come fare a dimagrire di pancia

perdere pancia e fianchi uomo

– Normopeso: valore compreso tra 18,5 e 24,9 (peso normale: peso-forma)

– Sovrappeso: valore compreso tra 25,0 e 29,9

Obesità classe I: valore compreso tra 30,0 e 34,9

– Obesità classe II: valore compreso tra 35,0 e 39,9

– Obesità classe III: valore uguale o superiore a 40

In base alla tabella dei valori sei entrata in Obesità classe I.

Il valore ottimale del peso-forma per una donna è compreso tra 21-22, per raggiungerlo devi perdere 27 chili. Il tuo peso forma ideale è infatti di 49 chili per una ragazza della tua statura.

49: (1,52×1,52) = 49 : 2,3104 = 21,2 valore ottimale del peso-forma

Trovi maggiori informazioni qui: Calcolo peso ideale

Considerando la tua giovane età (hai solo 29 anni), il tuo peso in eccesso è probabilmente dovuto ad una scarsa attività fisica e ad un’alimentazione eccessiva o scorretta. La cosa migliore da fare è senz’altro ricominciare con l’attività fisica costante: allenamento almeno 3-4 volte a settimana. Iscriviti in palestra o in piscina.

Per quanto riguarda la dieta, puoi iniziare con 1 mese di Dieta Proteica. Alla fine del mese facci sapere i risultati che hai ottenuto (quanti chili hai perso) e ti consiglieremo la successiva dieta con cui proseguire il tuo percorso. Tornare in peso forma richiede tempo e costanza sia con un programma dietetico che con l’attività fisica. Per riattivare il tuo metabolismo, devi necessariamente abbinare dieta e sport.

Non “disperare” quindi: inizia e vedrai che alla fine del mese ti sentirai già meglio.

RISPOSTA PER ANNA: buongiorno e benvenuta sul nostro blog! Per prima cosa ti calcoliamo qual è il tuo peso forma ideale per verificare quanto devi effettivamente dimagrire.

Cioè: il peso in chili va diviso per il calcolo della statura al quadrato. Il risultato del calcolo è il valore (indice) della tua massa corporea e va inserito nella tabella qui di seguito.

– Sottopeso: valore inferiore a 18,5 (magrezza eccessiva)

Normopeso: valore compreso tra 18,5 e 24,9 (peso normale: peso-forma)

– Sovrappeso: valore compreso tra 25,0 e 29,9

– Obesità classe I: valore compreso tra 30,0 e 34,9

– Obesità classe II: valore compreso tra 35,0 e 39,9

– Obesità classe III: valore uguale o superiore a 40

In base alla tabella dei valori tu rientri nel normopeso e non hai problemi di sovrappeso (e questo è un gran bene per la tua salute!).

Il valore ottimale del peso forma per una donna è compreso tra 21-22, per raggiungerlo devi perdere solo 5 chili. Il tuo peso forma ideale è di 57 chili per una donna della tua statura:

57: (1,63×1,63) = 57 : 2,6569 = 21,4 valore ottimale del peso forma

Trovi maggiori informazioni a questo link (clicca qui): Calcolo peso ideale

Dato che hai solo 5 chili di troppo da perdere, ti consigliamo di seguire per 1 mese la Dieta Proteica che trovi nell’articolo sopra. Al termine del mese aggiornaci coi tuoi risultati: se avrai raggiunto il peso forma, ti consiglieremo la successiva dieta di mantenimento da seguire.

Per quanto riguarda invece il tuo problema estetico, cioè l’accumulo di grasso su braccia e spalle, può essere dovuto ad un fattore di costituzione fisica, ma puoi migliorarlo con l’attività fisica costante. Se inizi una dieta, è infatti ottimale praticare anche sport almeno 3-4 volte a settimana.

Se ancora non l’hai fatto, iscriviti in palestra o in piscina e fatti consigliare sul corso fitness più adatto a te, spiegando la tua problematica estetica da migliorare.

Ciao ho bisogno del vostro consiglio… mi chiamo Anna ho 35 anni, peso 62 kg e sono alta 1,63m… vorrei perdere almeno 5 kg, che dieta mi consigliate?? Il mio problema è che accumulo grasso soprattutto su braccia e spalle… Grazie.

Buongiorno, sono un’ex atleta di ginnastica ritmica, ingrassata di oltre 30 kg… Ho 29 anni, sono alta 1,52 e peso 76 kg… Non ho fatto molto sport negli ultimi 15 anni, pertanto i kg si sono accumulati ovunque. Ho provato diverse diete, ma nessuna mi ha fatta ritrovare la forma, sono veramente disperata. Grazie in anticipo. Noemi

Salve, la mia massa corporea è 26 (1,64 e 70 kg), ho deciso di fare la dieta proteica. Volevo chiedervi come dovrei proseguire per mantenere i risultati e magari perdere ancora. Mi piacerebbe arrivare a 64 kg. Grazie.

RISPOSTA PER LOREDANA: carissima, guardi la dieta e già pensi allo “sgarro”? …chi ben inizia è a metà dell’opera …dice il detto!

La dieta proteica va seguita solo per 1 mese, evita quindi la pizza per un mese dato che devi perdere almeno 10 kg di troppo. La dieta proteica è ideale per iniziare un programma dietetico quando si devono perdere diversi chili ma, come ogni dieta, va abbinata allo sport: è molto importante praticare attività fisica con regolarità almeno 3-4 volte a settimana.

Quindi, se vuoi iniziare una dieta e se vuoi ottenere i migliori risultati, iscriviti in palestra o in piscina e segui il corso fitness che più ti piace. Lo sport aiuta a scaricare lo stress, a mantenere alto l’umore e a perdere peso più facilmente. Per tutti questi motivi sport e dieta vanno a braccetto.

Detto questo, per proseguire il tuo percorso verso il peso-forma ideale, dopo 1 mese di dieta proteica è necessario cambiare dieta in modo da mantenere sempre attivo il metabolismo. Occorre reinserire i carboidrati in poche quantità. Ti consiglieremo però la successiva dieta da seguire solo al termine del mese e in base ai tuoi risultati: aggiornaci sulla tua perdita di peso e valuteremo quale dieta consigliarti in base a come ha risposto il tuo metabolismo.

Buon inizio dieta, buon inizio sport e a presto sul blog con i tuoi risultati!

Las Proteínas magras soportan unos músculos fuertes, huesos sanos y la función inmune óptima. La proteína también te hace sentir satisfecho entre comidas.

diete dimagranti e sgonfianti

Così come leggendo il messaggio della seconda persona ( che mi ha segnalato ) sembra già fosse chiara la risposta.

Ma siamo sempre lieti di avere “dritte” su come migliorarci… Magari inseriamo degli asterischi di richiamo?

Nel limite del possibile cerchiamo di rispondere, ricreandocci nella mente i pensieri di chi pone le domande, ai moltissimi commenti che ogni giorno ci sono e che vagliamo.

Su più di 31000 visitatori di questa dieta ( può immaginare le assurdità di alcuni messaggi scarni e senza ne capo ne coda pensando che dall’altra parte ci sia il proseguo con chissà quale altro discorso cominciato MAI. ), mi pare che la proporzione con 2 è di fatto relativa.

Noi abbiamo sempre scritto che nessuna dieta può promettere miracoli o assicurare perdita di peso anzi abbiamo sempre sottolineato l’importanza che noi siamo ciò che mangiamo e la perdita di peso si ha solamente con il variare il proprio regime alimentare e quindi il metabolismo…

Qualsiasi regime alimentare che non dia dei benefici psico-fisici è da evitare.

E’ logico che per esporre una dieta GENERALE si deve tener conto del modo di fare generale delle persone che vogliono dimagrire. In ogni caso sono dei riferimenti per raggiungere uno stile alimentare più regolare.

Abbiamo sottolineato e specificato i “grammi” quando ci poteva essere un equivoco.

In una dieta ad alto contenuto proteico che senso ha di limitarsi con delle mini porzioni. La regolazione sarà automatica con il bisogno di soddisfazione.

Abbiamo risposto e non cestinato per dare modo ad altri di leggere e capire a sua volta.

Le critiche costruttive sono apprezzate sempre.

Sul fatto del tono “aggressivo”, posso assicurare che sono sensazioni personali.

Credo che in ogni caso ci voglia buon senso e leggere con attenzione specie se riguarda ciò che vogliamo metterci in “bocca”. Invece di polemizzare sulla mancanza di grammi, si poteva dire cosa migliorare. Io l’ho letta e l’ho trovata logica.

Al fine di evitare spiacevoli equivoci, abbiamo inserito degli asterischi di richiamo. Chiunque voglia comunicarci dei miglioramenti o delle dritte su questa dieta, lo faccia senza timore di essere sbranato…

io non mangio carne.come posso sostituire la bresaola,tacchino..grazie!

Le proteine della carne possono essere sostituite con alimenti alternativi, a base di leguminose e cereali. Ne sono un esempio la soia e il grano. Sul mercato si trovano cotolette e bistecche a base di soia e seitan. Si tratta di alimenti privi di colesterolo e che spesso sono arricchiti da altri ingredienti.

Legumi: fagioli borlotti, cannellini, ceci e le lenticchie di ogni tipo.

Altre proteine vegetali: derivati da legumi come il Tofu e il Tempeh oppure il Seitan. Granulare di soia, miglio e la quinoa.

Attenzione alle carenze di ferro, un fattore da tenere sempre sotto controllo con apposite analisi. Sostituire la carne nelle dieta è un’impresa che va affrontata con cautela.

Dose giornaliera raccomandata nel caso del ferro è di 10 mg per l’uomo mentre per la donna in post menopausa la dose sale a 15 mg. Per esempio, una tazza di lenticchie cotte ha 6.6 mg di ferro, non dovrete fare altro che leggere l’etichetta della vostra cena e integrare ciò che occorre.

Ottima dieta, equilibrata e dettagliata, consigliata.

Hace un tiempo decidi comenzar una vez mas una dieta, concurri a lo de Ravenna y encontre un tratamiento integral que se fue convirtiendo en un estilo de vida. Me falta mucho y por eso aqui ire dejando huella de mis logros y de mis debilidades. He querido crear este espacio como mi "casita en la web" para ayudar a todos los que estamos en este camino con recetas, consejos y un "oido atento" dispuesto a ayudar! AYUDANDO ENTRE TODOS REAFIRMAMOS NUESTRO COMPROMISO DE UN DIA MAS Y PARA SIEMPRE!

  • Infusión cortada con leche descremada más 1 yogur firme.
  • Caldo Light o sopa crema bajas calorías.
  • Tomate relleno con atún, en colchón de lechuga, y ½ huevo duro.
  • Caldo Light o sopa crema bajas calorías.
  • ½ manzana chica al horno con edulcorante y 1 copete de mermelada Light.
  • Caldo Light o sopa crema bajas calorías.
  • Galantina Light con copete de queso blanco.
  • 1 copa de 120 grs. De ensalada de frutas frescas.
  • Caldo Light o sopa crema bajas calorías.
  • Caldo Light o sopas crema bajas calorías.
  • Caldo Light o sopa crema bajas calorías.
  • Caldo Light o sopa crema bajas calorías.
  • Caldo Light o sopa cremas bajas calorías.
  • Caldo Light o sopa crema bajas calorías.
  • Salteado de verduras con ½ huevo duro.
  • 2 fetas finas de queso de máquina, y 1 de pastrón o jamón cocido desgrasado.
  • programma dietosystem

  • Per ridurre gli eccessi di radicali liberi dovuti allo stress ossidativo generato dalla dieta, Q10 SELEN VIT 1 cps/die (integratore);
  • Sempre utile integrare con WHP OMEGA 3 (acidi grassi poliinsaturi ad alta concentrazione) nella dose di 2 perle al dì (integratore);
  • Utile per depurare l'organismo il DRENANTEN, integratore alimentare a base di estratti vegetali, ottimo drenante dei liquidi corporei.
  • La letteratura Scientifica e la lunga pratica clinica hanno da tempo considerato questa tecnica sicura ed affidabile. Gli effetti collaterali e le complicanze sono assai rare e un loro riscontro è di facile risoluzione da parte del Medico, che certo dovrà attentamente seguire il paziente sia al momento dell’ introduzione del sondino che nei giorni successivi.

    L’introduzione e il trattamento con sondino naso-gastrico è senza dubbio un atto Medico, che richiede la professionalità e lo scrupolo necessario in ogni Medico. Non è però un intervento chirurgico, è possibile anche ambulatorialmente e non richiede sedazione o anestesia.

    Un lieve fastidio è possibile al momento dell’ introduzione del sondino e nei minuti successivi e può concretizzarsi come moderata lacrimazione, senso di corpo estraneo in gola o comparsa di stimolo della tosse. Questi sintomi, comunque non presenti in tutti i Pazienti, scompaiono rapidamente. Già dopo 12-24 ore cessa ogni spiacevole senzazione e la presenza del sondino non è più sgradevolmente percepita.

    Il sondino, fissato alla guancia con una piccola striscia di nastro adesivo, è trasparente, leggerissimo, di piccolo diametro e non ostacola assolutamente lo svolgimento delle normali attività quotidiane. La sacca contenente la soluzione da infondere e la pompa peristaltica, riposte in uno zainetto o in una borsa a tracolla (peso complessivo circa 2 Kg), possono essere temporaneamente e semplicemente staccate dal sondino, ermeticamente chiuso, per poter effettuare mansioni più delicate o per poter svolgere le normali pratiche di igiene personale ( doccia, bagno, ecc… ).

    Hai dubbi? Vuoi approfondire il trattamento? Cerchi un centro o un medico vicino casa tua per inizare a perdere peso con questo trattamento?

    Contattaci ora senza impegno saremo lieti di fornirti tutte le informazioni in merito

    E' OBBLIGATORIO CONSULTARE UN MEDICO CHE VI SEGUIRA' NEI VARI TRATTAMENTI

    Non riesco a dimagrire è sia il nome di un libro molto famoso, sia la pressante esclamazione che molte persone rivolgono al dietologo, o al personal trainer, di turno. Oggi parlerò di entrambe le cose! 🙂

    Il primo caso, quello del libro, è diventato un bestseller sul dimagrimento ed è la dieta più famosa del momento. Il dottor Pierre Dukan , inventore del metodo nonché scrittore del libro, si è prefissato di creare una dieta che tutti possono seguire.

    Il suo metodo è nato quasi per caso, quando un suo paziente andò da lui dicendo le fatidiche parole “dottore, non riesco a dimagrire!”. Poi aggiunse che avrebbe accettato qualunque tipo di dieta purché avesse al suo interno della carne, unico alimento di cui non poteva fare a meno.

    Dukan, riflettendo un paio di secondi e sapendo che le carni non sono poi così tanto caloriche, gli rispose: “Perché non prova a mangiare per una settimana solamente carne magra e bere acqua?”

    Il paziente eseguì e, dopo una settimana, aveva perso 3 chili. Le sue analisi erano perfette e così Dukan gli disse di continuare per un’altra settimana. Dimagrì altri 2 chili e lo trovava molto vispo e allegro!

    Poi gli disse di aggiungere anche la verdura, in quanto era spaventato che la dieta fosse troppo sbilanciata. Il paziente, anche se più lentamente, continuava a dimagrire. Riuscì a farlo arrivare al peso forma e, alla fine, gliene diede una per mantenere il peso.

    Provò poi con altri pazienti con lo steso problema e, come per miracolo, funzionava sempre. Alla fine è riuscito a mettere le informazioni necessarie per creare un metodo adatto a tutti. Sto parlando del famoso metodo in 4 fasi della dieta Dukan.

    Consiste nel mangiare solo ed esclusivamente proteine. Puoi mangiare carne senza grasso (vitello, cavallo, pollame, maiale sgrassato), pesce (tutti escluso il salmone che puoi mangiare solo di rado), frutti di mare, formaggi magri (con meno di 1% di grasso).

    Inoltre vanno bene anche gran parte dei salumi esclusi, ovviamente, porchetta e mortadella e gli altri vanno sgrassati.

    Il tutto per un periodo massimo che va dai 3 ai 10 giorni, a seconda di quanto peso devi perdere: 3 giorni se devi perdere 5 o 6 chili; fino a 10 giorni se sei obeso.

    Consiste nell’aggiungere le verdure alla dieta della prima fase. Ti ritroverai ad alternare un giorno di dieta proteica pura con un giorno di proteica più verdure. Per chi deve perdere molto peso, vanno bene anche alternanze di una settimana.

    Questa fase va avanti fino a quando arrivi al peso forma.

    Il più grande problema del dimagrimento è quello che, molto spesso, si riprende peso velocemente. Per ovviare a questo problema, Dukan ha sperimentato una fase di mantenimento di dieci giorni per ogni chilo perso.

    Quindi, se hai perso 10 chili, la terza fase durerà 100 giorni. Si tratta di una dieta equilibrata dove vengono aggiunti pane e pasta.

    Si effettua a vita e consiste nel fare, ogni giovedì, un giorno di dieta della prima fase ed il resto alimentazione libera.

    Prima di iniziare però, devi necessariamente fare una batteria di analisi complete da mostrare al tuo medico di famiglia per vedere se, specie la dieta della prima fase, sia compatibile con il tuo stato di salute.

    Passiamo ora al secondo caso, quello quello della classica esclamazione che molti spessissimo fanno: “Non riesco a dimagrire. ”. 🙂 Iniziamo col dire che questo problema dipende da alcuni importanti fattori che è bene tu conosca:

  • Quando si fa una dieta, dopo un paio di settimane che hai iniziato, il tuo organismo entra in allarme. Questo perché, il grasso che si accumula era un “sistema preistorico” del nostro corpo per incamerare le riserve da usare nei momenti di carestia. Poi, con la nostra velocissima evoluzione, non siamo riusciti a perdere questo meccanismo ritrovandoci con un corpo preistorico in età moderna… Di conseguenza, una perdita di peso (specie se repentina) mette sempre in allarme l’organismo che pensa di morire di fame ai primi accenni di “carestia”!
  • La sua difesa (dell’organismo) è quella di attuare un veloce calo del metabolismo e un aumento dell’efficacia di assimilazione degli almenti. In pratica: consumerai meno calorie per vivere e ne ricaverai di più dai cibi.
  • Questa è la causa per cui, quando stacchi da un giorno all’altro una dieta (specie se piuttosto rigida), rischi di riprendere velocemente i chili persi.
  • Molti medici sono concordi nel dare due o tre pasti liberi a settimana, proprio per “ingannare l’organismo” e non fargli percepiren, in modo esagerato, che sta perdendo peso.
  • Un ottimo metodo per perdere peso è ovviamente quello di aumentare il metabolismo. Per farlo, una delle tecniche migliori è quella di allenarti con i pesi, perché ti fanno aumentare la massa muscolare che, è risaputo, consuma molte più calorie del grasso corporeo (il quale è una massa inerte che non fa muovere attivamente il corpo, al contrario dei muscoli che invece lavorano sempre).
  • Calcola che i muscoli pesano, a parità di volume, molto di più del grasso. Quindi accade spesso che, quando si va in palestra, specie nel primo mese, si aumenta notevolmente di peso. Questo scoraggia i più che smettono dopo un paio di settimane.
  • Quello che ti consiglio è di andare in palestra se devi perdere un quantitativo modesto di chili (massimo 10/15), o di andarci quando arrivi appunto a 10/15 chili dalla meta. Se vai ad aumentare la massa muscolare pesando 120 chili, ti ritroverai dopo un mese a pesarne anche 130 col rischio di deprimerti! Oltre al fatto che stressi le articolazioni…
  • Detto ciò, devi sapere che perdere peso è un problema soprattutto psicologico! Se non sei motivato a fare una dieta, allora non funzionerà mai!

    allenamento cyclette per dimagrire

    Edema o hinchazon, en los pies, tobillos y piernas es a menudo un signo grave de baja en proteinas. Otro sintoma comun de baja en proteinas es la anemia. Con anemia, la sangre no podran ofrecer el oxigeno necesario para las celulas. La sangre no pueda suministrar el oxigeno necesario, los resultados pueden ser fatales. Si el cerebro es privado de oxigeno durante un periodo de tiempo, una persona puede pasar o incluso morir.

    Questo regime alimentare è una dieta a basso tenore di carboidrati. Si basa su un semplice principio, togliendo al corpo i carboidrati, quest’ultimo ottiene l’energia necessaria per il suo funzionamento dai grassi, assumibili, insieme alle proteine senza alcun limite. Nella prima settimana si riscontra una perdita di peso, variabile dai 2 ai 4 kg, il motivo va ricercato nella minore produzione di insulina, ormone stimolato maggiormente dai carboidrati, nonché principale responsabile dell’ingrassamento, soprattutto se la sua produzione è stimolata da questo macronutriente.

    Consente di smaltire fino a tre chili in sette giorni.

    Colazione: 200 gr di yogurt naturale bianco, tè verde o caffè.

    Pranzo: galletto allo spiedo (senza pelle) oppure alla piastra condito con spezie, rosmarino, o altri aromi a piacere; 100 gr di lattuga o di iceberg, senza condimento.

    Cena: 350 gr di branzino o altro pesce al cartoccio condito con aromi, 100 gr di insalata verde con sale ed un cucchiaino di olio extravergine di oliva.

    Colazione: 100-300 gr di ricotta, caffè espresso o americano, tisana o tè verde.

    Pranzo: 150-300 gr di trota salmonata o altro pesce a piacere, 300 gr di lattuga condita con un pizzico di sale e olio.

    Cena: 100-200 gr di filetto di manzo ai ferri condito con pepe nero e spezie, 300 g di finocchi tagliati a filetti e conditi con olio, pepe e sale.

    Colazione: 10 gr di parmigiano o grana, omelette con un uovo intero, 4 albumi, una manciata di erbette e sale, tisana alle erbe, caffè oppure tè verde.

    Pranzo: 150 gr di bietole lessate condite con poco sale e un cucchiaino di olio extravergine di oliva; petto di pollo; 100 gr di cetrioli.

    Cena: 200 gr di bresaola condita con rucola e scaglie di parmigiano o grana, olio, pepe nero e succo di limone.

    Colazione: 200 gr di yogurt bianco naturale, tè verde o caffè senza zucchero.

    Pranzo: nasello al cartoccio o al vapore con sale, aromi, aglio, e 2-3 gocce di limone; 350 gr di broccoli bolliti; 100 gr di radicchio rosso.

    Cena: 200 gr di spinaci conditi con olio extravergine di oliva e 2-3 gocce di limone; 200 gr di verza in padella con aromi e spezie a piacere; involtini di fesa di tacchino con ripieno di ricotta, scorza di limone, sale, pepe, foglie di menta.

    Colazione: 160 gr di ricotta, con granella di nocciole e cacao amaro; caffè senza zucchero.

    Pranzo: 100 gr di straccetti di manzo con rucola; 300 gr di melanzane; 100 gr di peperoni alla griglia conditi con olio, sale, prezzemolo e aglio.

    Cena: 250 gr di carciofi, 250 gr di cavolfiori all’agro con 2-3 gocce di limone e olio; gamberi alla piastra o al forno con senape o curry.

    Colazione: yogurt bianco naturale con mirtilli, tè verde o tisana senza zucchero.

    Pranzo: millefoglie con pesce, mozzarella, pomodori e melanzane.

    Cena: straccetti di arista di maiale in padella con due pomodorini e aglio, 500 gr di verze bollite.

    Colazione: omelette di frutti di bosco o alla pera, tè verde o caffè non zuccherato.

    Pranzo: galletto alla piastra con aromi a piacere e sale, 300 gr di broccoli o cavolfiore.

    Cena: salmone affumicato con finocchi e rucola, nove asparagi.

    E’ una dieta sconsigliata se si hanno problemi al fegato e ai reni, poiché un consumo eccessivo di alimenti proteici può sovraffaticare questi organi. Si consiglia, quindi, di bere almeno due litri e mezzo di acqua al giorno.

    Tra i cibi ammessi in quanto a basso o zero contenuto di glucidi, ritroviamo:

    Verdure come: asparagi, broccoli, carciofi, cavolo, cavolfiore, cetriolo, cicoria, fagiolini, fave fresche, lattuga, finocchi, funghi freschi, melanzane, olive verdi, ravanelli, rape, scarola, spinaci, pomodori, soia (leguminosa), zucchine e zucca gialla;

    Formaggi come: caciocavallo, crescenza, emmental, fontina, gorgonzola, groviera, mascarpone, mozzarella (anche di bufala), pecorino, parmigiano, ricotta, provolone, scamorza e stracchino;

    Pesce come: alici (anche sott’olio), aragosta, aringa, baccalà, calamari, seppie, polipo, vongole, gamberi, merluzzo, orate, ostriche, trote, pesce spada, sardine, sogliola, salmone, tonno e triglie;

    Carne come: pollo, vitello, manzo, maiale, tacchino e selvaggina;

    Condimenti come: burro, dado, olio (anche extra-vergine d’oliva), limone, aceto, sale ma anche cipolla, aglio, prezzemolo e sedano; bevande come: the, caffè, latte e birra.

    Tra i cibi vietati in quanto ricchi di carboidrati, ritroviamo:

    Pasta, pane(anche integrale), riso, pizza, cracker, dolci, arachidi, datteri, castagne, ceci, lenticchie, fagioli, mostarda, farina (di grano e di frumento), funghi secchi, latte in polvere o condensato, fichi secchi, prugne secche, uva passa e albicocche secche.

    Tra gli alimenti ammessi ma con riserva, cioè quelli che contengono carboidrati ma che servono ad abituare nuovamente l’organismo ad un sistema alimentare “normale”, ritroviamo: patate, barbabietole e bevande come quelle gassate (tipo coca-cola) e vino.

    Il regime alimentare esclusivamente basato su proteine e grassi (assumibili senza alcun limite se non la sazietà poiché dal potere maggiormente saziante rispetto ai carboidrati), comporta la formazione di chetoni, i quali, sviluppati dal consumo dei grassi senza la preseza di glucidi, costringono il fegato ad intensificare la sua attività.

    Muitas dietas se aplicam no efeito de perda de peso, porém muitas vezes a pessoa não perde apenas a gordura, mas como também perde líquidos e massa magra, sendo assim um problema para o desenvolvimento do corpo. Quando a massa magra é eliminada, ao invés da gordura, o corpo pode ficar anêmico e não ter um desenvolvimento muscular proporcionar a quantidade de esforço feito sobre os membros. É comum que aconteça com as pessoas que praticam exercícios, que o corpo ao invés de perder gordura eliminar a massa magra, muitas vezes pelo fato de não seguir uma dieta certa, e juntamente com a prática de exercícios errados.

    A dieta é a mais importante em qualquer questão de saúde, ganho de peso, massa muscular, definição de músculos e até mesmo para o emagrecimento. Por isso, para as pessoas que desejam perder gordura, e assim manter a massa magra do corpo, de uma forma saudável, a melhor forma é optar por uma dieta rica em proteínas, pois essas possuem um efeito poderoso no corpo. As proteínas magras têm capacidade de proporcionar efeito de saciedade, além de proporcionar um efeito termogênese, este por sua vez queima mais calorias para que os nutrientes das proteínas sejam digeridos e absorvidos pelo corpo, fazendo com que assim o metabolismo fique mais acelerado e com um funcionamento mais eficaz na queima de gordura.