dimagrire mangiando anche i carboidrati

dieta ipocalorica 800 kcal

Le pillole dimagranti naturali di nuova generazione contengono ingredienti dall’azione termogenica, energizzante e stabilizzante della glicemia. I principali principi attivi di questi integratori sono il tè verde, la caffeina, il guaranà, il ginseng, la L-carnitina ed altri complessi brevettati. Tra le novità di querst’anno ci sono Revolyn che contiene anche molecole antiossidanti e resveratrolo, PhenQ che propone anche un complesso multifattoriale assolutamente nuovo per quanto riguarda la sinergia d’azione tra i diversi ingredienti e Phen375, approvato dalla FDA per scopri dimagranti e contenente carbonato di calcio, capsaicina, cromo, L-carnitina ed estratti naturali.

Gli acceleratori del metabolismo come la piperina e la capsaicina sono presenti anche tra le novità 2018 e qui citiamo Meratol, naturale al 100% e con la novità dell’alginato e delle alghe brune che apportano iodio per favorire la sintesi di ormoni tiroidei attivi sul metabolismo energetico.

L- Carnitina è uno degli ingredienti più usati per formule di prodotti per la perdita di grasso In realtà, la L -Carnitina sembra quasi il brucia grassi perfetto ( non-stimolante, preferenzialmente brucia grassi per produrre energia, con effetti avversi minimi e utili per la sua capacità di causare il recupero da intense sessioni di allenamento ).

Le fonti alimentari principali di L- Carnitina sono le carni rosse, essa è un aminoacido che viene sintetizzato dal fegato e reni

Il suo meccanismo d’azione principale sembra essere quello di stimolare il metabolismo basale, andando a risvegliare il metabolismo, permetterebbe di bruciare più calorie e grasso durante la giornata, non essendo uno stimolante la L-Cartina è un Brucia Grassi perfetto.

Inoltre, c’è qualcuno che dice che può anche migliorare i tempi di recupero da allenamenti intensi. Ciò è attribuito alla sua azione di prevenzione / riduzione danno cellulare in risposta allo stress di formazione. E ‘anche altrettanto impressionante nel provvedere al recupero degli atleti infortunati.

La L- carnitina brucia il grasso intracellulare, perchè combinandosi con acil coenzima forma l’acylcarnitine che aiuta il trasporto degli acidi grassi all’interno delle cellule all’interno dei mitocondri – dove vengono utilizzati come substrato per la produzione di energia.

Inoltre, si ritiene che riduca la dipendenza da zucchero nel sangue come fonte primaria di energia .

In poche parole , questo è ciò che la L-carnitina fa:

  • Trasporta i grassi nei mitocondri delle cellule
  • Stimola l’ossidazione dei Grassi intracellulari
  • Aumenta la produzione di energia utilizzando grassi piuttosto che zucchero
  • Risultato netto – la perdita di grasso corporeo
  • Stimolazione della emopoiesi ( formazione di nuove cellule del sangue )
  • Inibizione dell’aggregazione delle piastrine in risposta alla presenza di collagene
  • Prevenzione del danno cellulare e la morte prematura delle cellule
  • Gioca un ruolo cruciale nella protezione delle cellule e il recupero delle cellule .
  • Oltre a migliorare la tolleranza all’esercizio e la composizione corporea, ci sono alcune condizioni patologiche in cui la supplementazione con L- carnitina può essere di beneficio terapeutico e preventivo , per esempio :

  • Trattamento di fegato e malattie cardiache ( Ferrari et al. , 2004)
  • Il trattamento di stress mentale ( Alesci , De Martino , Kino , e Ilias , 2004)
  • Miglioramento delle funzioni riproduttive maschili ( Alesci et al. , 2004)
  • Miglioramento nella visione ( Yonei et al. , 2008)
  • Prevenzione delle malattie cardiovascolari abbassando i livelli di lipidi plasmatici ( Ferrari et al. , 2004)
  • Prevenzione della perdita di memoria a breve termine , depressione e morbo di Alzheimer ( Virmani & Binienda , 2004)
  • Come integratore alimentare in pazienti con insufficienza renale ( Yonei et al. , 2008)
  • Le dosi di L- carnitina per la perdita di grasso o migliorare la performance fisica non sono stati definite. Tuttavia, dosi superiori a 2 g per porzione non suscitano più vantaggi. La ricerca suggerisce che a questo dosaggio avvine la saturazione di assorbimento ( Bain , Milne , & Evans , 2006)

    La L- carnitina è generalmente ben tollerato da quasi tutti, ma alla sua assunzione orale a volte sono stati associati alcuni effetti collaterali minori, come: nausea , bruciore di stomaco , disturbi di stomaco – ( WebMD , 2013) .

    Nel corso degli ultimi decenni , sono stati condotti numerosi studi per indagare sui benefici che la L- carnitina ha sulla performance fisica, sul metabolismo dei grassi , e sulla composizione corporea. Opinione riguardo l’efficace di L – carnitina nel causare la perdita di peso, tuttavia , è diviso .

    Alcuni studi hanno provato che provoca la perdita di grasso, aumentando il massimo consumo di ossigeno e diminuendo il quoziente respiratorio, entrambe questi fattori sono caratteristici di un metabolismo dei grassi maggiore ( Karlic & Lohninger , 2004 . Higgins et al , 2010) .

    Trasporto degli acidi grassi nei mitocondri dove vengono ossidati è il meccanismo più spesso suggerimento della perdita di grasso indotta da L – carnitina ( Seifert et al , 2011; . . Yonei et al, 2008 ) .

    dieta ipocalorica 800 kcal

    Va inoltre ricordato che il limone possiede anche delle proprietà antiossidanti e rende più facile il transito intestinale e quindi l'eliminazione delle scorie.

    Per depurare l'organismo occorrono circa 30 cl di acqua e 2 cucchiai di succo di limone. Si possono aggiungere 2 cucchiai di sciroppo d'acero, un po' di cannella e un pizzico di peperoncino di Cayenna.

    La dieta del limone è un programma alimentare molto seguito che permette di dimagrire in una settimana cominciando con una dieta d'urto di 3 giorni: dopo i primi 3 giorni a base di detox, infatti, si possono perdere persino 3 chili in 7 giorni. È quindi una dieta perfetta per chi vuole ottenere una pancia piatta last minute, dimagrendo in tempo per affrontare serena la prova costume.

    Un esempio di dieta del limone - Appena sveglia: un bicchiere di limonata con acqua tiepida. Colazione: macedonia con 5 frutti rossi (mirtilli, fragole, lamponi, more, ciliegie) più una mela o una pera più una manciata di mandorle fresche, non tostate e non salate. Spuntino: 1 bicchiere di limonata più una manciata di semi di girasole o di zucca o in alternativa ancora mandorle Pranzo: insalata di legumi condita con succo di limone e olio extravergine d'oliva. Aggiungere zenzero fresco a piacere per ottenere un maggior effetto disintossicante e digestivo Spuntino: verdure crude (cetrioli, ravanelli, finocchi) più 1 bicchiere di limonata

    Cena: pesce alla griglia con succo di limone più verdure fresche lessate 2 ore prima di andare a letto: 1 bicchiere di limonata tiepida.

    Le controindicazioni - La dieta del limone è una dieta molto severa e non deve andare oltre un mese. Come tutte le diete rigide, non funziona più non appena si smette di seguirla, e si tende a riprendere i chili persi sbilanciando i valori nell'organismo. È poco varia, privilegia solo carni bianche, pesce magro (lessato o alla griglia), frutta e verdura, e può quindi annoiare presto, creando stanchezza cronica, problemi di concentrazione, malumore. È uno dei tanti motivi per cui va seguita per poco tempo. Prima di intraprenderla ti consigliamo vivamente di sentire un bravo nutrizionista o il tuo medico di fiducia.

    Anche io, come tanti altri, mi son trovata nella condizione di dover perdere peso repentinamente. Come dimagrire velocemente mi sono chiesta? La situazione è quella classica: evento importante, abito che deve calzare a pennello, ovviamente un po’ di pancetta e di rotolini da eliminare. Il tutto in pochissimo tempo, chi di voi non griderebbe aiuto?

    Comunque, dimagrire velocemente non è quasi mai una buona idea perché si rischia di perdere anche massa muscolare con le diete fast solitamente poco equilibrate, arrivano le smagliature, il fisico subisce un cambiamento troppo brusco etc etc.

    Il problema principale è la dieta, quando si pensa a come dimagrire velocemente viene subito in mente una dieta ferrea, mangiare il meno possibile e cibi light. Si tratta di un pensiero sbagliato, perché mangiando poco si rallenta il metabolismo, mangiando in maniera sbagliata si rischiano d’introdurre più calorie del necessario, si rischia di perdere più liquidi che massa grassa e di riacquistare in breve tempo il peso perso. Quindi di può dimagrire velocemente mangiando, fare la fame non è un modo corretto per perdere i chili di troppo.

    Prima di tutto, per dimagrire ci occorre una dieta studiata apposta per noi, seguire la dieta di qualcun altro è il modo migliore per non concludere nulla. Quindi occorre rivolgersi ad un dietologo.

    Poi occorre abbandonare le cattive abitudini ed infine tempo da dedicare a se stessi, dimagrire significa anche tonificarsi e tornare in forma e per questo non basta solo una dieta dimagrante.

  • Rinunciare a pane e pasta raffinati (e alla pizza ovviamente), sostituirli con cibi integrali ed evitare di mangiarli insieme nello stesso pasto, evitarli inoltre la sera.
  • Niente cibo dopo le 20: l’ultimo pasto è proprio l’ultimo poi basta fino al giorno successivo, non importa se ci coglie il languorino basta ignorarlo e passerà.
  • Depurarsi e muoversi sono i principali segreti del come dimagrire velocemente, bere davvero tanta acqua, centrifugati di frutta e verdura e tisane depurative e dimagranti. Naturalmente muoversi.
  • Smettere di fumare e di bere alcool, rinunciare al junk food, dormire di più e bene.
  • Tutto inizia con un primo passo, anche il dimagrire. Questo fatidico primo passo è dover rinunciare ai cibi che inevitabilmente ci fanno ingrassare. Non significa rinunciare al cibo, ma solo sostituire dei cibi con degli altri. Cibi integrali al posto di quelli raffinati, legumi e carne bianca al posto della carne rossa, acqua al posto del vino, frutta e verdura al posto di dolci e succhi di frutta industriali. Niente da dire sulle uova e sul pesce, a patto che non siano entrambi fritti. I formaggi light una volta ogni tanto ci stanno, meglio togliere il latte vaccino e preferire un frullato o una spremuta o una tisana, o anche un tè verde, bene invece lo yogurt magro. Niente burro, maionese né panna al massimo due cucchiaini di olio evo al giorno.

    Si mangia cinque volte al giorno, partendo da una buona colazione, uno spuntino, il pranzo, la merenda e la cena. Se ognuno di questi pasti è fatto correttamente, con i cibi giusti e negli orari giusti non si avvertirà fame. Attacco improvviso di fame? Sgranocchiamo una costa di sedano o una carota, passerà.

    Come sopra citato niente fritti, niente salse e soprattutto niente sale. Bene il piccante, con moderazione, che aiuta a bruciare i grassi. Sì alla cottura al vapore ed alla griglia. Leggi anche: diete per dimagrire.

    Molto bene le tisane a fine pasto o al mattino e alla sera depuranti e dimagranti. Ottima quello al tarassaco ed allo zenzero.

    Per chi vuole perdere peso in poco tempo, il consiglio principale è, ovviamente, quello di tagliare in modo netto le calorie. Addio quindi a spuntini e merendine, via libera invece a tanta frutta e verdura, anche per spezzare la fame tra un pasto e l’altro. Vi ricordiamo anche di calibrare bene i condimenti: non esagerate con l’olio o con il sale, ma per insaporire le vostre pietanze utilizzate le spezie, buonissime e con zero calorie. Evitate anche i dolci, da sostituire con ricette leggere e con poche calorie. Infine, bevete moltissimo, almeno due litri di acqua al giorno.

    I nemici principali di una dieta sono: la fretta, la sedentarietà, lo stress e la golosità, tutti questi fattori ci spingono a mangiare quello che ci capita sotto mano, specie spuntini poco salutari.

    Il segreto per perdere peso è muoversi in tutte le occasioni che si hanno a disposizione. S’inizia al mattino, prima di colazione perché si hanno meno energie e si brucia più grasso. Si può uscire a fare una passeggiata con il cane o da soli oppure organizzarsi in gruppi, specie la sera specie se si vive in zone un po’ isolate. Bisogna riscoprire le camminate e le corse, bisogna fare le scale, pulire la casa ma anche ballare, pedalare e nuotare. Vanno bene i corsi su internet, su dvd, la cyclette, ballare in casa propria, purchè ci si muova. Il movimento deve essere costante, praticato almeno tre volte la settimana (leggi anche: esercizi per dimagrire).

    Eliminare la ritenzione idrica è fondamentale. Non sarebbe male fare qualche camminata in mare, se la stagione lo consente o dei bagni salati in casa propria per sgonfiarsi. Anche i fanghi contribuiscono alla ridefinizione della linea.

    Come abbiamo già detto il segreto è bere 2 litri o più di acqua al giorno, basta munirsi di una bottiglietta da mezzo litro da riempire costantemente, certo all’inizio ci sarà l’inconveniente di doversi recare spesso al bagno ma ne vale la pena.

    Svegliamoci molto presto, un bicchiere di acqua tiepida e limone a digiuno (per depurare l’organismo) e bottiglietta alla mano iniziamo il risveglio muscolare, prima stretching e poi via a correre o a passeggiare. Camminiamo o corriamo per un’oretta, al rientro doccia di getti alternati di acqua calda e fredda, quindi un bel massaggio con una crema snellente.

    E’ l’ora della colazione: bene una tisana depurante, un tè verde, fette biscottate integrali e un frutto o una spremuta di frutta. Ricaricare la bottiglietta d’acqua.

    Si ricomincia con il movimento: pulire la casa, fare una passeggiata per le compere e portare a spasso il cane.

    Spuntino spezza fame, verdura cruda o un frutto e uno yogurt magro. Si prosegue con la giornata fino al pranzo che si comporrà di cereali integrali, verdura, frutta e proteine magre. Ricaricare la bottiglietta d’acqua.

    Dopo mangiato passeggiata con il cane, giro in bici e passeggiata con le amiche. Se il tempo è bello giardinaggio o risistemare gli armadi di casa.

    E’ l’ora dello spuntino: tisana drenante e frutta. Ricaricare la bottiglietta d’acqua.

    Proseguire con un po’ di fitness in casa, una passeggiata al mare o una nuotata, cyclette o altra passeggiata. Ricaricare la bottiglietta d’acqua.

    Cena leggera: insalata e proteine magre più verdura a volontà e un frutto.

    Per vedere se il movimento e la dieta hanno funzionato pesarsi la mattina ed il mattino successivo. Magari non si è già perso un chilo ma senz’altro ci si sentirà più leggeri e più attivi.

    Dimagrire velocemente non è una passeggiata, non è come scalare una montagna (probabilmente quello sarebbe un buon esercizio fisico) ma esistono dei trucchi per dimagrire che fanno sembrare le diete meno orrende, difficili ed inarrivabili.

    Per prima cosa evitiamo lo spauracchio della parola “dieta” poiché questo termine designa il nostro regime alimentare quotidiano, ovvero ciò che mettiamo tutti i giorni nel piatto. Alcuni regimi alimentari servono per depurare, altri per migliorare la salute, altri nuocciono alla salute ed altri fanno dimagrire. In questo caso si parla di “dieta dimagrante”.

    Non facciamo gli antichi, non partiamo con l’idea che dieta significhi non mangiare (ebbene sì, ci sono ancora persone che lo pensano) che è un’idea tanto assurda quanto sbagliata ed ecco svelato il primo dei consigli per dimagrire:

    dieta bilanciata svezzamento

    La dieta dissociata è una delle migliori diete per dimagrire velocemente. Come indicato dal nome stesso, consiste nell’evitare di consumare nello stesso pasto o nella stessa giornata alcuni tipi di alimenti, che combinati insieme non permettono di perdere peso facilmente. Sono varie le diete dissociate ideate dagli esperti di tutto il mondo, ma le più famose sono due: la dieta di Hebert Shelton e quella messa a punto da Albert Antoine.

    La dieta dissociata di Hebert Sheldon è stata descritta per la prima volta nel 1951 e si basa su tre principi essenziali:

  • mai consumare proteine (carne, pesce, uova) insieme ai farinacei poiché influisce negativamente sulla digestione. Dunque bisogna optare su un primo o su un secondo piatto, mai combinandoli nello stesso pasto;
  • evitare latticini e zuccheri di ogni genere;
  • la frutta deve esser consumata solo a stomaco vuoto e mai alla fine dei pasti. Meglio mangiarla a colazione.
  • La dieta dissociata classica è stata messa a punto da Albert Antoine nel 1968 e consiglia di consumare solo un tipo di prodotto alimentare al giorno, ad esempio:

    Ci sono tuttavia delle controindicazioni nel seguire una dieta dissociata. Se è vero che permette di dimagrire rapidamente, è altrettanto vero che propone un’alimentazione monotona, che annoia ben presto e dunque demotivante. Può inoltre provocare delle carenze nutrizionali, dato che escludendo durante la giornata certi tipi di prodotti il corpo sarà privo di certi nutrienti, indispensabile per il suo corretto funzionamento.

    Healthy grilled chicken breasts marinated with lemon and olive oil and cooked on a summer BBQ served on an old wooden board via Shutterstock

    Le diete dimagranti a base di proteine sono considerate quelle più efficaci, infatti hanno rapidamente raggiunto un grande successo anche in Italia. Si basano sul principio che, per perdere il grasso – e dunque il peso – aumentando al contempo la massa muscolare magra, sia necessario prediligere cibi ricchi di proteine, limitando l’assunzione di grassi insani e di carboidrati, senza tuttavia escluderli completamente. Per tale motivo si dovrebbe comporre un menu quotidiano ricco di:

  • alimenti di origine animale, come carni, pollame, pesce, crostacei, uova, latticini e formaggi a basso contenuto di grassi;
  • alimenti di origine vegetale, come legumi, frutta, verdura, tuberi, funghi, radici e soia.
  • Le proteine aiutano a dimagrire poiché alleviano molto il senso di fame, donano energia all’organismo, fanno avvertire meno la stanchezza generale e sviluppano i muscoli. Scegliere dunque un menu proteico ipocalorico, ideale per coloro che desiderano un dimagrimento rapido ma efficace.

    Woman with bathroom scale and measuring tape / diet via Shutterstock

    Chi non ha mai sentito nominare la dieta a zona? È infatti considerato come uno dei migliori programmi dimagranti in assoluto poiché, oltre ad aiutare a raggiungere facilmente i propri obiettivi di peso, è potenzialmente in grado di combattere l’insorgenza di malattie cardiovascolare, diabete e malattie auto-immuni. Ideata nel 1995 dal dottor Barry Sears, la dieta a zona propone un’alimentazione povera di calorie e di glucidi. L’apporto nutrizionale quotidiano dovrebbe essere pari al 40% di glucidi, 30% di proteine e 30% di grassi buoni, da dividere in tre pasti principali e due spuntini d’intermezzo.

    Tutti i cibi vanno pesati e vi sono degli alimenti ben precisi da limitare molto o da evitare del tutto, ovvero carni grasse, uova intere (meglio solo l’albume), salumi e formaggi a pasta dura, ma anche burro, panna, dolci, zuccheri, patate, carote, rape, zucca, mais, banane, cereali, frutta secca e succhi di frutta. Il menu tipo dovrebbe prevedere tre porzioni di proteine, tre di glucidi e tre di lipidi a ogni pasto, nonché due spuntini proteici:

  • Colazione: una fetta di pane integrale con 60g di formaggio fresco, 2 tuorli d’uovo, 1 cucchiaino di olio di oliva e un kiwi;
  • spuntino: yogurt magro e una noce;
  • pranzo: 90g di tonno, 250g di spinaci e un panino integrale;
  • spuntino: 30g di formaggi e una fetta di pane integrale;
  • cena: 90g di carne bianca, un po’ di purè di patate condito con un cucchiaino di olio di oliva, un cetriolo e 60g di lenticchie.
  • Secondo l’ideatore della dieta a zona, seguirla dovrebbe garantire in una sola settimana un dimagrimento di circa 1,5 chilogrammi.

    Se vuoi aggiornamenti su Diete inserisci la tua email nel box qui sotto:

    15 trucchi per dimagrire velocemente e fare pace con lo specchio: tutto ciò che dovete sapere per instaurare una relazione sana e salutare con il vostro corpo.

    A parte le vere e proprie diete dimagranti, studiate e messe a punto con un dietologo, esistono una serie di accorgimenti e trucchetti “fai da te” che ci possono aiutare a perdere peso velocemente, soprattutto in estate quando la necessità di aver un corpo più snello può diventare una necessità incombente.

    Chi, perciò, non si è preparato per tempo alla prova costume e ha bisogno di perdere 2-3 chili, velocemente su pancia, fianchi e cosce, può adottare qualche strategia fast per smaltire il peso in fretta. Non illudiamoci però, che che la formula “in fretta” equivalga alla formula “senza sacrifici”!

    Per perdere i chili superflui velocemente, infatti, bisogna accettare almeno due condizioni:

    Certo, se non state praticando già dell’attività fisica, non dovrete diventare degli sportivi, ma una camminata veloce, duna corsetta ogni tanto o una nuotata in piscina, ogni settimana, potranno fare già tantissimo nello smaltimento del peso e nella tonificazione veloce.

    Passiamo, ora, a vedere quali sono i principi di base che supportano una stategia dimagrante vincente e per perdere peso senza correre rischi:

  • Decidete il tempo in cui volete perdere i vostri chili di troppo con saggezza.
  • Non puntate solo sui chili ma anche sulla ritenzione idrica, la tonicità e la perdita di centimetri. A volte, pur non perdendo troppo peso, si possono semplicemente perdere centimetri di gonfiore. Dipende dai casi.
  • Prevenite gli “attacchi di fame” da privazioni eccessive e stanchezza. Riposare e avere una vita sana ed equilibrata, permette di essere più “centrati” e vigili sulla propria dieta.
  • Seguite e rispettate le regole che vi siete date senza cambiarle in corso d’opera.
  • Non rinunciate al piace di mangiare… ma poco e sano.
  • Vediamo, dunque, come e cosa mangiare per dimagrire in fretta, perdendo centimetri e chili in eccesso.

  • Camminare velocemente o correre almeno mezz’ora al giorno è indispensabile per attivare il metabolismo addormentato.
  • dieta per chi soffre di gastrite atrofica

  • Iniziate a pensare che i benefici di lungo periodo derivanti da una dieta sana sono più importanti rispetto alle soddisfazioni di breve periodo che ottenete quando vi concedete un alimento che vi piace particolarmente.
  • Per dimagrire è fondamentale cambiare le proprie abitudini alimentari, per riuscire a modificare le proprie abitudini alimentari è opportuno ricordare questi due punti fermi:

  • Aumentare la quantità di frutta e verdura
  • Diminuendo le porzioni di solito si riesce a diminuire la quantità di calorie in ingresso, un modo semplice per iniziare a fare le porzioni giuste è quello di abituarsi a mangiare in piatti più piccoli.

  • Quando mangiate a casa fate le porzioni direttamente in cucina, e portate i piatti pronti in tavola; se lasciate che ognuno faccia le porzioni per sé, la tentazione di fare il bis è maggiore ed è più semplice soddisfarla.
  • Se invece mangiate fuori casa, ordinate una porzione più piccola, o un menu per bambini.
  • Se mangiate più frutta e verdura lo stomaco si riempie prima, e quindi diminuisce lo spazio a disposizione degli alimenti ricchi di calorie. Sostituite gli spuntini ricchi di calorie con frutta e verdura a basso contenuto calorico: ad esempio invece di una bustina di patatine che è ricca di calorie, potete fare uno spuntino croccante, più leggero e molto più ricco di vitamine mangiando una carota o un po’ di sedano.

    Riuscirete a dimagrire se introdurrete meno calorie rispetto a quelle che l’organismo vi richiede, assumendo 250 calorie in meno al giorno, perderete circa 2 etti alla settimana, cioè più di 10 kg in un anno! Perdere peso con gradualità è meglio rispetto a perderlo tutto in una volta. Se seguite una dieta che vi richiede di assumere una quantità di calorie non sufficiente per i vostri bisogni, correte il rischio di non assumere tutte le sostanze nutritive necessarie per il vostro organismo, senza contare che queste diete presentano una percentuale maggiore di fallimento. Anche se queste diete vi aiutano a perdere peso, quindi, correrete un rischio maggiore di recuperarlo.

    Ecco 4 consigli per una dieta sana che valgono per chiunque, anche se non seguite una dieta.

  • Variate la scelta degli alimenti. Nessuna categoria di alimenti, da sola, è in grado di fornirvi tutte le sostanze nutritive di cui avete bisogno. Una dieta sana comprende alimenti provenienti dai diversi gruppi.
  • Abbondate con la frutta, la verdura e i cereali integrali. I dietologi consigliano di assumere molti prodotti vegetariani perché contengono poche calorie, ma sono ricchi di fibre, vitamine e sali minerali; inoltre sono privi di colesterolo e contengono una minima percentuale di grassi.
  • Seguite una dieta povera di grassi e di colesterolo. Al massimo il 30 per cento delle calorie ottenute con l’alimentazione dovrebbe derivare dai grassi.
  • Andateci piano con determinati alimenti e bevande. Le caramelle, i dolci, il sale e gli alcolici dovrebbero essere consumati con moderazione.
  • Uno stile di vita attivo è in grado di diminuire il rischio di morte precoce dovuto a diverse cause, è inoltre dimostrato che l’attività fisica regolare può diminuire il rischio di:

    L’attività fisica regolare è anche in grado di migliorare la salute del sistema cardio-respiratorio (cuore, polmoni e vasi sanguigni) e dell’apparato muscolare.

    Negli anziani, inoltre, l’attività fisica migliora la funzionalità mentale.

    L’attività fisica può anche essere utile per:

  • diminuire il rischio di fratture al femore,
  • diminuire il rischio di tumore ai polmoni,
  • diminuire il rischio di tumore all’endometrio,
  • Lo scopo dell’attività fisica mirata al dimagrimento è ovviamente quello di bruciare più calorie; la quantità di calorie bruciate dipende dalla frequenza, dalla lunghezza e dall’intensità delle vostre attività.

    Chi ha una massa muscolare maggiore è in grado di consumare più calorie senza ingrassare rispetto a chi ha una massa muscolare minore. Maggiore è la massa muscolare, infatti, maggiore è la quantità di calorie bruciata, anche stando a riposo! Pertanto costruire i muscoli con l’esercizio e l’attività fisica è un buon modo per riuscire a bruciare regolarmente più calorie. Usando un linguaggio scientifico, i medici esprimono lo stesso concetto dicendo: “L’attività fisica fa aumentare il metabolismo”.

    Un programma di attività aerobiche svolte con regolarità è il modo migliore per dimagrire, però qualsiasi attività in movimento è utile per bruciare calorie. Proprio per questo è fondamentale inserire anche attività fisiche non strettamente pianificate nella propria routine quotidiana.

    Cercate di pensare a come potreste fare per aumentare l’attività fisica nel corso della giornata. Ecco diversi esempi, alcuni dei quali potrebbero fare al caso vostro:

  • Dimenticate il cordless, e alzatevi per andare a rispondere al telefono.
  • Sul posto di lavoro, fate le scale anziché usare l’ascensore.
  • Andate a fare la spesa al supermercato a piedi, anziché usare l’automobile.
  • Andate direttamente nell’ufficio del vostro collega, anziché telefonargli.
  • Quando siete al centro commerciale, fate le scale anziché prendere la scala mobile.
  • Tagliate l’erba in giardino e spalate la neve, anziché chiamare qualcuno che lo faccia al posto vostro.