    La sibutramina è un farmaco che sopprime l’appetito, ma ne è stato proibito l’uso; è in grado infatti di aumentare la pressione e il ritmo cardiaco. È sconsigliato assumerla se in passato avete sofferto di ipertensione, problemi cardiaci o ictus. Tra gli altri effetti collaterali ricordiamo: bocca secca, mal di testa, costipazione, ansia e problemi nel sonno.

    Gli interventi chirurgici per dimagrire (interventi bariatrici) possono essere utili per la cura dell’obesità, ma solo per pazienti con:

    calcolo peso forma in base alla corporatura

    Y si lo que buscas es un plan de nutrición completo, te recomiendo mucho el programa Somanabólico Maximizador de Músculos de Kyle Leon. Con este sistema vas a aumentar tus músculos sí o sí, pues es un enfoque de nutrición personalizado, único y anabólico. HAZ CLIC AQUÍ HOY y comienza con el mejor entrenamiento personalizado para obtener ese cuerpo musculoso y envidiable en muy poco tiempo.

    Hola amigo como estas?. Mi nombre es Tony Mendez tengo 26 años y quiero darte la bienvendida a mi blog donde conoceremos los mejores trucos de ejercicios y alimentos para aumentar masa muscular.

    Desde muy pequeño fui un TIPO demasiado flaco y sin gracia que era la burla de todos sus amigos, pues todos me decian que era tan flaco que parecía que había perdido mi cuerpo. Queria subir de peso pero no grasa, sino musculos de verdad.

    Es asi que decidí intentar todo tipo de metodos que me ayuden a aumentar mi masa muscular, probe suplementos, vitaminas, comia bastante, Me mataba muchas horas en el gimansio pero no lograba ver los cambios en mi cuerpo y mis músculos. Me converti en un chico obesesionado del gimnasio.

    Felizmente encontre el Somanabólico Maximizador de Músculos de Kyle Leon y gracias a el pude transformar mi cuerpo y aumentar 9 kilos de pura masa muscular . Si quiere probarlo no lo dudes. Te lo recomiendo!

    Pubblicato da: ValeriaM - il: 26-12-2016 10:35

    La dieta proteica senza carne è ideale per chi desidera dimagrire in modo armonioso e mantenendo muscoli ben definiti e tonici. Alimentazione e fitness sono da sempre un abbinamento vincente, e questa dieta che vi proponiamo è pensata anche per chi pratica sport. Il programma alimentare soddisfa le esigenze di chi vive una vita molto piena e si trova spesso fuori casa, ma non vuole rinunciare ad un pasto sano e nutriente. Quando si pensa alle proteine, salta subito alla mente una bella bistecca, eppure dovete sapere che ci si può saziare e avere la giusta carica eliminandola completamente dalla nostra alimentazione. Si possono perdere sino a 3 kg in un mese e la proposta che troverete di seguito è una vero e proprio punto di partenza se volete cambiare la vostra alimentazione e fare una scelta “green” a tavola. Le virgolette sono dovute, perché scopriremo in seguito la dieta proteica senza proteine non esclude per esempio il pesce, fonte di Omega 3.

    Ci stiamo addentrando in un campo minato, sono molti infatti i falsi miti e le credenze sulla dieta proteica senza carne. La fonte del nostro articolo è più che autorevole, su Silhouette Donna, la Dott.ssa Cristina Mosetti, specialista in Dietologia e dietetica applicata ha specificato che per non penalizzare i muscoli, è necessario introdurre proteine e amminoacidi essenziali che il nostro organismo non è in grado di sintetizzare autonomamente. C’è chi sceglie di eliminare la carne per ragioni etiche, altri per questioni di salute, non è compito nostro giudicare, ma consigliare. L’esperta sostiene che si devono consumare proteine animali di altro tipo come le uova (alimento completo), il pesce e altre proteine vegetali. Per non farsi mancare nulla, ogni pasto deve essere costituto da un giusto mix. Sapete quali sono gli alimenti più completi? I cereali.

    Scegliendo i grassi giusti e bilanciandoli si può perdere peso. La carne, gli insaccati, i formaggi e i condimenti di origine animale sono ricchi di grassi saturi, eliminandoli dalla propria dieta si limita in maniera naturale una grossa fonte. Occorre privilegiare cotture non elaborate e usare i condimenti con moderazione, sarebbe preferibile l’olio extravergine di oliva a crudo. Anche idratarsi è importante, l’acqua restituisce all’organismo tutti gli elementi che si perdono con la traspirazione, una condizione che interessa soprattutto chi pratica sport. Bisogna bere acqua a temperatura ambiente, meglio se naturale, la specialista consiglia succhi e centrifughe di verdure per ritrovare subito la forza dopo la prestazione o una giornata di lavoro piuttosto faticosa.

    La dieta proteica senza carne apporta 1300 calorie al giorno e si può seguire per un mese. Lo schema da seguire è stato studiato dalla dottoressa Mosetti che abbiamo già citato. A colazione si può bere un bicchiere di latte di mandorla, riso o avena, e a scelta 30 grammi di muesli, 25 grammi di frutta secca (sgusciata), 2 fette biscottate integrali con 2 cucchiaini di marmellata di arance. Per gli spuntini e la merenda preferite frutta fresca di stagione ricca di antiossidanti: uva, kiwi, arance, mandarini e mele. Per quanto riguarda il pranzo e la cena iniziate a prendere appunti oppure stampate il programma alimentare che vi proponiamo di seguito.

    Pranzo: 70 grammi di riso integrale con 80 grammi di tonno al naturale, prezzemolo e 1 zucchina alla griglia; insalata mista con 100 grammi di tofu accompagnata con 60 grammi di pane ai cereali; 70 grammi di orso con 50 grammi di fagioli bolliti e verza stufata; 100 grammi di salmone affumicato con contorno di insalata verde, 70 grammi di farro condito con olio extravergine di oliva e spezie; 50 grammi di lenticchie e 70 grammi di miglio cotti separatamente conditi a piacere con olio e aromi; 200 grammi di sogliola al vapore con contorno di verdure miste grigliate e 60 grammi di pane integrale; 70 grammi di orzo accompagnato con 2 uova sode, pomodorini e carote a pezzetti.

    Cena: 70 grammi di quinoa con zucca cotta al forno e 100 grammi di seitan alla piastra; 70 grammi di farro, cavolo bollito e 250 grammi di sogliola ai ferri; frittata con 2 uova e 200 grammi di carciofi stufati, 60 grammi di pane integrale; 1 hamburger di soia, carote tagliate a julienne e 1 panino integrale; 70 grammi di riso integrale al pomodoro, 200 grammi di merluzzo, finocchi crudi; 70 grammi di riso integrale con 200 grammi di piselli, pomodori in insalata conditi con olio e prezzemolo; pizza base bianca con salmone affumicato e un filo di olio a crudo.

    Come vi abbiamo spiegato questo programma alimentare si può seguire per un mese alternando anche i giorni, per il mantenimento invece dovete aggiungere al menu giornaliero il pane di grano duro, altri 2 cucchiaini di olio extravergine di oliva, uno yogurt di soia e un frutto fresco. Dopo aver perso 3 kg, la bilancia può scendere ancora di 1 kg. Vi consigliamo di non discostarvi troppo o di ridurre le dosi. La dieta proteica senza carne si basa sul principio della chetosi, i grassi vengono espulsi con la diuresi, e per effetto di questo processo il metabolismo viene spinto a consumare principalmente proprio questi andando incontro a conseguenze ben più gravi.

    Tuttavia vi sono alcuni pareri discordanti tra i medici, alcuni consigliano di non superare le due settimane. Inoltre secondo altri esperti oltre alla carne dovrebbero essere eliminate frutta e verdura. I benefici sono visibili, se seguite la soap Un Posto al Sole, per esempio, potete vedere gli effetti sull’attrice che interpreta Viola. Ilenia Lazzarin è una forte sostenitrice della dieta proteica a cui si è dovuta convertire da quando ha scoperto di essere intollerante ai latticini. E voi cosa aspettate a mettervi in forma? Ogni giorno è quello giusto per iniziare a volervi bene, e il periodo invernale è quello in cui ne abbiamo più bisogno.

    Avete bisogno di buttare giù qualche chilo rapidamente, ma non sapete come fare? Le avete provate tutte, senza ottenere i risultati sperati? Ebbene, la dieta iperproteica (tra queste la dieta Dukan e la dieta Atkins) può rappresentare la chiave del vostro successo! Ma di cosa stiamo parlando nello specifico? La dieta iperproteica è un programma alimentare che prevede di ridurre drasticamente il consumo di carboidrati per aumentare in modo significativo il consumo di proteine. E’ innegabile: i benefici che si possono ottenere nel breve periodo sono evidenti, ma è tutto oro quel che luccica? Quali sono i rischi associati a questo tipo di dieta? Chi dovrebbe evitarla?

    Le proteine sono micronutrienti di fondamentale importanza per l’organismo. Sono essenziali per il rinnovamento cellulare, hanno funzione difensiva (gli anticorpi sono proteine) e anche funzione energetica. Ognuno di noi ha bisogno di un apporto di proteine pari al 12-15% dell’apporto calorico quotidiano: circa 1 grammo per ogni chilogrammo di peso corporeo.

    Fatte queste doverose precisazioni, bisogna premettere che la dieta iperproteica non tiene conto delle indicazioni specifiche in merito al fabbisogno giornaliero consigliato. Chi si rifà ai principi cardine delle diete iperproteiche, infatti, assume un quantitativo di proteine che oscilla tra 1,8 e 2,2 grammi per kg.

    Le proteine consentono di mantenere costanti i livelli di insulina, stimolano la lipolisi, accelerano il metabolismo e incrementano la secrezione di testosterone e altri ormoni anabolici. Tutti fattori che rendono la dieta iperproteica indiscutibilmente efficace in termini di dimagrimento e aumento della massa magra (muscoli) a discapito della massa grassa. Non è un caso che questo particolare regime alimentare sia punto di riferimento di chi pratica sport anaerobici come il bodybuilding.

    Le informazioni reperibili in rete, porterebbero a credere che non esistano differenze tra la dieta proteica e la dieta iperproteica. Ebbene, le differenze tra i due regimi alimentari ci sono e sono importanti. La dieta proteica è ipocalorica e prevede di assumere giornalmente la quantità ideale di proteine di origine animale/vegetale a fronte di una sostanziale riduzione di carboidrati. La dieta iperproteica, invece, non prevede una riduzione delle calorie assunte quotidianamente, ma sostituisce l’apporto calorico che viene normalmente assunto attraverso i carboidrati con le proteine. Nella dieta iperproteica l’apporto giornaliero di proteine supererà in modo significativo il fabbisogno indicato dai nutrizionisti.

    Riportiamo di seguito una selezione di pasti peculiari della dieta iperproteica:

    Colazione: Caffè o tè, 150 gr di yogurt magro con mezzo cucchiaio di crusca, oppure 200 grammi di formaggio con mezzo etto di tacchino affettato, oppure due uova strapazzate

    Spuntino: 150 gr yogurt magro o 100 grammi di formaggio fresco light tipo philadelphia o ancora un frutto di stagione, una macedonia o un frullato di frutta e verdura.

    Pranzo: carne (preferibilmente bianca come petto di pollo, tacchino o coniglio), oppure uova, pesce o ancora formaggi light. Il tutto accompagnato da un contorno di verdure a scelta o mix di insalate.

    Merenda: 150 gr yogurt magro o 100 grammi di formaggio fresco light tipo philadelphia o un panino integrale con 50 gr di bresaola o ancora un frutto di stagione, una macedonia o un frullato di frutta e verdura.

    Cena: alimenti proteici come carne, uova, pesce, formaggi o ancora affettati magri (bresaola, tacchino o prosciutto crudo sgrassato). Il tutto accompagnato con un contorno di verdure a scelta o mix di insalate.

    Per le sue particolari caratteristiche, la dieta iperproteica è fortemente sconsigliata a tutti coloro che soffrono di disturbi a carico del fegato e dei reni. Per quanto i sostenitori delle diete iperproteiche consiglino sempre di assumere grandi quantitativi di acqua (stimolante della diuresi), è chiaro che chi è affetto da patologie gravi come insufficienza renale o cirrosi e deve ridurre il l’introduzione di proteine per prescrizione medica, non potrà seguire un regime dietetico iperproteico.

    La dieta iperproteica è di per sé una dieta sbilanciata, perché prevede di assumere quantità sproporzionate di proteine a fronte della quasi totale eliminazione dei carboidrati. Qualsiasi nutrizionista competente vi dirà che adottare uno stile alimentare di questo tipo nel lungo periodo può arrecare danni importanti alla salute. Il nostro corpo necessita dei carboidrati perché questi rappresentano l’energia vitale fondamentale per tenere in vita l’organismo. Dopo qualche giorno o qualche settimana di dieta iperproteica, sentiremo l’esigenza di tornare ad assumere carboidrati: è il nostro corpo che ce lo chiede! Per questi motivi si può correre il rischio di andare incontro allo spiacevole effetto yo-yo (per evitarlo è bene reintrodurre i carboidrati gradualmente).

    I rischi associati alla dieta iperproteica sono stati spesso oggetto di discussione nella comunità scientifica. Ci sono però evidenze che inducono a credere che un regime alimentare di questo tipo, nel lungo periodo, possa causare danni ai reni, osteoporosi (per l’alterazione del metabolismo del calcio) e disturbi quali insonnia e sensazione di malessere psico-fisico generale.

    Concludendo, la dieta iperproteica non deve diventare prassi, ma può essere adottata per un breve periodo di tempo (massimo tre quattro settimane), solo dopo aver consultato un medico ed essersi accertati di non soffrire di patologie incompatibili.

    Dopo aver fatto un’analisi dettagliata dei rischi, è giusto ricordare che la dieta iperproteica può effettivamente apportare grandi benefici nel breve periodo. Associata allo sport, questo programma alimentare permette di dimagrire rapidamente intaccando la sola massa grassa. L’effetto è dunque doppio: si perde peso mantenendo i muscoli tonici.

    Per queste caratteristiche, la dieta iperproteica può rappresentare la soluzione ideale per chi deve perdere qualche chilo, ma anche un buon inizio per chi ne deve perdere molti di più. Gli effetti positivi che si ottengono nel breve periodo possono infatti tradursi nella spinta emotiva necessaria a chi deve dimagrire da sempre e non c’è mai riuscito. Dopo qualche settimana di “euforia”, però, è opportuno intraprendere un percorso dietetico bilanciato che sia costruito ad hoc per le proprie esigenze. In tal caso andrà interpellato il nutrizionista.

    Di questi tempi sento sempre più parlare nel web e non, di dieta proteica, molto spesso associata alla dieta ipocalorica, particolare regime alimentare che promette di perdere peso in tempi molto brevi, senza intaccare la massa magra, con rischiosa perdita di tonicità muscolare, ma agendo solo sul tessuto adiposo, bruciando quello in eccesso.

    Personalmente ho provato questa dieta per due settimane, tempo massimo consigliato per il trattamento, da un lato per la difficoltà a mantenere un regime alimentare che si basa sulla totale o quasi totale consumazione di proteine e pochi carboidrati, dall'altro per il rischio di un sovraccarico di stress per fegato e reni, dovuto alla sola grande assunzione di proteine animali e vegetali, devo dire però che i risultati sono ben visibili, eccome!

    dieta rápida quema grasa abdominal

    Los huevos son alimentos convenientes en una dieta proteica por 3 razones.

    Suman proteínas y elementos vitales como hierro, calcio, zinc y fósforo. Los huevos del desayuno ayudan a tener una mañana energizada y permiten reducir el consumo calórico en las otras comidas.

    Ricos en antioxidantes. Ayudan a prevenir el cáncer y otras enfermedades graves.

    La dieta proteica puede sumar una variedad de vegetales como brócoli, coliflor, coles de Bruselas, col rizada, champiñones, aceitunas, espárragos, calabacín, tomates, cebollas y zanahorias.

    La leche y sus derivados como quesos y yogur son ricas fuentes de proteínas, aminoácidos, vitamina A, vitaminas del grupo B, calcio y fósforo. Se variarán los lácteos de la dieta para esquivar el aburrimiento de estos.

    Mientras más oscuro, mejor, porque suma mayor cantidad de cacao. El chocolate a consumir debe tener al menos un 65 % de este grano.

    El cacao es uno de los antioxidantes más potentes de la naturaleza que además mejorar el ánimo, favorece el desempeño sexual.

    Las grasas de la dieta proteica serán saludables y sus principales fuentes animales serán el pescado y el aceite de este.

    Los alimentos para consumir grasas vegetales saludables son:

  • Aceitunas y aceite de oliva en poca cantidad.
  • Las frutas en la dieta de este tipo son importantes porque aportan vitaminas y otros nutrientes. Pese a ello, lo mejor será consumir aquellas bajas en hidratos de carbono como arándanos, frambuesas, duraznos, albaricoques y cerezas. Se suman:

    El agua es la mejor bebida en el régimen proteico porque asegura la hidratación sin azúcares refinados, presentes en la mayoría de los refrescos.

    Por contener poca azúcar, la ingesta moderada de vino será permitida. Otras bebidas admitidas son café, café con leche, té sin azúcar y gaseosas dietéticas.

    Los siguientes son los principales alimentos y bebidas a descartar en el régimen proteico.

    El azúcar es un producto muy procesado, alto en calorías y carente de nutrientes, por lo que engorda sin aportar vitaminas, minerales, oligoelementos, fibras o grasas saludables.

    Su exceso en el organismo se convierte en grasa que se almacena en los tejidos adiposos.

    Los dulces serán reemplazados por frutas y las bebidas se endulzarán con un edulcorante natural como estevia.

    Las frituras aumentan y reducen el nivel de lipoproteínas de baja densidad (grasas LDL o colesterol malo) y de alta densidad (grasas HDL o colesterol bueno), respectivamente, lo que conlleva al deterioro de la salud cardiovascular y eventualmente a la enfermedad cardíaca.

    Las grasas de las frituras se relacionan con otras condiciones dañinas como adiposidad abdominal, resistencia a la insulina y diabetes.

    Los aceites de cocina industriales de maíz, girasol y canola se evitarán.

    El exceso de alcohol entorpece la pérdida de peso pues este aporta muchas calorías, cuya resaca no ayuda a quemarlas porque la actividad física al día siguiente es nula.

    El gran aporte calórico del alcohol interrumpe la quema de grasas y de descomposición de carbohidratos que se quedan almacenados. Por esto, se engorda.

    La deshidratación es otro efecto secundario. Cuando ocurre, los procesos celulares y metabólicos se ven afectados. Esta condición también provoca la pérdida de las sales minerales esenciales para la salud.

    Los jugos industriales de frutas y las bebidas carbonatadas son negativas para el éxito de una dieta proteica. Los zumos y refrescos están repletos de azúcar, uno de los elementos a evitar.

    En las dietas comunes, los carbohidratos suelen aportar entre un 45 % y un 65 % del total de calorías. Para un consumo energético diario de 2000 calorías, los hidratos de carbono representan entre 225 y 235 gramos.

    Una dieta proteica debe bajar significativamente la ingesta de carbohidratos para inducir al organismo a quemar grasas mediante el proceso de cetosis.

    En un programa proteico típico, el consumo de estos será entre 50 y 125 gramos diarios, para que su aporte calórico no exceda el 25 %.

    Si el aporte calórico de los hidratos de carbono se reduce al rango del 10 a 15 %, la efectividad de la dieta proteica para bajar de peso será mucho mayor.

    Será necesario ingerir un poco más de carbohidratos para evitar una caída de energía durante el ejercicio, al combinar el régimen de alimentación proteico más un programa de entrenamiento intenso. Esta ingesta se hará preferiblemente 30 minutos antes de la sesión de trabajo.

    El siguiente menú está estructurado con 5 comidas diarias para cumplir con el requisito de la dieta proteica, de aumentar la frecuencia de comidas reduciendo el tamaño de las porciones.

    Comida de media mañana: un huevo y 4 rebanaditas de tocineta a la plancha.

    Almuerzo: pollo asado, horneado o entrecot de ternera.