dieta ulcer gastroduodenal

dieta della pancia gonfia

La percentuale dei soggetti in condizione di sovrappeso cresce all’aumentare, complice probabilmente una maggior sedentarietà, e tendenzialmente è un problema che affligge in modo maggiore gli uomini rispetto alle donne (sono in sovrappeso il 44% degli uomini contro il 27,3% delle donne, sono obesi il 10,8% degli uomini contro il 9% delle donne).

Questi dati emergono in tutta la loro gravità se pensiamo che un eccesso di peso ponderale è, insieme a sedentarietà, fumo e alcool, uno tra i più importanti fattori di rischio cardiovascolari, responsabile di più di 1000 morti ogni settimana.

Esistono moltissime diete dimagranti, alcune anche corrette ed efficaci, ma spesso non funzionano perché chi le inizia non è costante nel proseguirle. Un programma di mantenimento del peso forma permette a chi è in sovrappeso di perdere peso e di non recuperarlo più.

In quest’articolo spiegheremo come dimagrire e come fare per non riprendere più i chili persi, spiegheremo i principi generali dell’aumento di peso e del dimagrimento: seguendoli e facendo una vita più sana riuscirete a dimagrire. Ci occuperemo inoltre delle cause dell’aumento di peso e dei benefici del dimagrimento, vi insegneremo a dimagrire seguendo una dieta sana e facendo esercizio fisico e vi daremo alcuni consigli per iniziare.

Per dimagrire davvero serve costanza (http://www.flickr.com/photos/sharpchick/2041409554/sizes/m/in/photostream/)

Gli uomini preistorici, se ingrassavano, non potevano che essere felici! Ingrassare, infatti, era l’unico modo per proteggersi dalla morte per fame in caso di carestia.

  • Se i nostri antenati mangiavano più del necessario, gli alimenti in eccesso si trasformavano in grasso depositato nel loro organismo,
  • se invece mangiavano meno del necessario, il loro organismo convertiva il grasso immagazzinato in energia.
  • Al giorno d’oggi i nostri frigoriferi e gli scaffali dei supermercati sono pieni di cibo, quindi non abbiamo bisogno di usare il nostro organismo come una dispensa! Molte persone vogliono dimagrire solo per una questione estetica, ma la motivazione corretta dovrebbe essere il raggiungimento di un migliore stato di salute. Il sovrappeso o l’obesità, infatti, sono associati a un aumento del rischio di patologie cardiache, diabete, artrite e alcuni tipi di tumore.

    Gli alimenti che mangiamo sono una fonte di energia, esattamente come la benzina per le macchine. Il nostro organismo usa l’energia per tenere costante la temperatura corporea, per muoversi e per mantenere in efficienza le sue varie funzioni, come il battito cardiaco.

    L’unità di misura dell’energia è la caloria.

  • 1 grammo di carboidrati o zuccheri corrisponde a 4 calorie,
  • 1 grammo di proteine corrisponde a 4 calorie,
  • 1 grammo di grassi corrisponde a 9 calorie.
  • Si sviluppano sovrappeso e poi obesità quando si introducono nell’organismo più calorie rispetto a quelle effettivamente necessarie: la caloria è l’unità di misura dell’energia introdotta con gli alimenti, energia di cui l’organismo ha bisogno per funzionare ed essere attivo. Se tuttavia si assume più energia di quanta effettivamente se ne usa, si finisce per ingrassare.

    Il fabbisogno calorico dipende da diversi fattori, ad esempio da

  • livello di attività fisica svolto (per lavoro e/o per hobby),
  • I bambini hanno bisogno di più energia per unità di peso corporeo rispetto agli adulti, perché devono crescere. Un uomo di 90 kg ha bisogno di più energia rispetto a un altro che pesa solo 70 kg. Un muratore ha bisogno di più energia rispetto a un impiegato della stessa età, dello stesso sesso e con la stessa corporatura.

    Anche per persone della stessa età, della stessa corporatura e con lo stesso livello di attività, potrebbero essere necessarie diverse quantità di calorie al giorno, per via delle differenze nel metabolismo; chi ha un metabolismo più veloce ha bisogno di più calorie al giorno.

    I carboidrati sono contenuti negli alimenti che contengono zuccheri o amidi. Tra di essi ricordiamo

    Le proteine sono fondamentali per l’organismo e sono contenute in:

    I grassi sono il principio nutritivo maggiormente calorico e sono contenuti principalmente in:

    Sono essenzialmente tre le cause per cui, smettendo di fumare, si aumenta di peso:

  • La nicotina presente nelle sigarette accelera il metabolismo, ossia aumenta la quantità di calorie che il corpo utilizza a riposo in modo piuttosto significativo (dal 7 al 15%): senza sigarette il corpo brucerà quindi meno calorie e, a parità di dieta, si tenderà ad aumentare di peso.
  • Le sigarette riducono l’appetito, quindi smettendo si tende in genere a sentire più fame.
  • Il fumo è una (brutta) abitudine; quando si dice basta è possibile sentire la necessità e/o il desiderio di compensare la perdita con cibi grassi e dolci (ad alto contenuto calorico).
  • Ma vale la pena ricordare perchè conviene comunque smettere:

  • Cuore e polmoni saranno più forti e più protetti da malattie cardiovascolari e tumorali; non è mai troppo tardi per smettere.
  • Capelli e vestiti non odoreranno più di fumo.
  • Si risparmiano un sacco di soldi ogni settimana.
  • Se si è in sovrappeso od obesi aumenta il rischio di:

    Il peso eccessivo non è l’unico rischio per la salute, infatti anche la zona dell’organismo in cui si accumula il grasso riveste una certa importanza:

    cosa mangiare per dimagrire tre chili

    Raffaello Zizzo, autore amico della Redazione di Scienza e Conoscenza, svela i primi 3 dei 5 segreti per perdere peso in modo intelligente, con l'obiettivo di avere una linea perfetta e, soprattutto, mantenerla!

    Raffaello Zizzo, autore amico della Redazione di Scienza e Conoscenza, svela i primi 3 dei 5 segreti per perdere peso in modo intelligente, con l'obiettivo di avere una linea perfetta e, soprattutto, mantenerla!

    Perdere peso facilmente è possibile! Secondo la mia esperienza ogni persona (che lo vuole veramente) in poco tempo può decidere di trasformare il proprio corpo in un corpo meraviglioso, ovvero sano, energico, tonico e in perfetto peso forma.

    Ti dimostrerò come in poche settimane (ne bastano 2-3) puoi iniziare a depurarti, perdere peso, sgonfiarti e stare meglio.

    Hai mai seguito una dieta? Molto probabilmente si. Hai avuto risultati duraturi? Molto probabilmente no. Stai tranquillo/a, come te anche il 73% delle persone che ha iniziato a seguire una dieta ha ottenuto lo stesso deludente risultato.

    Riflettiamo insieme un attimo: pensa per un istante al bombardamento mediatico e pubblicitario cui siamo quotidianamente sottoposti che ci garantisce l'efficacia della nuova dieta dell'anno oppure di creme snellenti (o, come diceva qualcuno, “sciogli pancia”); o ancora “pillole magiche” che in pochi giorni ti fanno dimagrire e tornare in linea perfetta! Per non parlare di attrezzi ginnici miracolosi sponsorizzati in televendite che ti fanno perdere peso con soli 3 minuti al giorno di allenamento.

    Immagina che se anche una sola di queste soluzioni avesse funzionato, il problema dell'eliminazione del sovrappeso sarebbe già stato risolto da tantissimo tempo. E invece siamo ancora qui a cercare una soluzione!

  • le pillole nel 90% dei casi fanno più male che bene
  • le creme miracolose, non sono poi così miracolose
  • gli attrezzi ginnici televisivi dopo un mese diventano dei favolosi appendi abiti
  • ma soprattutto che le DIETE NON FUNZIONANO!
  • È proprio qui che sta il problema ed è proprio all'interno del problema che si trova la soluzione. Ma prima di arrivare alla soluzione andiamo per gradi. Perché le diete non funzionano? Perché l'idea di metterci a dieta ci fa sentire in gabbia! Ti piace l’idea di stare in gabbia? Sicuramente no! Secondo te puoi mai essere in salute quando sei in gabbia? Non puoi più mangiare tanto quanto desidereresti mangiare.

    Al contrario quando non sei a dieta, puoi mangiare tutto quello che vuoi e senza avere neanche i famosi sensi di colpa. Rispondi a questa domanda: è vero o non è vero che nel momento in cui dici a te stesso “Sono a dieta, non posso mangiare tutto quello che voglio, non devo mangiare questo o quello” stai compiendo un sacrificio?

    Questo è il motivo per il quale quando sei a dieta, ti ritrovi a essere perennemente affamato! Ti è mai successo? Credo proprio di si. Inconsciamente ti ritrovi ad affrontare uno stato di perenne infelicità (intesa come conflitto) perché non puoi mangiare quando vuoi; quando invece arriva il “pasto”, continui a essere infelice perché ne devi mangiare poco.

    Quando ti metti a dieta, inconsciamente si viene a creare una vera e propria forma di schizofrenia. Metà del tuo cervello pensa “sono grasso, brutto e non mi sento bene” mentre – nello stesso istante – l'altra metà dice “quanto mi piacerebbe mangiare di tutto”.

    Al contrario, quando non sei a dieta, può anche accadere in alcuni giorni di “saltare” il pasto (magari quando hai impegni lavorativi e non hai nemmeno un secondo di pausa), ma non ti capita di avvertire nessun senso di vuoto e nessun senso di fame.

    Tutto questo per dire che: il risultato ottenuto da molte diete è prettamente l'effetto contrario ovvero quello di rendere il cibo ancora più desiderabile.

    Ma, a questo punto, l'altra domanda che sorge spontanea è la seguente: perché nel 73% dei casi le persone riprendono velocemente peso (di solito nei primi 3 mesi) appena hanno terminato una dieta? Perché le tante e “tostissime” settimane di dieta (che sono sembrate mesi e mesi di duro sacrificio quasi fantozziano), di disciplina e privazioni varie di colpo finiscono e tu diventi un essere libero che esce dalla gabbia delle privazioni alimentari.

    Il concetto fondamentale da tenere ben presente è che, se devi perdere peso, devi avere il giusto “metodo” per perdere peso. Devi avere la così detta “chiave” giusta! E nell'alimentazione la “chiave” giusta è data dalle abitudini alimentari! È quindi fondamentale fare subito una distinzione tra mangiare bene e mangiare male. Mangiare bene è un piacere. Mangiare male equivale a prendere peso e a peggiorare il proprio stato di salute.

    Vedi, il problema è che le nostre attuali credenze alimentari si sono sviluppate per lo più a livello inconscio. Ad esempio ti sei mai fermato a pensare se le informazioni che ricevi sono veramente utili al raggiungimento del tuo corretto peso forma e della tua salute?

    O magari c’è dietro un meccanismo di marketing che spinge le persone ad acquistare una soluzione veloce, ma inefficace, per perdere peso o per diminuire la pancia? In realtà sai da cosa dipende la salute del tuo corpo? Dalla salute delle tue cellule!

    Per far lavorare correttamente le cellule abbiamo bisogno di tre cose: ossigeno, acqua, eliminazione delle scorie. L’ossigeno è la nostra principale fonte di energia. L’acqua che si trova all’interno delle cellule viene utilizzata sia direttamente per la scissione delle sostanze, che come veicolo per le reazioni chimiche e la diffusione e osmosi degli elementi. E in ultimo abbiamo la capacità di eliminare le scorie.

    Ogni volta che mangi pensa: questo alimento mi fa bene (e quindi mi dona energia e mi permette di eliminare le tossine) o mi avvelena e crea nel mio corpo pancia, grasso e cellulite?

    La programmazione unita al buon senso ti permetteranno di raggiungere una duratura perdita di peso e un corpo tonico e pieno di energia! Programmare significa lavorare per obiettivi.

    Lavorare seguendo il buon senso significa adottare da subito delle corrette abitudini alimentari. Questi due passaggi sono fondamentali per poter perdere pancia, grasso o cellulite.

    In questi tanti anni ho avuto la fortuna di allenare tantissime persone (circa 40.000) e con il tempo l'esperienza mi ha portato alla pianificazione di questa formula in 7 passi per fissare i tuoi obiettivi e per avere facilmente successo.

  • Decidi esattamente cosa vuoi e mettilo per iscritto in ogni suo dettaglio. Quanti kg vuoi perdere? Sii obiettivo e sincero (scrivilo).

    Se avrai metodo e sarai costante, raggiungerai sicuramente il tuo obiettivo e molto prima di quanto tu possa pensare (addirittura prima di 3/4 settimane). Vedrai che sarà favoloso e ti sentirai immensamente gratificato quando ti accorgerai che i vestiti ti stanno troppo larghi e dovrai fare qualche buco in più alla cintura dei pantaloni.

    Clicca qui per scoprire gli ultimi due segreti tratti da MANGIA E PERDI PESO - Inserto Speciale n.8 di Scienza e Conoscenza. E se proprio non puoi aspettare. iscriviti alla newsletter e scarica subito il mio Ebook Omaggio!

    oppure accedi alla tua Area MyMacro e scarica tutti i tuoi omaggi speciali!

    l'ebook e l'articolo sono opera di Raffaello Zizzo e pubblicati da Scienza e Conoscenza.

    I 13 consigli per dimagrire sono stati messi a punto con la consulenza di Valentina Chiozzi, Biologa Nutrizionista, e di Gabriele Piuri, dottorando di ricerca in nutrizione sperimentale e clinica, entrambi dell’equipe di Attilio Speciani, direttore scientifico di www.eurosalus.com. (leggi anche: la dieta della gravidanza, giorno dopo giorno)

    Dimagrire non significa seguire una dieta per poche settimane e poi darsi di nuovo alla pazza gioia. Per dimagrire davvero occorre individuare le abitudini sbagliate, modificarle e mantenerle nel tempo, anche dopo aver raggiunto l’obiettivo. Se non si cambia stile di vita, i chili persi si riprendono facilmente e in breve si torna al punto di prima, con un effetto ‘yo-yo’ che non finisce mai.

    Tutti ci dicono di fare attività fisica se vogliamo dimagrire. È verissimo, ma quale e come? Ultimamente è tanto di moda la zumba: è uno sport di tipo aerobico, che consente di consumare parecchie calorie divertendosi, ma bisogna vedere se è adatto alla propria costituzione.

    L’attività fisica va personalizzata in base alle proprie condizioni: se per alcune potranno andar bene i lavori aerobici prolungati, come lo step, la corsa o appunto la zumba, per altre saranno indicati lavori brevi e più intensi, per altre ancora sarà importante lavorare prima sulla massa muscolare, con pesi e attrezzi, e poi sul dimagrimento.

  • dieta in menopausa con ipotiroidismo

    Per dimagrire velocemente devi eliminare dalla tua dieta anche l’olio di origine industriale. Molte sono le varietà di oli vegetali come quello di mais oppure di soia, che causano l’aumento dello stress ossidativo nell’organismo, perché si tratta di oli sensibili all’ossidazione. Alcune tipologie di oli vegetali industriali, inoltre, sono collegati all’aumento del rischio di tumore.

    L’olio da scegliere per i propri condimenti, è quello extravergine d’oliva, olio di cocco, olio biologico naturale e olio di avocado.

    Una dieta sana e corretta, non prevede il consumo di patatine fritte e patatine confezionate. Sebbene le patate siano un alimento sano, quelle fritte oppure quelle in busta non lo sono affatto, e quindi, devono essere evitate per perdere perso. Le patatine fritte presentano un’enorme quantità di calorie, che vanno a compromettere la perdita di peso.

    Se ti sei messo a dieta, devi eliminare dalla tua alimentazione la margarina, in quanto si tratta di un prodotto surrogato artificiale, che non ha niente in comune con il burro. Dunque, la margarina è considerata un olio idrogenato, che presenta sostanze industriali e grassi nocivi per la salute.

    Un altro alimento da bandire dalla tua alimentazione per la perdita di peso, è lo sciroppo di agave, che contiene fruttosio proveniente dai dolcificanti artificiali. Quindi di salutare non c’è assolutamente niente. E’ preferibile assumere miele.

    Ovviamente, per perdere peso, nella tua dieta dimagrente non devi inserire dolci di qualsiasi tipo. Quindi, evita di mangiare farine raffinate, grassi e zuccheri. Infatti, questi non sono altro che alimenti molto dannosi e meno salutari per condurre una dieta veloce.

    Per perdere peso efficacemente, non devi assolutamente mangiare alcuni tipi di yogurt. Anche se si tratta di un prodotto ricco di benefici per la salute, alcuni tipi di yogurt sono ricchi di zuccheri, che non fanno altro che compromettere il loro effetto benefico.

    Un altro alimento da escludere per il dimagrimento, è il gelato soprattutto quelli confezionati. Infatti, il gelato presenta al suo interno moltissimi zuccheri e dolcificanti artificiali ricchi di calorie inutili.

    Una dieta più sana, non prevede l’assunzione di carni di tipo industriale. Infatti, carni in scatola, carni confezionate e di ogni altro tipo, sono piuttosto dannose per la nostra salute. È preferibile consumare carne naturale e condita con prodotti naturali, evitando le salse, che oltre a essere molto caloriche, sono nocive per l’organismo.

    Se stai a dieta, devi porre maggiore attenzione anche ai formaggi, perché quelli di tipo industriale non fanno altro che rovinare i propri piani di dimagrimento. Solitamente, si consiglia di consumare moderatamente i latticini. Nella propria dieta è possibile includere i latticini naturali, tuttavia i prodotti industriali come i formaggini, le sottilette e i formaggi spalmabili risultano essere piuttosto nocivi per la dieta, ma anche per la salute. Questo perché sono ricchi di ingredienti artificiali non salutari.

    Dunque, per iniziare a fare una dieta devi iniziare a mangiare sano, eliminando dalla tua alimentazione tutti i prodotti non salutari, e leggendo soprattutto le etichette di ogni alimento che acquisti.

    Come perdere peso rapidamente? Cosa Evitare? – Perdere peso in poco tempo preferendo gli alimenti giusti e abbinando alla propria alimentazione l’attività fisica, è davvero possibile!

    La prova costume è vicina, per questo motivo se vuoi dimagrire efficacemente in poco tempo, è importante per te impegnarti assolutamente sia dal punto di vista sportivo che alimentare. Scegliere cibi sani nella propria dieta, è la scelta migliore da fare per perdere i chili in eccesso in breve tempo.

    Naturalmente, una dieta sana e corretta non prevede digiuni, ma per dimagrire bisogna avere costanza, voglia di fare attività fisica e grande forza di volontà. Per mangiare bene e dimagrire con efficacia, inoltre, devi prestare molta attenzione a quello che metti nel tuo piatto.

    In che modo possiamo strutturare una dieta corretta? Innanzitutto, dobbiamo mettere nero su bianco tutti gli alimenti che consumiamo solitamente, dividendoli in liste diverse, ovvero cibi sani e cibi non sani.

    Dopo che hai stilato la tua lista, devi eliminare quella dove sono contenuti i cibi non sani, in modo da assumere soltanto quelli sani e che ti permettano di dimagrire. Una dieta sana e corretta, dunque, si basa sull’assunzione di cibi sani e poco calorici.

    Innanzitutto, se vuoi dimagrire per davvero, devi iniziare a prestare attenzione anche a quello che bevi durante il giorno. Infatti, per dimagrire, devi assolutamente bandire dalla tua dieta le bibite zuccherate e gassate.

    Questo perché, le bevande contengono zucchero, che è il nemico più nocivo per il peso forma. Devi sapere che, il nostro organismo non percepisce le bevande zuccherate come cibo, quindi, quello che bevi, non ti lascia la sensazione di sazietà. Ma vai soltanto a introdurre calorie inutili per la tua dieta.

    Per perdere peso, dunque, devi preferire acqua e tisane non zuccherate. Se durante il periodo estivo non riesci assolutamente a bere solo acqua, puoi aromatizzarla con del limone, menta ed erbe aromatiche.

    Uno dei cibi più nocivi per il peso forma, che devi assolutamente eliminare dalla tua dieta, è la pizza. Puoi mangiare solo quella preparata con farina integrale biologica e ingredienti freschi. Come ben sappiamo, la pizza non è un cibo salutare, in quanto nella sua preparazione vengono utilizzati alimenti raffinati di tipo industriale, che non fanno altro che influire negativamente sulla perdita di peso.

    Tra i vari cibi da eliminare dalla tua dieta per perdere peso, ci sono i succhi di frutta, che sono davvero nocivi sia per la salute che per il peso. Infatti, non si tratta di prodotti salutari, come spesso molti credono, ma sono bevande piene zeppe di zucchero. In molto, infatti, credono che i succhi di frutta facciano bene perché contengono vitamine, ma non è assolutamente così, perché il loro effetto benefico viene annullato dalla quantità di zucchero presente in essi.

    Il pane è un altro alimento da evitare assolutamente se stiamo seguendo una dieta dimagrante. Infatti, il pane prodotto a livello industriale deve essere evitato perché viene preparato con farine raffinate, che ovviamente non contengono le sostanze nutritive per l’organismo, come quelle che invece sono contenute negli alimenti integrali. Dunque, quelle del pane non sono altro che calorie prive di valori aggiunti, che vanno soltanto a creare scompensi nel livello di zucchero generando, oltretutto, attacchi di fame improvvisi. Per seguire una dieta sana e corretta, ti consiglio di assumere pane realizzato con farine biologiche.

    Per dimagrire velocemente devi eliminare dalla tua dieta anche l’olio di origine industriale. Molte sono le varietà di oli vegetali come quello di mais oppure di soia, che causano l’aumento dello stress ossidativo nell’organismo, perché si tratta di oli sensibili all’ossidazione. Alcune tipologie di oli vegetali industriali, inoltre, sono collegati all’aumento del rischio di tumore.

    L’olio da scegliere per i propri condimenti, è quello extravergine d’oliva, olio di cocco, olio biologico naturale e olio di avocado.

    Una dieta sana e corretta, non prevede il consumo di patatine fritte e patatine confezionate. Sebbene le patate siano un alimento sano, quelle fritte oppure quelle in busta non lo sono affatto, e quindi, devono essere evitate per perdere perso. Le patatine fritte presentano un’enorme quantità di calorie, che vanno a compromettere la perdita di peso.

    Se ti sei messo a dieta, devi eliminare dalla tua alimentazione la margarina, in quanto si tratta di un prodotto surrogato artificiale, che non ha niente in comune con il burro. Dunque, la margarina è considerata un olio idrogenato, che presenta sostanze industriali e grassi nocivi per la salute.

    Un altro alimento da bandire dalla tua alimentazione per la perdita di peso, è lo sciroppo di agave, che contiene fruttosio proveniente dai dolcificanti artificiali. Quindi di salutare non c’è assolutamente niente. E’ preferibile assumere miele.

    Ovviamente, per perdere peso, nella tua dieta dimagrente non devi inserire dolci di qualsiasi tipo. Quindi, evita di mangiare farine raffinate, grassi e zuccheri. Infatti, questi non sono altro che alimenti molto dannosi e meno salutari per condurre una dieta veloce.

    Per perdere peso efficacemente, non devi assolutamente mangiare alcuni tipi di yogurt. Anche se si tratta di un prodotto ricco di benefici per la salute, alcuni tipi di yogurt sono ricchi di zuccheri, che non fanno altro che compromettere il loro effetto benefico.

    Un altro alimento da escludere per il dimagrimento, è il gelato soprattutto quelli confezionati. Infatti, il gelato presenta al suo interno moltissimi zuccheri e dolcificanti artificiali ricchi di calorie inutili.

    nuoto e alimentazione per dimagrire

    Basta ridurre drasticamente i carboidrati ed eliminare il sale e si perde peso velocemente: già nel giro di 3-4 giorni si perdono 3 kg, di cui 500 circa di carboidrati che erano stivati nei muscoli e nel fegato, e 2,5 kg di acqua extracellulare che serviva per mantenere costante la concentrazione del sodio. Se la dieta è anche ipocalorica (e in genere lo è. Altrimenti che dieta è. ), a questi kg si aggiungono anche 0,5-1 kg di grasso. Mangiare meno significa avere l'intestino mediamente più vuoto. Altri 0,5 kg.

    Il risultato è il seguente: la perdita di peso nella prima settimana è eccezionale, e può arrivare a 4-5 kg.

    Ovviamente un soggetto che mangia giustamente salato ed è in sovrappeso solo di qualche kg non perderà peso altrettanto velocemente. Comunque, tale perdita di peso è assolutamente fittizia. Dopo la prima settimana, si perde solo il grasso e, se la dieta è troppo restrittiva e senza attività fisica, anche i muscoli. Dunque, dopo la prima settimana la velocità di dimagrimento torna ad essere di 1 kg la settimana, e può arrivare a 2 solo se il soggetto è in sovrappeso di molti kg. Ovviamente, quando il soggetto torna ad assumere una quantità normale di sale e ripristina il glicogeno muscolare, recupererà almeno 2-3 kg: per questo motivo la velocità di dimagrimento iniziale deve essere considerata fittizia.

    I dati appena esposti, ricavati da considerazioni teoriche sulla fisiologia umana, sono confermati dalla nostra esperienza sul campo: il nostro servizio di catering dietetico a domicilio Diet to go consente una perdita di peso effettiva di 2 kg per le donne e di 3-4 kg per gli uomini, in due settimane e senza utilizzare alcun trucco di quelli sopra esposti (i nostri menù contengono la giusta quantità di sale e di carboidrati).

    Alcuni soggetti maschi in sovrappeso di più di 10 kg hanno perso peso molto velocemente nelle prime due settimane, alcuni dimagrendo fino a 7 kg e soprattutto non riprendendo più i kg persi. Si tratta di eccezioni, soggetti sostenuti da un metabolismo molto attivo nella mobilizzazione dei grassi in risposta ad un abbassamento delle calorie. Se utilizzassimo questi dati per promuovere il servizio cadremmo vittima degli "errori" dei promotori dei vari prodotti per dimagrire: si utilizza un dato eccezionale facendo credere che possa funzionare con tutti.

    Tutti gli esperti sono più o meno d'accordo nel considerare in un kg la settimana la massima velocità di dimagrimento a regime. Nella prima settimana, massimo nelle prime due, si possono anche perdere più kg, ma poi se si riesce a mantenere per alcune settimane consecutive l'obiettivo di un kg alla settimana ci si deve considerare fortunati. Infatti non tutti riescono a mantenere questo ritmo e non è nemmeno auspicabile farlo, per i motivi che espongo nel video che trovate qui.

    Facendo i conti si può facilmente risalire a questo famigerato kg alla settimana: un kg di grasso corporeo contiene dalle 5000 alle 7000 kcal (perché non è grasso puro: lega a sé una certa quantità di acqua che durante il dimagrimento viene perduta anch'essa), dunque per perderlo in una settimana bisogna riuscire a generare un deficit calorico circa equivalente. E la cosa non è per niente semplice: si tratta infatti di tagliare dalle 700 alle 900 kcal al giorno. Cosa che per molti (soprattutto molte donne) è semplicemente impossibile.

    Le calorie del cioccolato: che sia fondente, al latte o bianco poco cambia dal punto di vista calorico. Purtroppo non esiste il cioccolato che fa dimagrire ma lo si può integrare in una dieta, scopriamo come.

    Il formaggio di alpeggio o di malga viene prodotto in estate durante i pascoli alpini.

    Tutto sul cioccolato: la lavorazione, le tipologie, i valori nutrizionali e le calorie.

    Il cioccolato di Modica: un processo a basse temperature fa di questo cioccolato un prodotto unico nel suo genere.

    Dopo aver condiviso qui sul blog il metodo con cui sono riuscito a dimagrire velocemente (10 Kg in tre mesi) e mantenere il peso forma nei due anni successivi ho ricevuto una miriade di email con la stessa domanda:

    OK, quello che dici ha senso, ma cosa cucini? Quali sono le tue ricette?

    Ho così deciso di condividere le ricette che utilizzavo più spesso. In questo articolo troverai:

  • Un riepilogo della dieta che ho seguito per perdere peso.
  • L’elenco completo degli ingredienti che ho utilizzato e il motivo per cui ho scelto tali ingredienti (e scartato altri, come la soia o l’olio di semi).
  • L’elenco completo degli utensili da cucina necessari (ben pochi a dire il vero).
  • Le scuse più comuni inventate da chi vorrebbe provare la dieta ma alla fine rinuncia e la mia risposta a ciascuna di queste scuse.
  • Come “rilassare” la dieta una volta che si sono persi i chili di troppo in modo da mantenere un regime alimentare sostenibile ma che al contempo ti permetta di non riacquistare i chili di troppo. Perché, come sa bene chi ci ha provato, perdere peso è facile. Il difficile è restare magri!
  • Un e-book con l’elenco completo delle ricette che ho utilizzato. Scarico subito iscrivendoti alla newsletter utilizzando questo modulo:
  • Mettiamo subito in chiaro le cose: io non ho inventato niente. Mi sono piuttosto ispirato a “Quattro ore alla settimana per il tuo corpo (4 Hour Body)” di Tim Ferriss, un libro che raccomando a chi voglia approfondire il tema.

    A dire il vero neanche gli autori di questi libri hanno inventato niente. Hanno però avuto il merito di ricompilare informazioni già note, testarle con successo in prima persona, e farle conoscere al grande pubblico (si tratta di due best-sellers, anche se il secondo è un e-book).

    Ecco la dieta (da seguire sei giorni a settimana):

  • Non puoi mangiare nessun alimento processato (fritti, biscotti, zuccheri, bibite, alcool, eccetera).
  • Non puoi mangiare carboidrati bianchi (pane, pasta, riso e patate).
  • Non puoi mangiare frutta o latticini.
  • Il settimo giorno della settimana (io preferivo il venerdì) sfondati di porcherie (pizze, cioccolati, biscotti; è permesso persino l’hamburger di McDonald).
  • Qui trovi le ragioni del perché questa dieta funziona e la maniera migliore per monitorare i tuoi progressi.

    Io tento sempre di rispettare gli orari seguenti:

    Chiaramente i tuoi ritmi possono essere differenti, l’importante è non mangiare fuori pasto.