dieta para perder peso fitness

prodotti chimici per dimagrire

La dieta Scardale ha alcanzado gran fama por ser una dieta que cuenta con una primera fase en la que es posible perder mucho peso en poco tiempo y una segunda fase menos restrictiva para mantenerse en el peso ideal.

¿Pero realmente las dietas en proteínas para bajar de peso son tan efectiva como dicen? ¿Cuánto se baja con la dieta Scardale? Te lo contamos todo sobre esta dieta al completo a continuación…

Podríamos resumirla como una dieta disociada e hipocalórica pero ¿funciona para perder peso?, ¿es saludable?

El autor de esta dieta es el cardiólogo Dr. Herman Tamower y se caracteriza por ser una dieta disociada que potencia las proteínas y que se basa en una restricción calórica de 1000 calorías por día. Cuenta con dos fases muy diferenciadas, una primera fase de shock y otra de mantenimiento.

La primera fase dura 14 días y no puede alargarse más allá de este periodo debido a que es altamente restrictiva, por lo tanto estamos hablando de una dieta reservada para personas adultas, sanas y con poca actividad física.

Deben evitar la dieta Scardale todas aquellas personas con requerimientos especiales: enfermos, embarazadas, adolescentes en época de crecimiento…etc.

El punto fuerte de esta dieta es el peso que se puede perder durante los primeros 14 días, un promedio de medio kilo cada 24 horas, lo que supondría un total de 7 kilos. No obstante, cada persona posee un metabolismo distinto y no se puede generalizar.

Los 14 días que constituyen esta primera fase se caracterizan por muchas restricciones dietéticas, es decir, que nos quita bastantes alimentos de nuestro menú, lo que lleva a un bajo aporte calórico, por este motivo es muy importante que no se realice ejercicio físico regular ni intenso durante su aplicación.

En la primera fase se deben seguir las siguientes reglas básicas:

  • Únicamente se comerá tres veces al día
  • Se deberán beber 2 litros de agua al día
  • Se pueden tomar bebidas como café, té o infusiones sin azúcar y sin leche
  • Únicamente se puede cocinar aderezando con limón y vinagre
  • No está permitido utilizar aceite de oliva ni mantequilla
  • La carne debe ser magra y tomarse sin piel
  • No se debe añadir a la comida ningún tipo de condimento
  • Se debe comer exactamente lo indicado
  • Con el menú semanal que te exponemos a continuación podrás conocer con claridad qué se debe comer en la primera fase de la dieta Scardale. Como podrás observar, el desayuno no varía.

  • Desayuno : Medio pomelo o una pieza de fruta. 1 rebanada de pan proteico. Té o café
  • Almuerzo : Surtido de fiambres magros (pavo, pollo, jamón…). Tomates asados. Té o café
  • Cena : Pescado o marisco. Ensalada verde. 1 rebanada de pan alto en proteínas. 1 pieza de fruta
  • Desayuno : Medio pomelo o una pieza de fruta. 1 rebanada de pan alto en proteínas. Té o café
  • Almuerzo : Macedonia de frutas. Té o café
  • Cena : Hamburguesa magra a la parrilla. Lechuga, tomate o pepino en abundancia
  • Desayuno : Medio pomelo o una pieza de fruta. 1 rebanada de pan alto en proteínas. Té o café
  • Almuerzo : Atún o salmón a la plancha. 1 pieza de fruta. Té o café
  • Cena : Cordero. Lechuga, tomate, pepino y apio.
  • Desayuno : Medio pomelo o una pieza de fruta. 1 rebanada de pan alto en proteínas. Té o café
  • Almuerzo : 2 huevos. Requesón bajo en grasa. Calabacín. 1 rebanada de pan tostado. Té o café
  • Cena : Pollo asado sin piel. Espinacas en abundancia
  • Desayuno : Medio pomelo o una pieza de fruta. 1 rebanada de pan alto en proteínas. Té o café
  • Almuerzo : Surtido de rebanadas de queso. Espinacas. 1 tostada de pan. Té o café
  • Cena : Pescado o marisco. Ensalada verde. 1 rebanada de pan tostado
  • Desayuno : Medio pomelo o una pieza de fruta. 1 rebanada de pan alto en proteínas. Té o café
  • Almuerzo : Macedonia de frutas. Café o té
  • Cena : Pavo asado sin piel. Ensalada de tomates y lechuga. 1 pieza de fruta
  • Desayuno : Medio pomelo o una pieza de fruta. 1 rebanada de pan alto en proteínas. Té o café
  • Almuerzo : Pollo o pavo. Tomates asados. Té o café
  • prodotti per dimagrire cosce

    In generale, gli alimenti con bassi valori di GI sono digeriti e assorbiti in maniera più lenta. Quelli con elevati valori vengono assorbiti rapidamente.

    La dieta dell’indice glicemico e le altre diete commerciali che si basano sull’ IG forniscono diverse raccomandazioni per la dimensione delle porzioni e per il consumo di grassi e proteine. Non sempre, causa la fretta di raggiungere i risultati, queste raccomandazioni vengono seguite.

    Gli studi sui benefici delle dieta a basso indice glicemico hanno dato risultati contrastanti.

    Nel 2013, 23 studi clinici pubblicati sul basso indice glicemico e il basso carico glicemico, sono stati revisionati dai ricercatori. Essi hanno concluso che le diete erano

    efficaci quanto le altre alternative alimentari che inducono la perdita di peso.

    Quattro studi basati su diete a basso indice glicemico o diete a basso contenuto GL hanno dato statisticamente significativi miglioramenti nella perdita di peso, rispetto ad altre diete.

    In dieci studi i miglioramenti sono lievi. Non un miglioramento statisticamente significativo di perdita di peso.

    Inoltre i ricercatori hanno analizzato studi clinici confrontando due o più diete speciali alle varie linee guida dietetiche di diversi Paesi. Erano compresi l’American Diabetes Association e l’EASD (Associazione Europea per lo Studio sul Diabete). I risultati hanno mostrato che le diete a basso contenuto di carboidrati e le diete mediterranee danno migliori risultati per la perdita di peso, rispetto alle diete a basso indice glicemico. La nostra buona, sana, equilibrata dieta mediterranea comprende: olio d’oliva, legumi, cereali integrali, frutta, verdura e modeste quantità di carne e latticini.

    Un studio ad ampio spettro pubblicato nel 2010, ha seguito 773 partecipanti che avevano perso peso con una dieta a basso contenuto calorico. Durante i sei mesi successivi a questa perdita di peso, le persone che avevano seguito una dieta a indice glicemico basso o una dieta ricca di proteine erano più propense a seguire la loro dieta e non avevano riacquistato il peso che avevano perso. Tutto questo rispetto a chi invece aveva seguito una dieta ad alto contenuto glicemico e basso apporto di proteine.

    Il trattamento delle persone con diabete ha l’obiettivo di mantenere dopo il pasti, livelli medi di glucosio che siano più vicini possibile ai livelli di sicurezza. Questo stretto controllo serve per prevenire o rallentare lo sviluppo di complicazioni date dalla malattia.

    Alcuni studi clinici hanno dimostrato che un regime dietetico che limiti molto i cibi ad alto indice glicemico può aiutare le persone che soffrono di diabete. Sebbene gli effetti osservati, potrebbero essere attribuiti al basso contenuto calorico e all’alto contenuto di fibre delle diete prescritte nello studio.

    Le verifiche effettuate per valutare l’impatto delle diete a basso IG sul colesterolo hanno evidenziato in modo importante che possono abbassare il colesterolo totale. Sembra infatti che le lipoproteine a bassa densità (il colesterolo “cattivo”), diminuiscano con una dieta a basso indice glicemico contenente una buona dose di fibre alimentari.

    C’è una teoria sull’effetto che ha una dieta a basso indice glicemico sul controllo dell’appetito. Secondo questa, il cibo ad alto indice provoca un rapido aumento della glicemia, per cui la risposta insulinica è immediata. Dal picco glicemico però si ha un altrettanto rapido ritorno alla sensazione di fame. I cibi a basso indice glicemico quindi ritarderebbero la sensazione di fame. Le indagini cliniche di questa teoria hanno prodotto risultati contrastanti.

    Se è vero che una dieta che evita picchi glicemici diminuisce l’appetito, gli effetti sul lungo termine dovrebbero portare le persone che seguono una dieta del genere a mangiare meno e gestire al meglio il loro peso per lunghi periodi. La ricerca clinica fatta sul lungo termine non ha dimostrato questo effetto.

    Per mantenere il peso che hai ora, devi bruciare le stesse calorie che immetti nel tuo corpo. Affinché tu possa perdere peso, devi bruciare più calorie di quelle che consumi. Per dimagrire sarebbe meglio combinare la riduzione delle calorie della tua dieta e aumentare l’esercizio fisico.

    Selezionare i cibi in base all’indice glicemico o al carico glicemico aiuta a controllare il peso. Inoltre permette di avvicinarsi meglio ad un’alimentazione corretta e sana, poiché molti alimenti che si vanno a scegliere nella dieta a basso indice glicemico rientrano nell’elenco di cibi per la buona salute. I cereali integrali sani, la verdura, la frutta e i prodotti a basso contenuto di grassi, hanno per la maggior parte un valore glicemico basso.

    I ricercatori mantengono comunque una certa cautela sul consigliare di affidarsi in pieno all’indice glicemico degli alimenti:

    l’indice glicemico non deve essere usato come unico riferimento per intrapendere la dieta. Si deve tenere conto anche di altri fattori nutrizionali.

    Questi fattori sono le calorie, le fibre, le vitamine, i carboidrati e tutti gli altri nutrienti.

    Oltre all’alimentazione sana, per mantenere un peso forma è indispensabile l’attività fisica. Qualsiasi dietista professionale non si dimenticherà mai di dirti che: la riuscita di una dieta si fonda anche sul regolare esercizio fisico.

    Una dieta a basso indice glicemico è un programma alimentare che tiene conto di come i cibi influenzano il livello di zucchero nel sangue.

    L’ indice glicemico è un sistema che assegna un valore numerico in base a quanto i carboidrati contenuti nell’alimento aumentano la glicemia nel sangue. L’indice glicemico in sé non è un programma di dieta, bensì uno dei vari strumenti per guidare le scelte alimentari che si fanno.

    Il termine “dieta a basso indice glicemico” si riferisce a un programma di dieta che usa l’indice come guida primaria o per la pianificazione del pasto. A differenza di alcuni altri piani alimentari, una dieta a base di cibi con bassi indici glicemici non deve per forza tenere conto delle porzioni o del numero ottimale di calorie per perdere peso o il suo mantenimento.

    Molte diete commerciali popolari, libri e siti web che si occupano di diete, basano i loro programmi sull’indice glicemico. Esempi possono essere la dieta a zona, la dieta Montignac.

    Lo scopo di questo regime alimentare è quello di mangiare alimenti contenenti carboidrati a lento rilascio. Cibi a basso indice glicemico sono quelli che evitano un veloce picco glicemico nel sangue. Questa dieta è un mezzo per perdere peso e prevenire le malattie croniche che derivano dall’obesità, come diabete e malattie cardiovascolari.

    Si può scegliere di seguire la dieta con alimenti a basso indice glicemico perché:

  • vuoi perdere peso o mantenere un peso forma
  • si ha bisogno di aiuto per pianificare l’alimentazione e mangiare pasti sani
  • bisogna tenere sotto controllo i valori degli zuccheri nel sangue per seguire un piano di trattamento del diabete
  • Le prove scientifiche che sostengono che la dieta a indice glicemico basso faccia perdere peso non sono prive di contraddizioni. Potresti ottenere gli stessi benefici per la tua salute con una dieta sana e con la giusta quantità di attività fisica.

    Informati sempre, valuta assieme al tuo medico o al tuo nutrizionista prima di iniziare qualsiasi dieta dimagrante. Sopratutto se ti alleni in modo assiduo, ad elevate intensità o se soffri di diabete.

    Il principio del GI (glycemic index) è stato sviluppato per una strategia nel guidare le scelte alimentari delle persone con diabete. Un database internazionale dell’indice glicemico è conservato al Sydney University. Il database contiene i risultati degli studi condotti lì e negli altri centri di ricerca in tutto il Mondo.

    Una panoramica di base dei glucidi, degli zuccheri nel sangue e dei valori GI è utile per comprendere le diete dell’indice glicemico.

    I carboidrati sono un tipo di nutrienti contenuti negli alimenti. Le tre forme base sono zuccheri, amidi e fibre. Il nostro corpo rompe gli zuccheri e gli amidi in un tipo di zucchero chiamato glucosio, la principale fonte di energia per le cellule del nostro corpo. La fibra invece passa attraverso lo stomaco, perlopiù senza essere digerita.

    Esistono due ormoni principali prodotti dal pancreas e che regolano il glucosio ematico. L’insulina sposta il glucosio dal sangue verso le cellule. Il glucagone aiuta a rilasciare glucosio immagazzinato nel fegato quando il livello di zucchero nel sangue (glicemia) è poco. Questo processo aiuta a mantenere il corpo alimentato e mantiene l’equilibrio naturale di glucosio.

    dieta giornaliera gratis

  • Un yogur desnatado con 1/2 ciruela troceada.
  • Gelatina Light con dos cucharadas de ricota.
  • Brocheta de pollo, con panceta y cebolla a la plancha.
  • Para almorzar a media mañana

  • Atún al natural con brócoli hervido y queso parmesano rallado.
  • Gelatina Light con media manzana troceada.
  • Ensalada de rabanitos y acelga salteada con trocitos de jamón dulce.
  • Mejillones hervidos con perejil, ajo y un poquito de aceite de oliva.
  • Para almorzar a media mañana

  • Gelatina Light con dos cucharadas de queso blanco.
  • Dos claras de huevo cocidas, rellenas con ricota y pickles.
  • Para almorzar a media mañana

  • Gelatina Light con media manzana troceada o media ciruela.
  • Para almorzar a media mañana

  • Gelatina Light con dos cucharadas de ricota.
  • Ensalada de camarones con palmitos y mayonesa.
  • Gelatina Light con medio durazno troceado.
  • Para almorzar a media mañana

  • Gelatina Light con media ciruela troceada.
  • Gelatina Light con media ciruela troceada.
  • Hamburguesas con tomate y cebolla picados.
  • Para almorzar a media mañana

  • Gelatina Light con dos cucharadas de queso blanco.
  • Rollitos de jamón dulce con palmitos, aceitunas picadas y mayonesa.
  • Huevos hervidos con espárragos y mayonesa.
  • Gelatina Light con media ciruela picada.
  • También te pueden interesar estos artículos:

    hice una dieta proteica, me dio muy buen resultado, lo que no se que tengo que hacer para mantenerme y ademas cuando como de mas que tengo que comer en los dias sucesivos y no engordar

    hola, quisiera que alguien me ayudara. en esta dieta proteica, solo se debe de comer unas de las opciones, verdad? porque por cada comida de un dia, hay varias opciones. por ejemplo: para el desayuno hay

    2. gelatina light con dos cucharaditas de ticota descremada.

    solo hay que elegir una de las dos opciones, verdad? o hay que comerse las dos cosas? esque lo veo bastante comida. porque yo no suelo ni desayunar ni merendar, jajajajajajaja

    tengo una duda, si yo realizo una dieta proteica, y no tengo carbohidratos como es posible realizar actividad fisica. si el organismo el primer combustible que utiliza son los carbohidratos, los musculos utilizan este combustible que es la principal fuente de energia, y para lograr quemar grasas necesito minimo dos semanas de entrenamiento.

    Me encanta la hiper proteica es buenísima loque pasa es que engordo cuando como otros alimentos.

    El pan de gluten está permitido??Lo que pasa que me encanta el pan

    hola la dieta proteica es muy buena para bajar de peso rapidamente pues el metabolizar la proteina se gasta mas energia para porder absorverla y la grasa retarda el vaciado gastrico, por eso aguantas mas tiempo llena y sin hambre, pero en mi opinion no es recomendable hacerla por largos periodos, puesto que te puede perjudicar el riñon, debes de tomar agua en abundancia, ademas se ha comprobado que ser tan carniboro aumenta el acido urico y el colesterol malo, esta dieta no es para todas las personas. Es mejor una asesoria con una nutriologa para que sepas si eres o no candidato.

    Hola chicos, la dieta proteica cuenta con carbohidratos en las verduras y lacteos, a lo sumo pueden comer 4 galletitas de salvado por dia, dos en el desayuno y dos en la merienda, esta dieta es muy buena por que corta con la ansiedad que provoca el comer harinas, son adictivas, mientras mas comes mas queres y de a poco volves a comer en cantidad,ademas las harinas en exceso dan sueñoooo. yo hice la dieta proteica y me dio muy buenos resultados, bajas rapido y ademas te desincha,tenes mas energia para el dia. baje 15 kilos en 2 meses. pruebenla. tomen mucha agua, y mucho ejerciciio!!

    prodotti chimici per dimagrire

    Vi farò sapere dei miei progressi, grazie ancora,

    Ciao, oggi una mia collega mi ha parlato del tuo regime alimentare, l’idea mi è piaciuta molto e sono intenzionata a provare, ma come tante persone, penso, ho il problema della colazione salata. Io in cucina me la cavo abbastanza, volevo chiedere se posso a colazione mangiare legumi lessati insieme a nocciole o mandorle (frutta secca in genere) frullati insieme ad un uovo e cuocerli.

    Un’altra domanda si possono usare i dolcificanti?

    A pranzo oltre alla carne e verdura si possono mangiare i legumi?

    oggi inizio la tua dieta, per la seconda volta: si potrebbe pensare che non sia molto perseverante, infatti è così, ma voglio provarci seriamente stavolta. Considerando il fatto che lavoro circa 10 ore al giorno, non riuscirò a fare esercizio fisico, secondo te ha senso fare solo la dieta? Dovrei perdere circa 15/20 chili per essere magra e tornare al mio peso forma, ma già perdere 10 kg mi permetterebbe di essere 63 kg, ovvero molto più magra e molto più sana. Ti chiedo dei onsigli per la colazione proteica, grazie

    Prima settimana, cercando di restare dentro i canoni della dieta -1 kg: sono uscita un po’ dal seminato per 3 giorni, ovvero ho mangiato della focaccia dolce, è comunque troppo poco 1 kg, secondo te potrei fare di più o va comunque bene?

    ciao furio, mi sono iscritta e mi è arrivato il pdf, grazie! ho letto il tuo articolo, i commenti e il pdf e anche un po’ in giro su questa dieta, ma ho ancora un paio di dubbi: puoi aiutarmi? la mattina non ho mai fame, bevo un caffè americano e stop(lavoro a casa) la fame mi viene non prima di un ora dopo, e allora volentieri posso fare la colazione che proponi: c è un orario entro il quale dovrei fare la colazione?tipo entro 1 ora dalla sveglia o simili?inoltre volevo chiederti se posso mangiare fuori pasto (oltre le merende di mandorle) ma sempre gli alimenti consentiti.tipo: alle 23.30 ho fame, posso mangiare carne o verdura o legumi? se mi rispondi ti ringrazio tanto

    Innanzitutto complimenti per tutto! Mi hai aperto un mondo.

    Dopo anni di diete ed esperienze varie di dietologi e nutrizionisti mi ritrovo a lottare coi miei 10 kg di troppo, oggi in realtà sono diventati 15 dato che ho partorito da 5 mesi ed ora allatto mio figlio ( il 20 marzo inizieró lo svezzamento).

    Ho trovato la dieta davvero interessante, visto che non parli di quantitá e contrariamente a tutti i medici che ho conosciuto che consigliano di alzarsi da tavola con la sensazione di avere ancora fame, tu consigli di saziarsi con legumi, verdure e mandorle :-) la cosa mi piace ma un po mi spaventa…proprio perchè mi hanno sempre detto l’opposto.

    Ad ogni modo voglio tentare ma avrei delle domande da porti:

    1) Tra gli ingredienti da utilizzare in dieta è presente l’olio d’oliva, ma in che quantità? Posso utilizzarne quanto voglio?

    2) Suggerisci poi di evitare le fritture,almeno nei sei giorni di dieta, ma le ricette sono a base di soffritti…non fa nulla?

    3) Visto che allatto, ma in generale per la donna che deve assumere parecchio calcio, non si dovrebbe integrare parte dei latticini?

    1) Vedi tu, secondo me la differenza vera è data dall’evitare cibi processati e carboidrati. Il resto son dettagli.

    senti io volevo chiederti qualcosa inerente al giorno dell'”abbuffata” ..io non pratico un vero e proprio sport e non vado in palestra..diciamo che faccio camminate da 1 ora un giorno si e uno no seguite da una serie di addominali a casa..oppure vado in bici per un ora..insomma non pratico un’attività sportiva intensa…mi posso permettere anch’io di concedermi un’abbuffata come la tua..tipo 1 pizza 1 gelato e patate al forno in un solo giorno..o rischio di rovinare tutto cio che ho fatto negli ultimi 6 giorni? grazie.

    sì, è importante farlo anche se non fai sport. Il motivo è che ti aiuta a tenere alto il metabolismo (e il morale. )

    Ciao Furio!! Complimenti per il blog e soprattutto per questo articolo!! Davvero, davvero utile. Sto seriamente pensando di iniziare questo nuovo stile di vita ma prima toglimi un dubbio, se ti è possibile..

    All’inizio dell’articolo citi due libri, uno di Tim Ferriss e uno di Mike Geary ma, da quanto ho capito, tu utilizzi la dieta del primo. Volevo chiederti se Mike Geary utilizza una dieta diversa oppure si assomigliano e, per questo, hai preferito uno ai due. Qualora non fosse così, quali sostanziali differenze ci sono tra le due diete?

    quella di Ferriss è più estrema e secondo me è ideale per perdere peso. Quella di Geary invece mi sembra più sostenibile a lungo termine. In ogni caso per iniziare non hai bisogno di nessun libro visto che è tutto scritto nell’articolo (a meno che tu non voglia approfondire!).

    Ho iniziato la dieta da circa 10 gg ed ho perso 3 kili e mezzo (Poco? Troppo? Nella media? Non me ne intendo molto..). Tieni presente che non faccio sport e che “sgarro” due giorni, il venerdì e il sabato (anche se limitandomi per non esagerare ovviamente), lo preferisco perché sono di OTTIMA forchetta e, facendo così, “soffro” di meno!! ;)

    Probabilmente più avanti approfondirò con il libro di Geary. Già mi sono un pò informata su internet e sicuramente lo comprerò quando avrò perso abbastanza kili da voler mantenere solo il mio peso..

    Come sto andando a tuo parere? Qualche consiglio da darmi?

    Grazie infinite per la tua disponibilità!! :)

    ti ringrazio molto per questo e altri articoli che ho trovato molto utili. Mi chiedevo se potevi chiarirmi un paio di dubbi su questa dieta: l’ho iniziata poco più di 40 giorni fa ed ho perso 7kg circa. Circa perché mi capita di avere sbalzi fino a un paio di kg da un'”abbuffata” a quella successiva… È normale tutto ciò?

    Inoltre durante queste settimane non ho fatto sport perché ero piuttosto impegnata con le ultime interrogazioni, ma ora mi ci metterò e mi chiedevo, dopo la corsa con 8 picchi più esercizi senza pesi per i muscoli in generale, posso permettermi dei carboidrati? E se sì, è necessario che mangi carboidrati ogni volta dopo gli allenamenti o no?

    Questa settimana ho due cene e non riuscirò a sgarrare un unico giorno.

    gli sbalzi sono normali, si tratta di acqua dovuta ai carboidrati che infatti si riperde in uno-due giorni. Sì, mangiare carboidrati subito dopo la corsa a 8 picchi (al max 30-60 minuti) è ottimo.

    Voglio proprio farti i complimenti per il tuo blog… Oltre che ben fatto credo che sia davvero un aiuto per molti! Io per esempio ho deciso di iniziare oggi con questo nuovo regime alimentare. In realtà mi ero già “avvicinata” a qualcosa di simile leggendo “La Paleo dieta” di Robb Wolf, ma per un motivo o per l’altro non ho mai iniziato davvero un percorso per perdere peso… Ora sono sotto maturità e nel giro di tre settimane ho preso cinque chili per questa cavolo di fame nervosa! Quindi poco fa ho trovato il coraggio di pesarmi e, per 1.80 di altezza, ho raggiunto la bellezza di 75.5 kg. Obiettivo: tornare ai miei bei 67 kg (o magari qualcosa in meno. ) che ormai non vedo nemmeno lontanamente da circa tre anni! Tra l’altro gioco a pallavolo, quindi a settembre vorrei proprio ricominciare gli allenamenti in forma.

    Volevo solo chiederti un paio di cose…

    I latticini quindi sono da escludere al pari dei carboidrati derivati da farinacei, dolci ecc.? E i condimenti come si devono regolare? Poi non ho ben capito se nel giorno libero si possa proprio mangiare di tutto e in qualsiasi quantità o se comunque ci si debba regolare un minimo.. Lo chiedo perchè mi conosco, sono decisamente troppo golosa! :)

    Ti ringrazio in anticipo e ancora complimenti per il lavoro che hai fatto!

    Ah e buona fortuna per il tuo libro… il mio sogno nel cassetto è scrivere, un giorno, quindi ti auguro davvero di poterlo pubblicare :)

    All’inizio io escluderei i latticini. Poi magari puoi tornarci una volta che hai perso i chili di troppo. Io tento di usare solo olio di oliva. No, non c’è bisogno di regolarsi.

    Ciao ho letto ora il tuo articolo e lo trovo fantastico…ancor prima di leggerlo adotto anch io questo stile alinentare con 3 sessioni di cardio e 3 di pesi a settimana con abbuffata nei festivi e la mia bilancia non si ribella anzi mi ringrazia per la ricarica settimanale :Dpremetto che sto uscendo da un periodo di anoressia alternata a binge e qsto metodo mi ha aperto una realtà considerata fino a un anno fa impensabile. Funziona veramente