come dimagrire facendo jogging

come dimagrire velocemente pancia e fianchi

Puoi quindi seguire la Dieta Proteica proposta. Gli alimenti vanno pesati in modo da attenersi ai grammi indicati nel menù settimanale.

La dieta proteica va seguita per 1 mese. Al termine del mese facci sapere i tuoi risultati: ti consiglieremo la successiva dieta di mantenimento da seguire.

buongiorno, vorrei provare questa dieta. Ho 42 anni, due figli, sono alta 168 cm e peso 65,8 kg.

Approfitto e vi chiedo anche se è indispensabile che proteine e verdure siano pesate al grammo o se la grammatura indicata è un’indicazione/suggerimento. Grazie

Buongiorno Anna, dato che abbiamo ricevuto diverse richieste da parte dei vegani, ecco il nuovo articolo in cui trovi tanti consigli utili per seguire una dieta vegana equilibrata e dimagrante: Dieta Vegana per Dimagrire

Buongiorno Cecilia e benvenuta sul nostro blog! Per prima cosa ti calcoliamo il tuo peso forma ideale per verificare quanto devi effettivamente dimagrire. La formula è la seguente:

Cioè: il peso in chili va diviso per il calcolo della statura al quadrato. Il risultato del calcolo è il valore (indice) della tua massa corporea e va inserito nella tabella qui di seguito.

- Sottopeso: valore inferiore a 18,5 (magrezza eccessiva)

- Normopeso: valore compreso tra 18,5 e 24,9 (peso normale: peso-forma)

- Sovrappeso: valore compreso tra 25,0 e 29,9

- Obesità classe I: valore compreso tra 30,0 e 34,9

- Obesità classe II: valore compreso tra 35,0 e 39,9

- Obesità classe III: valore uguale o superiore a 40

In base alla tabella dei valori sei in sovrappeso.

Considerando una costituzione fisica media, il peso forma ideale per una donna è compreso in un valore tra 21-22. Per raggiungerlo devi perdere 15 chili. Il tuo peso forma è di 59 chili per una donna della tua statura:

59: (1,65×1,65) = 59 : 2,7225 = 21,6 (valore ottimale del peso forma)

Trovi maggiori informazioni a questo link: Calcolo peso ideale

Stabilito il tuo obiettivo, per perdere 15 chili e tornare in peso forma occorrono tempo e costanza sia con la dieta che con l’attività fisica. Anche se sei una mamma, cerca di ritagliarti un po di tempo per te stessa per fare sport: una camminata veloce alternata alla corsa lenta oppure una nuotata in piscina. E’ ottimale fare attività fisica per almeno 3-4 volte a settimana con costanza.

E’ infatti più difficile perdere peso solo con la dieta, abbinando invece dieta e sport otterrai i migliori risultati in termini di dimagrimento e salute.

Sull’importanza di abbinare sempre dieta e sport per dimagrire e per mantenere il successivo peso forma raggiunto (senza ingrassare di nuovo), ti mandiamo due articoli di approfondimento:

Sei molto giovane, hai solo 29 anni, cambia il tuo stile di vita in meglio.

Per quanto riguarda invece la dieta da seguire, va scelta principalmente in base ai propri gusti alimentari e alle proprie esigenze di tempo.

Se non stai allattando e se hai già letto il menù settimanale della Dieta Proteica proposta nell’articolo sopra e si adatta ai tuoi gusti, puoi salvare o stampare la dieta e iniziare a seguirla.

Come già risposto in altri commenti precedenti, la dieta proteica va seguita solo per 1 mese perchè elimina del tutto i carboidrati. Questa dieta è utile per riattivare il metabolismo. Al termine del mese, facci sapere i tuoi risultati (quanti chili hai perso) e ti consiglieremo la successiva dieta con cui continuare il tuo percorso verso il peso-forma.

Ti facciamo presente però che la dieta proteica è sconsigliata alle donne in allattamento.

Infine, “mangiare anche se non hai fame” è il sintomo classico di chi soffre di fame nervosa. Per saperne di più sul tuo problema, che di solito è di natura psicologica (ad esempio mangiare per ansia), ti mandiamo un utile articolo di approfondimento con consigli utili: Fame Nervosa-Cosa fare

Buonasera, mi chiamo Cecilia, ho 29 anni, peso 74 kili e sono alta 1 metro e 65 centimetri.

Sono mamma di 4 bimbi e spesso mangio anche se non ho fame.

Buon pomeriggio Debora, per prima cosa ti calcoliamo il tuo peso forma ideale per verificare quanto devi effettivamente dimagrire.

La formula per il calcolo dell’Indice di Massa Corporea è la seguente:

Ovvero: il peso in chili va diviso per il calcolo della statura al quadrato; il risultato ti dà il valore che va inserito nella tabella qui di seguito.

- Sottopeso: valore inferiore a 18,5 (magrezza eccessiva)

- Normopeso: valore compreso tra 18,5 e 24,9 (peso normale: peso-forma)

- Sovrappeso: valore compreso tra 25,0 e 29,9

come dimagrire velocemente pancia e fianchi

  • Desayuno: Huevos y verduras, fritos en mantequilla o aceite de coco.
  • Comida: Ensalada de camarones con un poco de aceite de oliva
  • Cena: Pollo a la parrilla con verduras.
  • Desayuno: Tortilla con varias verduras, frita en mantequilla o aceite de coco
  • Comida: Smoothie con leche de coco, bayas, almendras y proteína en polvo.
  • Cena: Filete y verduras
  • Desayuno: Tocino y huevos
  • Comida: Ensalada de pollo con un poco de aceite de oliva
  • Cena: Chuletas de cerdo con verduras
  • Desayuno: Tortilla con verduras variadas
  • Comida: Yogur alimentado con pasto con bayas, copos de coco y un puñado de nueces.
  • Cena: Albóndigas con verduras.
  • Desayuno: Tocino y huevos
  • Comida: Smoothie con leche de coco, un poco de crema de leche, proteína en polvo con sabor a chocolate o fresa.
  • Cena: Alitas de pollo a la plancha con un poco de espinaca cruda
  • Es importante que incluyas una gran variedad de verduras en tu alimentación. Como tu objetivo es tomar 50 gramos de carbohidratos o menos, entonces puedes conseguirlo tomando verduras y una fruta por día.

    Si eres una persona, sana, delgada y activa, puedes añadir algunos tubérculos como las patatas y la batata, así como algunos granos más sanos como el arroz y la avena,

    Con el objetivo de llevar un control de tu evolución te será de ayuda el pesarte de manera habitual, lo cual se ha comprobado por estudios ( 1, 2, 3, 4 ) que nos ayuda a conseguir mejores resultados en pérdida de peso. Personalmente utilizo esta báscula de bioimpedancia, la cual ofrece el porcentaje de grasa corporal, niveles de agua corporal, de músculo, peso, metabolismo basal, etc.

    Muchas personas me preguntan ¿ Qué puedo picar entre horas ? No hay ninguna razón médica para comer más de 3 comidas al día, pero si te da hambre entre comidas, puedes comer alguno de estos snacks sanos bajos en carbohidratos:

    Es bastante fácil seguir una dieta baja en carbohidratos a la hora de ir a un restaurante:

  • Pide un plato principal de carne o pescado
  • Pídeles que frían los alimentos con mantequilla real
  • Opta por verduras en vez de por pan, patatas o arroz
  • Si estás buscando los alimentos que debes comer, echa un vistazo al siguiente artículo:

    Una buena regla a la hora de hacer la compra es moverse por el perímetro de la tienda, donde suele ser más fácil encontrar los alimentos de los que estamos hablando.

    Los alimentos orgánicos y alimentados con pasto son los mejores, pero sólo si te los puedes permitir.

    Incluso aunque hagas una compra no orgánica, tu alimentación será mil veces mejor que la dieta típica occidental que se está tomando en la actualidad.

    Trata de elegir la opción que sea menos procesada, que esté en un rango de precio que te puedas permitir.

  • La carne ( carne de res, cordero, cerdo, pollo y tocino )
  • Pescado ( pescados grasos como el salmón )
  • Huevos ( Elige aquellos que han sido alimentados con pasto )
  • Arándanos ( los puedes comprar congelados )
  • Verduras frescas: Verdes, pimientos, cebollas, etc
  • diete dimagranti facebook

    La prima regola fondamentale – altrimenti qualsiasi regime dimagrante sarà comunque inutile – è quello di scegliere di fare la dieta nel momento opportuno. Stress, stanchezza, problematiche di lavoro, di coppia o di famiglia, ansia e ovviamente qualsiasi genere di disturbo di salute sono frequentissimi per la maggior parte di noi, ma il segreto per dimagrire – si intende in maniera salutare – è proprio quello di iniziare un regime dietetico in un momento di relativo benessere.

    Magari quando sono solo proprio i chili di troppo a preoccuparci di più.

    Altrettanto fondamentale è assumere l’abitudine di bere fino a 2 litri di acqua al giorno.

    Sorseggiare acqua anche quando non si avverte il senso della sete regola l’idratazione corporea, la circolazione, la respirazione, ma riempie anche lo stomaco, ci fa sentire meno la fame o, almeno, ci allontana più facilmente la tentazione di mangiucchiare durante il giorno.

    I pasti devono essere il più regolari possibile: alla stessa ora ogni giorno e suddivisi equamente.

    Mai saltare la colazione, altra regola importantissima.

    Nonostante la mattina il tempo a disposizione sia sempre più scarso, mangiare all’inizio della giornata serve ad attivare il più in fretta possibile il metabolismo, che in questo modo brucerà meglio le calorie ingerite fino a sera.

    Un’altra indicazione indispensabile è quella di ingerire molte fibre, che grazie all’acqua che avremo bevuto si gonfieranno nello stomaco placando il senso di fame.

    Non dimentichiamoci tuttavia che le fibre, se vengono assunte in maniera eccessiva, causano gonfiori e irritamenti allo stomaco, in particolar modo quelle più integrali.

    Il segreto allora sta nel mangiare molta verdura, almeno 6 porzioni al giorno, scegliendo a proprio gusto e secondo le possibilità preferita.

    Anche la frutta è alleata indispensabile della dieta, ma con alcune cautele.

    Dal momento che contiene zucchero di pronta assimilazione – il fruttosio – la cosa migliore è sempre quella di scegliere di mangiarla fuori pasto.

    In questo modo la frutta ci regalerà energia immediata – oltre che vitamine e sali minerali essenziali alla nostra salute – e non appesantirà la digestione alla fine dei pasti principali.

    Si può liberamente mangiare la frutta anche al mattino: è una soluzione ideale per ottenere il giusto zucchero per iniziare con energia la giornata, contenendo notevolmente le calorie della nostra alimentazione.

    Tra i nutritivi fondamentali, sono i carboidrati quelli più difficili da limitare in una dieta dimagrante.

    In una dieta molto ristretta, tuttavia, è necessario limitarli al massimo: per poter perdere chili velocemente, ogni giorno non dovrebbero essere concessi più di 60 grammi di carboidrati.

    Le proteine, di conseguenza, sono il cibo più consigliato, ma non solo quelle della carne, del pesce e delle uova: sono soprattutto i legumi quelli che contengono proteine più magre e assimilabili, saziando oltretutto lo stomaco per diverse ore.

    Da evitare assolutamente l’alcol, i fritti, le salse, i condimenti di tipo animale, limitando l’olio d’oliva al massimo ad un cucchiaio (2 cucchiaini) al giorno per una dieta molto ristretta.

    Possono venirci in aiuto come alternativa le spezie e gli aromi naturali, e soprattutto il modo di cucinare.

    La cucina dietetica per eccellenza è quella al vapore, che non richiede alcun condimento, ma anche la cottura alla piastra e al forno – senza aggiunta di olio – sono perfette.

    Altrettanto nemici della dieta sono tutti gli i dolci, gli insaccati e i formaggi, ma anche la maggior parte dei latticini, ad esclusione della ricotta fresca, che è decisamente magra.

    Ecco dunque come si compone la Dieta di una sola Settimana, che comporta circa 1050 calorie al giorno.

    Si tratta di 7 giorni che vi metteranno – in ogni caso – a dura prova e che andranno seguiti necessariamente da una dieta dimagrante di mantenimento, più equilibrata e completa.

    – 125 grammi di yogurt bianco magro con 2 cucchiaini di fiocchi d’avena, un kiwi, the o caffè non zuccherati.

    – 100 grammi di frutta di stagione e una tazza di the verde non zuccherata.

    – una spremuta di frutta (arancia, pompelmo, …) oppure un succo di carote e una tazza di the verde non zuccherata.

    – 100 grammi di ricotta fresca di mucca, 200 grammi di insalata mista verde (songino, lattuga, rucola, belga, radicchio), 30 grammi di pane di segale.

    – 150 grammi di sogliola o merluzzo al forno con 80 grammi di patate bollite, 200 grammi di spinaci al vapore, 30 grammi di pane bianco.

    – 60 grammi di pasta con le zucchine o con pomodoro fresco e basilico, 200 grammi di insalata mista di lattuga, carote e sedano.

    – 150 grammi di petto di pollo ai ferri e 200 grammi di fagiolini verdi lessati.

    tisane dimagranti funzionano davvero

    Sconsigliamo di affidarsi in maniera incondizionata alle diete che si trovano nel web, in quanto potrebbero non essere adatte rispetto alla propria situazione.

    Perdere peso richiede una grande costanza e molta determinazione. È del tutto inutile perdere qualche kg nell’arco di un mese, se dopo non si ha la volontà di impostare un’alimentazione sana e costante nel tempo.

    Le diete che promettono di perdere più di 5-6 kg al mese in genere non sono molto affidabile per un semplice motivo: quello che si perde non è solamente adipe, ma anche le masse muscolari, e si tende alla disidratazione dei tessuti (che fa perdere peso). Si tratta del modo migliore per riacquistare peso una volta terminata la dieta.

    Ma quindi, alla luce di tutto ciò, come perdere peso in maniera efficace? Vediamo qualche consiglio.

    Fare attività fisica con regolarità, per esempio iscrivendosi in palestra, è la prima cosa da fare per perdere peso.

    Fare attività fisica è un ottimo modo per dimagrire in quanto permette di fare muscoli e di distribuire in maniera omogenea il grasso in accesso, di aumentare il metabolismo, di migliorare il generale stato di benessere del corpo. Per esempio, quando si fa attività fisica con costanza, l’umore migliora, e si corre meno rischio di sviluppare patologie come per esempio il diabete, i problemi al cuore, l’ipertensione, e via dicendo.

    La migliore attività fisica da fare per perdere peso è quella aerobica, come jogging, corsa, palestra, sci di fondo, ciclismo.

    Bisognerebbe fare attività fisica almeno tre volte a settimana, per mezz’ora o un’ora, e ovviamente associare alla palestra anche una sana dieta ed un’alimentazione equilibrata, per non rovinare i benefici ottenuti.

    Il numero di calorie che si consuma facendo sport varia a seconda del tipo di attività fisica.

    Oltre che ad attività fisica costante e buona alimentazione, si può pensare, per perdere peso, alle classiche diete. Come abbiamo detto esistono numerose tipologie di diete che hanno lo scopo di far perdere peso.

    Alcune diete mirano ad aumentare l’assunzione di proteine a scapito dei carboidrati. È il caso della dieta Atkins, che è diventata molto famosa negli USA ed in Italia. Si tratta di un regime alimentare a basso contenuto di glucidi, che cerca di soddisfare i bisogno del corpo per mezzo di lipidi e di proteine.

    La dieta Atkins riesce a far dimagrire in quanto riesce a mantenere costanti i livelli di insulina, riuscendo a trasformare il corpo in una macchina che brucia i lipidi. Limitando quasi del tutto l’assunzione di carboidrati, questo regime obbliga il corpo ad usare l’energia dei lipidi e delle proteine. Si tratta di una dieta che tende a favorire un senso di sazietà, quindi scoraggia all’assunzione del cibo; grazie all’apporto di proteine aumenta il metabolismo.

    Simile alla dieta Atkins è la dieta metabolica che promette di ottenere degli ottimi risultati in breve tempo. La dieta metabolica favorisce anch’essa l’assunzione di grassi e di proteine. La dieta metabolica si snoda in diverse fasi; la prima, di prova (per vedere quanto la dieta possa essere sopportata dall’individuo) dura 4 settimane.

    Fra le diete iperproteiche non ne mancano di originali come la Paleodieta: essa si basa su un ritorno all’alimentazione dell’uomo al paleolitico, quel periodo storico in cui l’uomo mangiava soprattutto cibi a componente proteica.

    Fra i carboidrati consentiti, frutta e verdura, che rilasciano meno insulina rispetto a pasta e pane o cereali.

    La dieta paleolitica consiste nel fare piccoli pasti, poco abbondanti, nel mangiare carne rossa o bianca, nel dissociare gli alimenti (evitando quindi di mischiare proteine diverse). Ovviamente componente indispensabile della dieta è anche l’attività fisica.

    Altra tipologia di dieta per dimagrire sono quelle monotematiche, che si basano, quindi, sull’assunzione di un particolare alimento.

    La dieta a bassissime calorie è basata su un regime alimentare che sta sotto il fabbisogno calorico dell’uomo adulto (in genere sulle 2000 kcal). Questo tipo di dieta non dovrebbe mai essere intrapreso in autonomia perché può comportare dei deficit nutrizionali; è necessario quindi assumere degli integratori che forniscano tutti i nutrienti necessari per il benessere del corpo.

    Queste diete fra l’altro vengono adottate nei casi gravi di obesità patologica, quando si rende necessario un intervento chirurgico per dimagrire, o per la cura dell’obesità che resiste ad altri tipi di diete. Non devono mai essere intrapresi senza controllo medico.

    La dieta Lemme è anch’essa una dieta monotematica che prende il nome dal suo inventore, un farmacista, e che si basa sulle associazioni alimentari; anch’essa è una dieta controversa e non dovrebbe mai essere iniziata senza il controllo del medico.

    Altro regime alimentare molto famoso per perdere peso è la Dieta a zona.

    La dieta a zona si tratta di un regime alimentare che è volto ad equilibrare l’assunzione di grassi, proteine e carboidrati per raggiungere uno stato psico-fisico ottimale.

    La dieta a zona è utile per eliminare un po’ di grasso corporeo; prevede che ogni pasto faccia assumere delle quantità adeguate di carboidrati, grassi e proteine. Lascia intercorrere uno spazio di 5 ore fra ogni pasto (la giornata si articola in tre pasti principali e due spuntini) ed elimina quasi del tutto dolci, pasta, riso, cereali raffinati e pane, che stimolano l’insulina.

    Come abbiamo ricapitolato, nessuna di queste diete dovrebbe essere presa sottogamba e chiunque voglia dimagrire deve rivolgersi al proprio dietologo per ottenere un preventivo di dieta personalizzata.

    Powered by WordPress. Impronta designed by Quema Labs.

    Chiunque ha seguito una dieta ipocalorica sa che all'inizio si perde peso velocemente, poi si fa sempre più fatica per dimagrire, finché, dopo qualche settimana o qualche mese, spesso la perdita di peso si arresta.

    In questo articolo capiremo la differenza tra dimagrire, ovvero perdere massa grassa, e perdere peso e basta, senza distinzione riguardo l'origine della perdita di peso.

    Il nostro peso corporeo è costituito da:

  • organi interni (cuore, fegato, milza, ecc);
  • contenuto dello stomaco e dell'intestino.
  • La massa ossea e quella degli organi, in condizioni normali di salute, non variano in tempi brevi, dunque la variazione di peso a breve termine dipende da come variano i liquidi corporei, il glicogeno muscolare, il contenuto dell'intestino, i muscoli e il grasso corporeo.

    Se il nostro desiderio è quello di dimagrire, allora dobbiamo perdere peso solo attraverso una perdita di grasso, tuttavia non possiamo impedire che gli altri parametri subiscano variazioni e quindi è importante comprendere come possono variare e in funzione di cosa, per valutare correttamente il dato fornito dalla bilancia.